ATTUALITÀ - montecarloin.net

10º Congresso dell’AOMF e 20 anni della rete francofona dei Mediatori e Difensori Civili

10º Congresso dell’AOMF e 20 anni della rete franc...
Mercolediì 21 novembre 2018, Anne Eastwood nella foto, (ft.©D.R.)

Le istituzioni indipendenti della mediazione e della protezione dei diritti di 37 Paesi francofoni si sono riunite a Bruxelles e Namur per il 10º Congresso dell’Associazione dei Difensori Civici e Mediatori Francofoni. A Namur e a Bruxelles si sono susseguite le riunioni durante 4 giorni.

Tre giorni d’intenso lavoro che hanno coperto una vasta gamma di temi, tra cui lo stato di diritto internazionale, il contributo dei difensori civici e dei mediatori alla pacificazione delle crisi e alla valutazione dell'attuazione delle risoluzioni AOMF di Tirana del 2012 sui diritti dei minori e del 2016 sui migranti. Anne Eastwood, Alto Commissario per la protezione dei diritti dell'uomo a Monaco, si è rivolta ai suoi colleghi e ai rappresentanti delle organizzazioni internazionali invitate (OIF, OCSE, Commissione di Venezia del Consiglio d'Europa) per informare del ruolo dei difensori civici e dei mediatori, nella sviluppo della buona amministrazione.

Uno scambio d’opinioni è seguito con il Segretario Generale del Ministero della Federazione Vallonia-Bruxelles, che ha dato la sua visione concreta del contributo del Mediatore nei passi avanti dell'Amministrazione regionale della Vallonia per sostenere il miglioramento continuo della qualità del servizio pubblico fornito agli utenti.

Questa è la prima volta che un'istituzione molto giovane, come è l’Alto commissariato dei diritti di Monaco nato poco circa 4 anni fa e membro di AOMF da soli 3 anni, abbia l'opportunità di far parte del Consiglio di amministrazione. della rete, con l'obiettivo di lanciare nuove iniziative volte a rafforzare e sostenere lo slancio della cooperazione tra Difensori civici e Mediatori al servizio delle persone e del buon governo.

S.A.S. il Principe Albert II inaugura l'Agorà

Albert II =-Agorà inauguration.jpg
Albert II-Barsi Caroline-Charlene-Agorà.jpg
Sabato 17 novembre 2018, (ft.©Eric Mathon/PalaisPrincier)

S.A.S. il Principe Albert II, accompagnato da S.A.S. la Principessa Charlene e S.A.R. la Principessa di Hannover, ha inaugurato al fianco dell'Arcivescovo di Monaco Monsignor Barsi la casa diocesana Agorà.

Dopo la visita, il Sovrano e Monsignor Barsi hanno svelato la placca che ricorda il giorno dell'inaugurazione a cui hanno presenziato anche i 300, grandi e piccoli, benefattori che hanno permesso la realizzasione della casa diocesana di Monaco.

Sabato 17 Novembre porte aperte all'AGORÀ

Agorà- Maison Diocesane Monaco-WSM.jpg
L'entrata della casa diocesena a Monaco
Bernard Barsi- Guillaume Paris-Julien Gollino-Agor...
Da sinistra l'Arcivescovo, Bernard Barsi, il Vicario Generale Guillaume Paris e l'Abate, direttore dell'Agorà Julien Gollino
Mercoledì 14 novembre 2018, (ft.©WSM/Colman)

L’arcivescovo di Monaco, Monsignor Bernard Barsi, ha invitato la stampa per una visita in ante-prima della casa diocesana L’Agorà. “Spero che diventi il luogo che possa riunire le persone, una vera piazza pubblica aperta a tutti, seguendo il significato del nome- ha detto Monsignor Barsi- sarà luogo d’incontro, di culto, di preghiera ma anche di discussione, di riflessione, di scambi e di cultura”. 

La casa è situata in rue Bellevue, subito sopra il boulevard Princesse Charlotte e vi si può accedere attraverso l’ascensore pubblico poco lontano dalla stazione, dove per altro si può parcheggiare.
Sono occorsi circa 2 anni e mezzo per realizzarla e con tanta fede, il miracolo è avvenuto. Infatti, l’Arcivescovo ha ricordato che erano proprietari a Monaco di due monolocali che hanno venduto per poter acquistare dalle suore, che lasciavano la loro casa per mancanza di vocazioni, il terreno, proprio per la cifra che avevano ottenuto dalla vendita: 3 milioni di euro. “Le suore ci sono venute incontro, dato che la loro casa era vecchia e malandata e andava distrutta ci hanno fatto pagare solo il prezzo del terreno. Poi abbiamo lanciato la sottoscrizione. Il governo ci ha dato un contributo di 2 milioni di euro, 8 milioni sono arrivate dalle donazioni, piccole e grandi e poi abbiamo avuto gli aiuti dalle imprese, sia nella realizzazione della casa  che nel suo arredamento”. In tutto la chiesa di Monaco è riuscita a trovare 10 milioni di euro, dato  che la spesa però totale ammonta a 12 milioni 350 mila euro, l’Arcivescovo ha dovuto fare un mutuo e con “l’aiuto di tutti – ha detto Monsignor Barsi – riusciremo a pagarlo rapidamente.All’inizio non ci dormivo di notte, ma credo che ce la faremo!”.

All’interno della casa diverse sale riunioni, gli uffici diocesani finalmente riuniti sotto lo stesso tetto, due monolocali per ospitare gli invitate che tengono le conferenze organizzate dalla diocesi, una sala conferenze-cinema, una biblioteca, una tisaneria e naturalmente l’archivio.

Da sottolineare che L’Agorà è assolutamente al passo coi tempi, tutta digitalizzata, è dotata di telecamere in linea per seguire gli eventi in diretta e trasmetterli in sala cinema, archivi digitalizzati oltre al sito internet sempre più performante, utilizzazione  dei social network, per raggiungere anche i più giovani, grande lavoro effettuato dal servizio comunicazione e protocollo curato da Ferxel Furgon su domanda dell’Arcivescovo.

La casa, che sarà diretta dall’Abate Julien Gollino, aprirà le sue porte al pubblico sabato 17 novembre,  dalle ore 10 alle 17, al suo interno tutto un ricco programma con tante animazioni. Dalla mostro fotografica di Jean-Pierre Debernardi,  alla scoperta delle chiese di Monaco all’esibizione dei Piccoli Cantori di Monaco alle 14,30, passando dalle animazioni musicali degli allievi dell’Accademia di musica Rainier III; inoltre in video, si potrà scoprire la vita della diocesi monegasca.

Agorà Cappella-WSM.jpg
La Cappella in corso di finitura, con i vetri realizzati artigianalmente dalla ditta colicon
Arcivescovo di Monaco Bernard Barsi- Agorà-WSM.jp...
L'Arcivescovo sulla terrazza della casa diocesana
Agorà Monaco-sala cinema-conferenze.jpg
La sala cinema-conferenze

La transizione digitale è più importante dei Diritti delle Donne?

La transizione digitale è più importante dei Dirit...
Lunedì 12 novembre 2018, Nathalie Amoratti-Blanc e Stéphane Valeri, (ft.©JWSM/Colman)

Nonostante i tanti passi avanti fatti per cercare di diminuire la diseguaglianza tra uomo e donna purtroppo c’è ancora tanto da fare e il Principato di Monaco che in tanti settori è uno Stato moderno e all’avanguardia resta invece in dietro nei diritti delle donne

L’unico a cui, da parecchi anni, pare stia a cuore questa ricerca di parità è il Presidente del Consiglio Nazionale, Stéphane Valeri, che in un incontro con la stampa, insieme alla Presidente della Commissione dei diritti delle Donna e della Famiglia, Nathalie Amoratti-Blanc, ha spiegato i prossimi passi per superare le diseguaglianze. Valeri ha ricordato quanto fatto nel passato: “Con il dottore Michel-Yves Mourou, siamo stati all'origine della legge del 1992, che ha dato l'eguaglianza alle madri monegasche nella trasmissione della nazionalità ai loro figli; la legge fu approvato all'unanimità il 19 dicembre 1991”. Valeri durante i suoi mandati ha continuato su questa strada e dopo la sua elezione a Presidente del Consiglio Nazionale del 2003 creò la Commissione dei Diritti della Donna e della Famiglia, la cui prima presidente fu Catherine Fautrier. Con lei Valeri preparò e fece votare alla legge per l’interruzione della gravidanza per motivi di salute, era il 2009 e la legge n.1.278 del 29 dicembre 2003, che portò finalmente all'uguaglianza tra marito e moglie all’interno del matrimonio ma anche nell’esercizio dell’autorità parentale e rimosso la nozione arcaica di "potere paterno”, sostituito dall'autorità genitoriale. Infine Valeri ha aggiunto una nuova parità tra uomo e donna, facendo approvare nel 2011 la legge che autorizza anche le donne monegasche a trasmettere la propria nazionalità al marito al momento del matrimonio.


CONSIGLIO NAZIONALE: NUOVE INIZIATIVE A FAVORE DELLE DONNE


Nathalie Amoratti-Blanc ha presentato i punti principali dei lavori della Commissione come la questione sull’uguaglianza della donna nello status di capo famiglia. “A questo proposito – ha detto la presidente - vorrei prima tornare all'annuncio fatto dal governo dello statuto di capo famiglia per le donne. Vi ricordo che questa misura, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio prossimo, riguarda solo le donne dipendenti pubblici, agenti dello Stato e del Comune che risiedono a Monaco. Purtroppo però questo dispositivo crea, una nuova disuguaglianza tra le donne nel servizio pubblico da un lato, le salariate e le lavoratrici autonome dall'altro che sono escluse dal provvedimento. Chiediamo pertanto al governo di colmare questa lacuna al più presto.- Prosegue Amoratti-Blanc - Per le lavoratrici autonome chiediamo l'immediata attuazione della possibilità di essere capo famiglia. Questa riforma è giustificata da quando il governo ha fatto sapere che saranno finalmente introdotti gli assegni familiari per la categoria dei lavoratori indipendenti, che fino ad oggi non li hanno mai percepiti. Ricordiamo che si tratta di una cassa autonoma e, come indicato dallo stesso Ministro per gli Affari Sociali Gamerdinger, che voleva la riforma, potrà attuarla in tutto il Principato, senza dover rinegoziare gli accordi di convenzione sociale con la Francia, come invece sarà obbligatorio fare per le salariate. Infine, ci sorprende che il governo affermi che per applicare questo diritto bisogna attendere la fine delle trattive con l’Unione Europea”.
Céline Cottalorda - copie.jpg
Nella foto, Celina Cottalorda Delegata al comitato per promozione e la protezione dei diritti delle donne, (©Manuel Vitali/Direc. Com.)

La presidente della Commissione si è complimentata con il governo per l'Ordinanza Sovrana pubblicata lo scorso 9 novembre, per la creazione del Comitato per la promozione e la protezione dei diritti delle Donne. “Tuttavia – ha detto Nathalie Amoratti Blanc - ci rammarichiamo del fatto che questa misura manchi di ambizione. Il Comitato che dovrebbe combattere anche ogni forma di discriminazione e diseguaglianza verso le donne vede al suo interno rappresentanti dell’amministrazione, dei servizi giudiziari ed è guidato dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione con la presenza di una Delegata per la protezione delle donne, nella persona di Celine Cottalorda. Ci chiediamo perché non è lei a dirigere il Comitato e perché al suo interno non è presente Anne Eastwood Alto Commissario ai Diritti dell’Uomo e alcune rappresentanti di associazioni femminili, che saranno invitate solo a seguire dei lavori?” In effetti l’avvocatessa Eastwood era tra i nomi suggeriti dal Presidente Valeri al governo, viste le sue competenze.
Ha concluso la presidente Amoratti-blanc: “Riteniamo inoltre che il governo non abbia pienamente preso in considerazione la possibilità di difendere i diritti delle donne, non avendo un vero delegato interministeriale come ha giustamente fatto per il transizione digitale. Dobbiamo capire che la protezione dei diritti delle donne è meno importante della transizione digitale?”.
 
La marcia verso l'uguaglianza di genere è un duro lavoro, e sicuramente il dibattito è appena iniziato, il 3 e 4 dicembre si svolgeranno le sedute legislative e l’argomento sarà al centro delle discussioni.
 
Intanto il Presidente Valeri ha ribadito che il Consiglio Nazionale è il posto più legittimo per il dibattito sociale e altro argomento al centro delle discussioni nella sessione di primavera 2019 sarà il contratto di vita comune, per poter preparare un progetto di legge. Valeri ha poi aggiunto: “Confermiamo che il dibattito sulla depenalizzazione dell’interruzione volontaria della gravidanza si svolgerà presso il Consiglio Nazionale a gennaio del prossimo anno, in seno della Commissione dei diritti delle Donna e la proposta di legge sarà esaminata in seduta pubblica prima della fine del mese di giugno”.

Monaco firma il Protocollo di modifica sulla protezione dei dati personali

Monaco firma il Protocollo di modifica sulla prote...
Mercoledì 7 novembre 2018, (ft.©D.R.)
 
Al Consiglio d'Europa, a Strasburgo, Monaco ha firmato insieme ad altri 20 Stati, il Protocollo che modifica la Convenzione per la protezione delle persone riguardo al trattamento automatizzato di dati personali a livello internazionale.
La presente convenzione, aperta alla firma nel 1981 e attualmente composta da 53 Stati parti, è l'unico strumento internazionale giuridicamente vincolante di portata mondiale che conferisce alle persone il diritto alla protezione dei loro dati personali e impedisce qualsiasi abuso del trattamento automatizzato di tali dati.

Si occupa quindi dei problemi posti da termini di rispetto della privacy, l'uso di nuove informazioni e tecnologie di comunicazione. Il Protocollo modernizza la Convenzione e mira a rafforzare i principi della protezione dei dati in un mondo sempre più digitale e globalizzato. Garantirà un maggiore controllo dei propri dati da parte di individui e fornirà agli Stati un regime chiaro per i flussi di dati transfrontalieri.

Nuove politiche e regole per gli alloggi demaniali

Nuove politiche e regole per gli alloggi demaniali
Giovedì 1º novembre 2018, Il Ministro delle Finanze, Jean Castellini, (ft.©Michael Alesi/Direction communication)
 
Il Ministro delle Finanze e dell’Economia, Jean Castellini, ha parlato della politica del governo in materia di assegnazione delle case demaniali. In particolare il ministro ha fatto riferimento a due decreti ministeriali, che saranno pubblicati venerdì 2 novembre, relativi alla presa in considerazione dei punti di anteriorità nelle condizioni d’attribuzione delle abitazioni demaniali e all'assunzione a carico dello Stato, sotto forma di prestito a tasso zero, della cauzione e della commissione di agenzia nel settore libero degli affitti.

Ha spiegato il ministro: "Il governo è coinvolto in una visione globale della politica abitativa, in accordo con il Consiglio Nazionale. Sono molte le idee che ci ha suggerito il Consiglio Nazionale, proprio grazie alla loro esperienza vissuta in prima persona, parlando con la gente durante la campagna elettorale. Stiamo pertanto mettendo in pratica misure concrete come quelle che saranno pubblicate venerdì. Misure a medio e lungo termine, e misure di accompagnamento".

A partire dal 1° gennaio 2019, gli affitti di riferimento dell'ANL e il canone di locazione dell'ADL saranno rivalutati. Per il primo tra il 15 e il 29% in base alla tipologia di appartamenti che vanno dal monolocale al 4 camere, per il secondo del 5% per ogni tipo di alloggio. “Il governo prosegue nella politica d’investimento e acquisizione grazie alle finanze sane. – ha aggiunto Castellini - Negli ultimi 3 anni sono stati investiti 315 milioni di euro per l'acquisizione di 13 edifici e oltre 65 appartamenti destinati a cittadini di nazionalità monegasca. Nel legge finanziaria 2019, sono stati destinati 100 milioni di euro per consentire l'avvio di operazioni demaniali intermedie e l'acquisizione di nuovi edifici o appartamenti, con l'obiettivo di poter ospitare più monegaschi nel settore demaniale”.

Il ministro ha poi confermato l’accordo raggiunto per l’acquisto di Villa “Les Platanes”, che permetterà il lancio della prima fase del progetto Ida, tra circa un anno, il progetto infatti è ancora in fase di studio. Il Ministro ha spiegato che le nuove disposizioni seguono l’andamento reale del mercato immobiliare privato del Principato, proprio per aiutare in modo concreto anche quei monegaschi che avessero bisogno di aiuti se dovessero essere alloggiati nel settore privato.

Infine il Ministro ha ricordato che tutti coloro che vivono nelle case dello Stato non hanno nessun diritto di riaffittare la loro casa a terzi o a sfruttarla per Airbnb. "Chi non rispetterà le regole saraà penalizzato e si potrà arrivare anche all'espulsione".

Si contano i danni a Monaco in attesa dell’arrivo della nuova tempesta

Si contano i danni a Monaco in attesa dell’arrivo ...
Mercolediì 31 ottobre 2017,(ft. @Manuel Vitali/direc.com)

Il litorale monegasco, così come quello della Costa Azzurra e della Liguria è stato spazzato dalla tempesta di mare, vento e pioggia della scorsa notte. Un episodio meteorologico eccezionale. Il più colpito è stata la spiaggia del Larvotto e le strutture, negozi, palestra, ristoranti. Le ode del mare sono entrate all’interno aggiungendosi alle piogge torrenziali allagando i locali.  
Martedì mattina il Ministro dell’Urbanismo e Infrastrutture, Marie-Pierre Gramaglia, ha impegnato il personale in collaborazione con la SMA, per iniziare l’opera di raccolta e pulizia della zona. Presenti al Larvotto  per incontrare i commercianti il Ministro dell’Economia, Jean Castellini, Jean-Luc Puyo, direttore della Pianificazione Urbana, e Remy Rolland, Amministratore del Demanio.  
Marie-Pierre Gramaglia ha dichiarato: “Dopo una pulizia della zona saranno rinforzati i mezzi per salvaguardare il posto da una nuova mareggiata
Jean Castellini ha confermato:  “Tutto sarà fatto per riportare tutto a posto e andare in aiuto a chi ha perduto tutto”.
 
Marie-Pierre Gramaglia si è poi recata al porto di Fontvieille, per vedere i danni subiti dal centro Roca Jet Club e dall’eliporto dove le due piattaforme amovibili, le reti di protezione e le facciate  mare degli hangars sono state toccate ma fortunatamente senza conseguenze sul traffico degli eliporti.
Anche la diga del porto di Hercule è stata controllata ed è stato chiuso provvisoriamente il parcheggio per questioni di sicurezza.
I servizi dello Stato restano mobilizzato per la nuova allerta meteo annunciata per la notte tra mercoledì 31 ottobre e giovedì 1 novembre.

Qualità della vita a Monaco, fermi i cantieri nei giorni festivi

Qualità della vita a Monaco, fermi i cantieri nei ...
Lunedì 29 ottobre 2018, il cantiere dell'Ansa du Portier che nel primo anno di lavori nonostnte i pannelli fonoassorbenti hanno provocato molti disagi agli abitanti del quartiere Larvotto, (ft.©WSM/Colman)
 
Troppi cantieri, troppi rumori. È quello che si ripete ormai da un paio di anni a Monaco. Dopo tante discussioni politiche, il Ministro dell’Urbanismo, Marie-Pierre Gramaglia ha annunciato la decisione per cui, per ritrovare il giusto equilibrio tra qualità di vita dei residenti e sviluppo del Paese, il governo ha deciso di agire sugli orari dei cantieri.

Dopo un incontro con i professionisti delle costruzioni è stato deciso che i cantieri edili non lavoreranno più il sabato la domenica, la notte, dal 24 dicembre al 1º gennaio e tutto il mese di agosto. Dal lunedì al venerdì gli orari saranno dalle ore 7.30 alle 19 con pausa pranzo.

Ogni cantiere, sia esso pubblico o privato dovrà informare i residenti del quartieri su quello che si sta facendo. Senza dimenticare l’uso del sito internet infochantier.mc dove sono pubblicate tutte le notizie non solo dei cantieri edili ma anche dei lavori su strada. L’innovazione andrà in aiuto ai cantieri, con nuove normative imposte attraverso l’utilizzo obbligatorio di materiali e mezzi che diminuiranno nettamente i rumori. Non ci saranno più derogazioni per i lavori notturni a meno che non si debbano riparare guasti urgenti.
È stata istituita anche una commissione affinché abbia uno scambio con i professionisti del settore sui dispositivi anti rumore e in ogni cantiere ci sarà un referente che potrà essere contattato dagli abitanti del quartiere.

Ma la qualità della vita passa anche per il traffico. Il governo incita gli abitanti e i lavoratori pendolari ad un uso ragionato delle auto. Purtroppo ancora oggi si vedono grosse auto con a bordo un genitore che accompagna un figlio a scuola, peggiorando il traffico per nulla, quando c’è un servizio bus efficiente che accompagna a partire dai bimbi delle scuole materne fino ai ragazzi dei licei. Si chiede ai lavoratori pendolari di condividere le auto per venire a lavorare nel Principato.

Nel prossimo futuro è previsto un incremento ulteriore del servizio bus; allo studio anche un piano ciclabile, una guida di punti di ricarica per i mezzi elettrici. Tutti impegni che oltre a contribuire alla qualità della vita diminuiscono il traffico e quindi l’inquinamento atmosferico.

Fiocco azzurro per Charlotte Casiraghi

Fiocco azzurro per Charlotte Casiraghi

Mercoledì 24 ottobre 2018, (ft.©Palais Princier)

S.A.R. la Principessa di Hannover e l'attrice Carole Bouquet hanno comunicato, attraverso l'ufficio stampa di Palazzo, la loro gioia nell'annunciare la nascita del loro nipotino, figlio di Charlotte Casiraghi e Dimitri Rassam, i rispettivi figli. Il bimbo, di cui non si conosce ancora il nome, è nato martedì 23 ottobre.

Si tratta del secondo figlio per entrambi; Charlotte è già mamma di Raphaël, 5 anni, avuto dal comico Gad Elmaleh mentre Dimitri Rassam ha una bambina Darya, nata nel 2011 dall’ex moglie Masha Novoseiova.

Presentazione della legge di bilancio 2019

Presentazione della legge di bilancio 2019
Mercoledì 24 ottobre 2018, (ft.©Direction de la Communication / Manuel Vitali)

Il governo guidato dal Ministro di Stato ha incontrato la stampa per parlare della legge di bilancio, approvata dal Consiglio Nazionale. Il Ministro Telle ha spiegato: “La legge di bilancio vuol dire cercare un equilibri tra quello che si può fare subito le priorità e quello che si può fare in futuro”.

Ha poi aggiunto che: "Le finanze pubbliche sono in ottima forma e la legge di bilancio 2019, prresenta un avanzo di 3,7 M € rispetto i 2 M € del bilancio 2018”. Le previsioni della manovra finanziaria, rispetto al 2018, prevedono entrate per 1346 milioni di euro, + € 128,5 milioni (+ 10,6%) e spese per € 1342 milioni, + € 126,8 milioni (+ 10,4%)".

La legge di bilancio tiene conto delle priorità come la transizione digitale, quella energetica, gli alloggi demaniali con un aumento del parco grazie a delle acquisizioni con operazioni intermedi e poi la sanità, l’educazione con l’aumento delle borse di studio; la sicurezza con l’aumento di 10 agenti stradali ma anche con grande attenzione verso la cyber criminalità e non ultima la qualità della vita.

Il Ministro di Stato ha poi tenuto a sottolineare il ritrovato equilibrio tra le istituzioni, ed ha spiegato: “Non ci sono disaccordi con il Consiglio Nazionale, abbiamo dibattiti molto costruttivi ed, esiste un’unità profonda tra le istituzioni perché ciò che prevale è l’interesse generale di un Paese guidato dal Principe”.  (seguiranno dichiarazioni Ministri)

Circolazione sulla piazza del Casinò

Circolazione sulla piazza del Casinò
Martedì 23 ottobre 2018, (ft.©WSM/Colman)

Sarà ristabilita come in precedenza la circolazione sulla Piazza del Casinò. Nel corso dell’estate era stato cambiato il senso di circolazione con l’obiettivo di rendere più fluido 

il traffico e migliorare il flusso pedonale. I risultati non sono stati eccezionali quindi il Palazzo del Principe ha deciso di far ristabilire il precedente schema di circolazione a partire dal 1º novembre.

Una riflessione su alcuni cambiamenti nella zona proseguirà, anche in vista dell’apertura del One Monte Carlo.

L'Errore dell'OCSE, di AlKol

L'Errore dell'OCSE, di AlKol
Venerdì 19 ottobre 2018

Giunge un comunicato ufficiale dalla direzione della comunicazione di Monaco a nome del Governo.

L’Organizzazione della Cooperazione e dello Sviluppo Economico (OCSE-OCDE) ha pubblicato 
martedì 16 ottobre 2018 una lista di Stati che propongono programmi per l’ottenimento della residenza o la nazionalità attraverso investimenti.
Questa lista include il Principato di Monaco, dove le leggi e i regolamenti non prevedono peraltro alcuna procedura per l’acquisizione di residenza o nazionalità in contropartita finanziaria.

Il Governo del Principe ha immediatamente reagito fornendo all’OCSE-OCDE tutte le informazioni necessarie. A seguito di questa procedura, l’OCSE-OCDE ha pubblicato mercoledì 17 ottobre 2018 un comunicato che prendeva atto dei punti sollevati dal Governo del Principe rettificando di conseguenza gli elementi su Monaco precedentemente pubblicati.

Il Principato di Monaco non figura quindi sulla lista dei Paesi che propongono programmi per l’acquisto della residenza o della nazionalità su base economica. Questo comunicato fa molto riflettere sulla serietà e la credibilità di queste cooperazioni. Giustificata e comprensibile la reazione del Governo di Monaco, si presenta quindi il dubbio su questi comitati congiunti per il controllo e la sorveglianza delle relazioni economiche, fiscali, tributarie; una sorta di facciamo qualcosa per far vedere che lavoriamo?

Grave è la mancanza di attenzione, di rigore e scrupolo per le informazioni ricevute, il trattamento delle stesse con verifiche e la diffusione di dati e decisioni sbagliate. Una leggerezza che non può essere ammessa, visto il clamore e la reazione dei mercati quando si danno informazioni.

Chi ha passato le informazioni non si è premurato di raccoglierle forse all’origine. Chi le ha ricevute si fida di chi ha commesso un errore. Chi tratta l’argomento non è sufficientemente preparato sulla materia che sta trattando.

L’OCSE o OCDE ha emesso ed emette comunicati per dichiarare affidabile o condannare questo o quello Stato che rispetta o no le regole comuni o imposte: fino a che punto è ora credibile?

Il Principe al Summit della Francofonia in Armenia

Il Principe al Summit della Francofonia in Armenia
Martedì 16 ottobre 2018, (ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)

S.A.S. il Principe Albert II ha partecipato al XVII Summit della Francofonia organizzato dall’Organizzazione Internazionale della Francofonia (OIF) a Erevan in Armenia. Tema del summit: Vivere insieme nella solidarietà, la condivisione dei valori umanisti e il rispetto della diversità, sorgente di pace e di prosperità per lo spazio francofono.

Il Sovrano è stato accolto da Nikol Pachinian, Primo Ministro della Repubblica Armena e da Michaëlle Jean, Segretario Generale dell’OIF, Organizzazione Internazionale della Francofonia è poi intervenuto alla tribuna del summit dove ha ricordato l'impegno e il ruolo essenzial dell'OIF a servizio dei popoli e dei suoi membri.

Il Principe Alberto II ha anche sottolineato l'implicazione e la cooperazione di Monaco in seno all’Organizazzione in numerosi settori tra cui l'educazione, la gioventù, le donne e lo sviluppo sostenibile.

il summit si è concluso con l'elezione di Louise Mushikiwabo nuovo SegretarioGenerale dell’OIF
summit Francofonia Armenia.jpg

Il C.I.D. passa al digitale per informare i giovani nel mondo del lavoro

Muriel Bubbio-WSM- copie.jpg
Martedì 9 ottobre 2018, Muriel Bubbio resposabile del C.I.D. (ft.©WSM/Colman)

Muriel Bubbio, dopo una lunga esperienza nell’insegnamento e poi all’interno dell’Educazione Nazionale Monegasca, è responsabile, dallo scorso mese di marzo del C.I.D., la Commissione d’Inserimento dei diplomati o laureati, nata nel 2010. “Sono entusiasta di questa attività perché è il seguito ideale della mio lavoro, mi dà l’opportunità di seguire gli studenti del Principato, monegaschi e residenti, ed aiutarli trovare la loro strada”.

L’obiettivo è quello di sviluppare i collegamenti tra studenti delle scuole superiori, che devono scegliere le formazioni professionali o universitarie, i già laureati e il mondo degli affari del Principato.
Muriel Bubbio si propone di incontrare tutti i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni per informarli sulle possibili aperture che i loro studi li daranno nel futuro.

I giovani infatti, conoscono bene il sistema scolastico ma ignorano i percorsi legati agli stage e poi al lavoro – spiega Muriel Bubbio –non sanno quali tipi di sbocchi possono ottenere con certi tipi di studi. Noi vogliamo informarli anche su quali saranno le carriere, dove sarà più facile, essere integrati professionalmente a Monaco”.

Per aiutare gli studenti, Muriel Bubbio ha cercato anche gli strumenti adatti per dialogare con loro. È stata creata una pagina Facebook, aperta a tutti, dove anche i genitori possono vedere le informazioni e una pagina più professionale su Linkedin. I giovani possono richiedere un appuntamento per avere informazioni personali oltre alle mail e il telefono potranno usare anche messanger o i messaggi di linkedin. Ogni anno poi il CID organizzerà un incontro, il primo è previsto il 6 marzo 2019, all’Auditorium Rainier III ed avrà per tema la rivoluzione digitale, verso le nuove professioni, i ragazzi potranno iscriversi in linea.

Abbiamo realizzato anche un depliant informativo – aggiunge Bubbio – che sarà distribuito nelle scuole ed io stessa andrò nei diversi licei una decina di volte nell’anno per spiegare loro quali sono e quali saranno le professioni più richieste”. Per chi vorrà andare all’estero per fare un’esperienza con uno stage di 4/6 mesi, il C.I.D., sta organizzando anche una serie di collaborazioni con alcune imprese di Monaco che hanno sedi negli USA. Inoltre il governo offre la possibilità alle imprese del Principato che vogliono assumere un giovane, previa iscrizione al Servizio dell’Impiego, il rimborso dei contributi per due anni. Monaco crea ogni anno circa 1200 posti di lavoro.

Alla fine Muriel Bubbio conclude dicendo: “Seguiremo il percorso dei nostri studenti e cercheremo un giorno di riportare a casa i nostri talenti partiti all’estero, con le loro nuove competenze così come è stato fatto con Frédéric Genta e Fabrice Marquet”.

Indirizzo mail C.I.D.: cid@gouv.mc             https://www.facebook.com/cidmonaco/ https://www.linkedin.com/company/cidmonaco/

Ufficio C.I.D.: Stade Louis II - Entrée H - 5ème étage 1 avenue des Castelans- MC 98000 MONACO
Tel.: 98984797
C.I.D. Monaco-WSM.jpg

In visita al One Monte-Carlo con Permasteelisa Group

In visita al One Monte-Carlo con Permasteelisa Gro...
Venerdì 5 ottobre 2018, (ft.©WSM/Colman)
 
A pochi mesi dall’apertura del One Monte-Carlo, sulla piazza del Casinò, siamo andati a scoprire il nuovo quartiere in fase di rifiniture. Un cantiere realizzato a più mani dove non poteva mancare la grande capacità italiana. 
Se la Société des Bains de Mer, SBM, ha scelto il progetto di 7 palazzine, firmato da Sir Richard Rogers, (anche lui comunque nato a Firenze), tutta la parte vetro, alluminio e acciaio è firmata da una grande casa italiana, il Gruppo PERMASTEELISA, il cui partner locale è Monaco Façade del gruppo ENGECO. 
Il Gruppo di Vittorio Veneto, è conosciuto internazionalmente dagli anni ’70 in poi per aver progettato, prodotto e realizzato, facciate in vetro, involucri architettonici e sistemi interni come gruppo leader per l’architettura contemporanea, con soluzioni altamente tecnologiche realizzando opere eco-compatibili ed eco-sostenibili.

Anche a Monte-Carlo sono stati incaricati di avviluppare i 7 immobili con grandi vetrate. Molto particolari quelle che racchiuderanno le boutique di super lusso su due piani, che sono situate alla base di ogni immobile. In tutto 11.400 mq. di vetro super resistente; ogni vetro ha al suo interno uno speciale filtro solare. Le vetrate dei negozi sono alte oltre 7 metri e 20 e sono perfettamente curve, come richiesto dal progetto dell’architetto Rogers. Penetrare in quella che diventerà avene One Monte-Carlo è davvero impressionate. All’improvviso ci ritrova catapultati in una realtà molto diversa da quella di Monaco, ricorda i grattacieli delle metropoli americane. Anche se in tutti questi lavori davvero eccezionali si osserva nei particolari, l'esperta mano dell’artigiano voluta dall’architetto.
Spiega il Project Director, Massimiliano Vivian: “Le ringhiere bianche dei balconi le abbiamo realizzate come pezzi di artigianato degli anni ’50. Dopo un modello in legno abbiamo eseguito una fusione di alluminio in modo che alla finitura restasse nella lunghezza una bavatura che sembra di pittura, come accadeva nel passato. I corrimano in legno, hanno 13 mani di pittura trasparente, per ottenere quell’effetto dei motoscafi in legno lucidissimi e super resistenti alle intemperie, inoltre le ringhiere sono state concepite per resistere alla forza di una folla come quando c’è un Gran Premio”.

Aggiunge il presidente della sede francese di Permasteelisa, Stèphane Bedel: “Le vetrate dei negozi sono state realizzate una ad una in stampi unici. Tutte le vetrate sono state studiate affinché abbiano il massimo della resistenza sismica, termica, acustica e che sopportino le sollecitazioni del vento”. Quello che sorprende è la grande cura nei particolari, come i montanti delle finestre ad effetto bronzo realizzato grazie all’acciaio inox elettro-lavorato o ai fili di acciaio che servono alle piante rampicanti.

Mentre fervono i lavori in tutto il cantiere, e in quello che sarà l’appartamento modello da mostrare ai futuri inquilini (solo in affitto), dove le vetrate si aprono completamente sul panorama, già si intravvede la raffinatezza di tutto il complesso che conta anche una palazzina ovale solo di uffici. L’inaugurazione del nuovo quartiere del lusso One Monte-Carlo è prevista il 22 febbraio 2019.

Alcuni Lavori di Permasteelisa Group. L’Apple Park a Cupertino, il Guggenhaim Museum di Bilbao, Taipei 101 a Taiwan, il Two International Finance Center a Hong Kong, 8 Spruce Street di New York, il Palazzo di Giustizia a Parigi, The Shard a Londra, , Walt Disney Concert Hall a Los Angeles, Museo de L’Homme di Parigi e quello di Massena a Nizza, la boutique Brooks Brother’s allo Yacht Club Monaco ed ora One Monte-Carlo.
One Monte-Carlo tech-WSM.jpg
One Monte-Carlo-uffici-WSM_.jpg
L'edificio degli uffici del One Monte-Carlo
One Monte-Carlo balcone.jpg
La struttura in acciaio, design per le piante rampicanti
balcone One Monte-Carlo.jpg
Le ringhiere "artigianali"
mancorrente One Monte-Carlo.jpg
Il mancorrente con tredici strati di pittura 
Permasteelisa Monaco-WSM.jpg
Il gruppo di Permasteelisa che ha guidato la visita: General Manager, Elisabetta Floccari; Presidente del gruppo in Francia, Stéphane Bedel; Projet Director, Massimiliano Vivian; Agente per il Principato di Monaco, Konstantinos Tsouvelekakis.

Lavori di rinnovamento indispensabili per il Bd. del Jardin Exotique ma più silenziosi

Lavori di rinnovamento indispensabili per il Bd. d...
Martedì 2 ottobre 2018, 
 
Grandi novità nei lavori pubblici di Monaco, d’ora in poi i cantieri stradali saranno super protetti con barriere fonoassorbenti di nuovissima generazione, una vera primizia mai utilizzata in nessun altra città.

La buona notizia è stata annunciata nel corso di una conferenza stampa dal direttore del Dipartimento di Pianificazione Urbana, Jean-Luc Puyo. I nuovi pannelli saranno utilizzati a partire dal nuovo cantiere che aprirà il prossimo 8 ottobre per i lavori di rinnovo lungo il boulevard del Jardin Exotique assolutamente necessari.
Ha spiegato Jean-Luc Puyo: “Era stato deciso di aspettare la fine dei lavori del tunnel Albert II, che ha ridotto notevolmente il passaggio del traffico nel boulevard Jardin Exotique, la fine della costruzione dell’immobile Engelin e quella della galleria pedonale Santa Devota. I lavori sono necessari per la modernizzazione delle diverse reti urbane alcun delle quali risalgono agli anni ’50. Abbiamo avuto diverse rotture delle condotte idriche per esempio”.

Con l’occasione saranno anche modernizzate tutte quelle parti, come le telecomunicazioni, in vista per esempio dell’arrivo del 5G. A presentare le diverse fasi, i rappresentanti delle società che si alterneranno a compiere i lavori: la Società Monegasca di Elettricità e Gas (SMEG), Monaco Telecom, la Società Monegasca dell’Acqua (SMEAUX), la Società Monegasca dei Servizi Igienici Sanitari e Rifiuti (SMA) e l'impresa che realizzerà i lavori SIVIA’M.

La prima fase dei lavori inizierà con i sondaggi del terreno. Il boulevard sarà messo in senso alterno per una 50 metri, controllato dagli uomini in giornata e da un semaforo durante la notte.

La prima fase di lavori, sarà suddivisa in 8 mini fasi, il cantiere aprirà ai bivi di Santa Devota, dopo la stazione ferroviaria. Tutto durerà sei mesi e si concluderà il 10 maggio 2019.

I lavori avranno un impatto molto minore rispetto al passato, grazie a nuovi pannelli fono assorbenti di nuovissima generazione. Sarà addirittura realizzata una specie di cabina speciale per l’uso del martello penumatico. Dove l’operaio specializzato sarà dotato di casco speciale, per salvaguardare le orecchie e maschera anti-polveri.

Monaco Telecom annuncia in prima mondiale l'arrivo del 5G

Monaco Telecom annuncia in prima mondiale l'arrivo...
Venerdì 28 settembe 2018, da  sinistra Frédéric Genta e Martin Peronnet con il responsabile Huawei e collaboratori di Monaco Telecom legati al progetto, (ft.©WSM/Colman)
 
Martin Peronnet, Direttore generale di Monaco Telecom, ha presentato alla stampa, presso il Monaco Yacht Show, una prima assoluta, l’arrivo nel 2019 del 5G. Per prima cosa Peronnet ha dimostrato la purezza delle immagini del porto trasmesse da un drone che utilizzava appunto il 5G.
 
Monaco sarà il primo Paese 5 G, dimostreremo che siamo terra d’innovazione. Per crescere nelle tecnologie, abbiamo bisogno di partner molto forti - ha spiegato Peronnet – e Huawei, leader nel settore della telefonia, collabora con noi da diversi anni ormai”. La rete 5G sarà operativa per il pubblico probabilmente la prossima estate, quando arriveranno anche i nuovi smartphone compatibili e avrà una copertura completa. Il 5G sarà 10 volte più veloce, 10 Gigabit invece di 1Gigabit del 4G. Un cambiamento ineluttabile che porterà connessione rapidissima a internet, permetterà più connessione per le auto e si potranno avere 10 volte più di oggetti connessi all’interno delle abitazioni.
A cosa serve in particolare questa connessione? Spiega Peronnet: “In particolare servirà a chi utilizza molte applicazioni, ai giochi, che raggiungeranno definizioni altissime, ai video. Sarà importante per velocizzare le amministrazioni elettroniche, per l’E-commerce. Il 5G porterà una nuova rivoluzione industriale perché velocizzerà anche la catena robotica”.

Un momento importante sottolineato anche Frédéric Genta, Delegato Interministeriale per lo sviluppo digitale della città. “Solo così si potrà sviluppare la Smart City e grazie a tutto questo – ha detto Genta – si svilupperà l’educazione, la salute, l’ambiente e la mobilità. Una tecnologia necessaria nel trading dove basta un secondo per cambiare le sorti dei contratti. – conclude Genta - Per un’impresa sarà importante essere a Monaco che diventerà laboratorio della 5 G”.

L’investimento per la nuova tecnologia sarà tra i 3 e i 4 milioni di euro, con una quarantina di persone coinvolte nella realizzazione del progetto tra ingegneri e tecnici. Una buona notizia viene dal fatto che Monaco ha deciso di diminuire già da tempo la potenza delle frequenze, rispetto alla norme europee, per avere meno radiazioni.

La SMA ha festeggiato 80 anni

Albert II- SMA.jpg
(ft.©Michael Alesi/Direction de la Communication)
80 anni SMA.jpg
(ft.©Jean-Charles Vinaj)

La Société Monégasque d'Assainissement –SMA (Azienda di servizi igienico-sanitari monegasca) ha celebrato 80 anni di attività in presenza di S.A.S. il Principe Alberto II.

Dopo aver visitato i locali tecnici della SMA, il Sovrano ha salutato uno ad uno i 250 dipendenti.

Il Principe era accompagnato dal Ministro di Stato, Serge Telle, dal Ministro delle Infrastrutture Ambiente e Urbanismo, Marie-Pierre Gramaglia, da Thomas Battaglione, Amministratore-Direttore Generale della SMEG e Presidente Delegato della SMA e di Edgar Enrici, Direttore Generale della SMA.

La SMA, Società concessionaria dello Stato, cura la pulizia delle strade, la raccolta differenziata della spazzatura e il trattamento dei rifiuti mediante incenerimento e valorizzazione energetica.

La pulizia delle strade di Monaco, molto nota, è una delle qualità di vita nel Principato.

Convenzione tra Monaco Impact e Monaco Tech

Convenzione tra Monaco Impact e Monaco Tech
Martedì 25 settembre 2018,  da sinistra Fabrice Marquet e Peter Kütemann, (ft.©WSM/Colman)

Peter Kütemann, presidente di Monaco Impact Fabrice Marquet, direttore di MonacoTech, hanno firmato una Convenzione che mira a mettere in relazione i membri di Monaco Impact, che potranno intervenire come mentori o investitori sui progetti di Monaco Tech che lo richiedano.

Infatti, grazie a questa Convenzione, Monaco Impact vuole implicarsi accanto a Monaco Tech per aiutare le startup e i progetti innovativi a svilupparsi nel Principato di Monaco.

Monaco Impact è una rete di filantropi e imprenditori che, grazie alla loro esperienza nell’ambiente economico monegasco, desiderano aiutare giovani imprenditori prima di un “impatto sociale” a Monaco e rispondendo alle sfide ambientali odierne.

www.montecarloin.net festeggia 10 anni

www.montecarloin.net festeggia 10 anni
Mercoledì 19 settembre 2018, Nella magnifica galleria Maison d'Art, foto ricordo con alcune collaboratrici del quotidiano. Da sinistra: Myriam Zerbi, Cristina Veronese, Cinzia Sgambati-Colman, Monica  Corgnati, Alberto Colman, Silvye Leporati, (ft.©WSM/Colman)

Un compleanno importante per l’edizione monegasca in lingua italiana del Principato, online esattamente dal 23 settembre 2008. Alla galleria Maison d'Art, è stata organizzata una serata per ricordare come sia nato il primo quotidiano online del Principato. Erano presenti i collaboratori della rivista: Luisella Berrino, Maurizio di Maggio, Sylvie Leporati, Monica Corgnati, Cristina Veronese e Myriam Zerbi oltre alle autorità in rappresentanza del Presidente del Conseil National, la parlamentare Corinne Bertani e il parlamentare e presidente della commissione arte, Daniel Boeri; per il Comune il consigliere Jacques Pastor; la Dottoressa Palumbo, vice-ambasciatrice d'Italia a Monaco e poi rappresentanti di sponsor e amici del giornale.
 
Ogni giorno www.montecarloin.net informa i lettori che parlano l’italiano di tutte le notizie che riguardano il Principato. La ricca attualità, la cultura, l’arte, lo sport, le associazioni con una particolare attenzione all’ambiente. Il giornale rispecchia la visione monegasca dell’attualità con la sola differenza della lingua.
Monaco ha una comunità internazionale imprenditoriale molto attiva e le edizioni non fanno eccezione.

Conferenza stampa del Parlamento monegasco

Conferenza stampa del Parlamento monegasco
Martedì 18 settembre 2018,  (ft.©WSM/Colman)

Al termine di tre sedute maratona di scambio con il governo sulle risposte che quest’ultimo aveva fornito alle 91 domande del Consiglio Nazionale a proposito della legge di assestamento al bilancio 2018, il Presidente Stephane Valeri, accompagnato da alcuni consiglieri e presidenti di commissione, ha voluto incontrare la stampa per evidenziare alcuni punti.
Prima di tutto le relazioni tra il Parlamento e il Governo: “Abbiamo ricevuto risposte molto deludenti che dimostrano che non hanno capito il risultato delle elezioni e che al contrario hanno continuato a minimizzare il nostro ruolo. Quindi abbiamo inviato al Ministro di Stato una dichiarazione in cui abbiamo spiegato che per noi il governo non è un rivale ma un partner. Dobbiamo collaborare- ha aggiunto Valeri - non siamo una camera di registrazione né un’opposizione siamo partners istituzionali e siamo l’istituzione eletta dai monegaschi. Solo lavorando tutti insieme siamo più forti”. La vice-presidente del parlamento, Brigitte Boccone-Pages, ha spiegato che il Ministro di Stato ha risposto: “Che c’è stata incomprensione ma che il Consiglio Nazionale è un partner istituzionale e la cooperazione indispensabile per il buon funzionamento del Paese”.

Valeri ed i rappresentanti dell’assemblea hanno portato degli esempi. Come la richiesta, da circa 6 mesi, di vedere i due progetti vincitori per la ristrutturazione del Centro Commerciale di Fontvieille. La risposta del governo è stata che un progetto era stato definitivamente scelto “Senza concertazione con il Conseil National- ha aggiunto Valeri – e il progetto non prevede nessun condomino con appartamenti demaniali”.
Un incontro con il governo, per esaminare il progetto, che i consiglieri auspicano, porti nuovi brand, cinema multisale e commerci che attraggano il pubblico, fra le due parti è previsto il 24 settembre.

Al centro dell’attenzione anche la richiesta di aumento delle borse per gli studenti; le pensioni dei funzionari; le costruzioni di nuovi condomini demaniali (Grand Ida e Testimonio III); la qualità di vita e lo sviluppo sostenibile del Paese, la smart City; la regolamentazione del flusso di circolazione; la scuola giochi della SBM e naturalmente l’economia e le finanze del Principato.

A questo proposito Balthazar Seydoux, Presidente della Commissione Finanze, ha detto: “Ricordiamo che il bilancio primario ha registrato un surplus di 1.950.500 euro, che il bilancio di assestamento è presentato con un surplus di 10.025.400 euro e che oltre 36 milioni di euro di budget è già stato registrato nel fondo di Riserva Costituzionale, e quindi tenendo anche conto della mancata esecuzione di tutte le spese è probabile che superi i 100 milioni di euro”.

Importanti saranno le prossime sedute pubbliche del Consiglio Nazionale previste i prossimi 8-10-12 ottobre.

Estensione in mare: posa in mare del primo cassone

Anse du Portier-1er caisson - copie.jpg
Immersione del primo cassone (ft.©WSM/Colman)
Anse du Portier2.png
Nella foto 2 è visibile la cintura dei cassoni che sorreggeranno il quartiere, il primo immerso è segnato dal cerchietto rosso 
Lunedì 17 settembre 2018,  (ft.©WSM/Colman)

È stato immerso il 1º cassone, arrivato lo scorso 26 luglio, in pratica quella che potrebbe definirsi la posa della prima pietra del nuovo futuro quartiere in mare "Anse du Portier". Il cassone fa parte di una serie di 18, che faranno da cintura all'estenzione in mare. Ogni mese dovrebbero essere trasportati via mare, condizioni meteorologiche permettendo, due cassoni.
Nella foto 2, si vede nel ciroletto rosso, la posizione del primo cassone immerso. 
In questo momento lavorano sulla zona in mare una squadra di un centinaio di persone.
 
La piattaforma della società Bouygues Lavori pubblici, si trova nel quartiere di Fontvieille; 2 000 mq., la più grande del Principato. Sarà uno dei principali poli di lavoro a Monaco. Nel 2020, quando inzierà la costruzione degli immobili, il cantiere registrerà il picco di attività con oltre mille operai. 

Salvo imprevisti il nuovo quartiere dovrebbe essere pronto entro 2025

Didier Aniès nuovo Chef al Fairmont

Didier Aniès nuovo Chef al Fairmont



Venerdì 14 settembre 2018,  (ft.©D.R.)

Un nuovo Chef, guida da oggi le cucine del Fairmont Monte-Carlo; si tratta di Didier Aniès.
Infatti dopo 6 anni lo Chef Philippe Joannès, ha lasciato l'hotel, dove ha lanciato il servizio catering ed ha seguito i ristoranti dell'hotel con grande successo.
Scopriamo, per chi non lo conoscesse chi è Didier Aniès.

Originario di Limoux, anche lui è Meilleur Ouvrier de France, lo chef conosce bene Monaco dato che dal 2004 al 2007 lavorò al ristorante La Coupole dell'hotel Mirabeau, dove ottenne una stella Michelin. Aniès ha guidato dal 2007 al 2017 il Grand Hootel a Saint Jean Cap Ferrat, anche lì ottenne una prestigiosa stella.
Dopo dieci anni però lo Chef decide di cambiare e di occuparsi di consulting e formazioni in giro per il mondo. "Un'attivitaà che mi ha dato molto -spiega- per la conoscenza di culture diverse. Amo la condivisione delle conoscenze da sempre".
L'hotel Fairmont Monte-Carlo è felice di accogliere il nuovo Executive Chef.

Lavoro domenicale: una nuova legge a Monaco

Lavoro domenicale: una nuova legge a Monaco
Mercoledì 12 settembre 2018, il Ministro Didier Gamerdinger (ft.©WSM/colman)

Se l’Italia vuole mettere dei limiti al lavoro domenicale e festivo, il Principato cercherà invece di ampliarlo e renderlo più elastico. Il Ministro della Salute ed Affari Sociali, Didier Gamerdinger, sta lavorato dallo scorso dicembre per scrivere una legge sul lavoro domenicale che metta d’accordo tutte le parti interessate: datori di lavoro, impiegati e naturalmente clientela.

Ho ascoltato tutte le parti – spiega il Ministro- per capire le diverse esigenze e trovare le giuste soluzioni. Devo incontrare nuovamente i rappresentanti dei grandi supermercati ma siamo a buon punto”.
Gamerdinger ha infatti spiegato che il margine di manovra è piuttosto stretto tra chi vorrebbe cambiamenti minimi, chi vorrebbe libertà totale e coloro per cui il principio legale del diritto al riposo domenicale in uno stato cattolico come Monaco è intoccabile.  
Per mettere d’accordo i punti di vista diversi degli interlocutori, - dice il Ministro – devo essere pragmatico e mantenere aperti gli orizzonti. Per questo ho voluto informarmi anche su come si comportano i nostri vicini francesi per quello che riguarda le aperture della domenica, anche se bisogna tenere conto che il nostro territorio è molto esiguo. Sappiamo che i grandi supermercati della regione sono aperti tutte le domeniche, che le boutique del lusso a Cannes possono aprire tra le 24 e le 36 domeniche in un anno”.

La legge attuale prevede il riposo, la domenica, un momento sociale per stare in famiglia, gli amici praticare attività di svago o sport. Lo dice l’articolo 9 e dato che concerne anche il riposo dettato dalla religione, il Ministro ha incontrato anche l’Arcivescovo di Monaco, Monsignor Barsi, per capire l’esatta posizione della Chiesa.
Siamo partiti dall’esperimento del Monaco Sunday Experience dell’ estate – dice Gamerdinger – che ha avuto un grande successo sia da parte dei lavoratori che dei clienti".
Quali sono le esigenze di chi lavoro nel commercio e quali i desideri dei clienti? Risponde il Ministro Gamerdinger:”Sicuramente i grandi supermercati di Monaco chiedono di restare aperti sempre, perché la domenica è un giorno importante per la spesa delle famiglie o di chi ha poco tempo in settimana. La direttrice del Carrefour mi ha spiegato, di temere non tanto la concorrenza dei supermercati francesi vicini quanto quella di internet. Restare aperti per loro è fondamentale. Passiamo al lusso, un valore molto importante per il commercio del Principato perché permette di attirare quella clientela turistica di altissimo livello. I commerci del Centro Commerciale Metropole sono soddisfatti dell’esperienza Monaco Sunday Experience. Apertura le domeniche di luglio agosto e il mese di dicembre. Mentre secondo le richieste della SBM, per l’apertura delle nuove boutique di lusso del One Monte-Carlo la richiesta è apertura come a Cannese, tra le 25 e le 30 domeniche, nei periodi di grande afflusso. Ad aprile quando c’è il tennis per continuare a maggio con il GP di F1 e le tante manifestazioni e proseguire tutta l’estate fino a fine ottobre e poi ancora dicembre e gennaio”.

Più leggero il ritmo per chi sta fuori dal cosiddetto Carré d’Or, si continuerebbe a seguire il programma del Monaco Sunday Experience. Una parte dei sindacati è per il rispetto del riposo domenicale mentre un altro sindacato chiede che il datore di lavoro non obblighi gli impiegati a lavorare ma che sia una scelta volontaria con un compenso economico. La FEDEM chiede un’evoluzione attenta mentre l’Arcivescovo chiede il rispetto del riposo per tenere unite le famiglie.

Il Ministro, dopo profonde riflessioni, ha deciso di procedere proprio partendo dalla Sunday Experience: “Abbiamo pensato di creare due zone. Quella turistica estiva che riguarda tutta Monaco che autorizzerà tra le 6 e le 9 domeniche di apertura e la zona turistica internazionale che corrisponde al Carré d’Or e al Centro Commerciale Metropole con la possibilità di aprire da 25 a 31 domeniche”.

In entrambi i casi la legge menzionerà l’appello alla volontà dei salariati che vorranno lavorare la domenica.
Per loro ci sarà un riconoscimento economico e poi ci saranno due riposi che potranno essere effettuai in settimana o cumulabili da trascorrere come settimana di vacanza supplementare. In certi casi, dove possibile, i datori di lavoro potranno anche usufruire delle agenzie ad interim o di giovani che cercano piccoli lavori, per eventualmente sostituire chi non vuole lavorare la domenica.

Il rifiuto del lavoro domenicale in nessun caso potrà essere motivo di licenziamento.

Il Ministro Gamerdiner ha concluso spiegando che una volta messa a punto, la legge dovrà passare l’esame dei suoi colleghi del governo, poi a Palazzo e quindi all’esame del Consiglio Nazionale e potrebbe vedere la luce per fine novembre, in modo da essere attiva quando a febbraio saranno inaugurate le boutique del lusso One Monte-Carlo sulla piazza del Casinò.

ONU – Monaco alla Conferenza intergovernativa sulla protezione e l’utilizzo della biodiversità marina

ONU – Monaco alla Conferenza intergovernativa sull...
Martedì 11 settembre 2018, Florian Botto, delegato del Principato, (ft.©D.R.)

Il Delegato del Principato di Monaco, Florian Botto, segretario alla Missione permanente di Monaco, ha presenziato alla sessione di apertura della conferenza Diplomatica Incaricata di elaborare un nuovo Trattato per conservare e utilizzare in modo sostenibile la biodiversità marina e delle zone al di là della giurisdizione degli Stati.

La sessione si tiene a New York e si concluderà il 17 settembre. Il rappresentante del Principato, nel suo intervento, ha chiesto un Accordo ambizioso, che completerà il regime esistente, fissato la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Il delegato ha anche insistito sul bisogno di creare delle aree marine protette in alto mare con norme globali.
La delegazione Monegasca si impegna attivamente in questo processo con il doppio obiettivo di assicurare in modo efficace la protezione delle risorse e del patrimonio marino oltre che al suo utilizzo sostenibile per le generazioni future.

Il Principe assiste all'accordo tra Monaco Telecom e Huawei

Il Principe assiste all'accordo tra Monaco Telecom...
Domenica 9 settembre 2018, (ft.©Axel Bastello/Palais Princier)

Prosegue il viaggio ufficiale in Cina di S.A.S. il Principe Alberto II che ha assistito, a Pechino, alla firma tra Monaco Telecom e Huawei per fare di Monaco il primo Paese con copertura 5G. A firmare l'accordo, il Direttore Generale di Monaco Telecom, Martin Peronnet e dal direttore generale di Huawei Francia, Shi Weiliang.

La collaborazione, tra la società di telecomunicazioni monegasca e il leader delle reti fisse e mobile, è iniziata nel 2012. Presente alla firma anche Frédéric Genta, Delegato interministeriale incaricato della transizione digitale, dato che la 5G sarà in effetti un vettore fondamentale della crescita dell'economia numerica e dello sviluppo della smart-city e contribuirà ad offrire la migliore qualità di vita a Monaco grazie al digitale. 
Una prima zona pilota sarà operativa a partire da fine settembre durante il Monaco Yacht Show e la rete
sarà completamente disponibile per accogliere i primi terminali commerciali a metà 2019.


Axel Bastello-016-1910 - copie.jpg

AELE incontra il Consiglio Nazionale

AELE incontra il Consiglio Nazionale
Venerdì 7 settembre 2018, (ft.©C.N.)

Il Presidente del Consiglio NazionaleStéphane Valeri, accompagnato da una delegazione ha incontrato l’Associazione Europea di Libero Scambio (AELE) del Consiglio dell’Unione Europea.
Il Presidente Valeri ha presentato il ruolo legislativo e politico dell’assemblea monegasca all’interno delle istituzioni e la prerogativa costituzionale che gli attribuisce, dal 2002, il potere di ratificazione dei trattati internazionali. Valeri ha anche ricordato le specificità del Principato che impongono il rispetto della priorità nazionale e dei criteri di nazionalità. Ha poi ricordato, il Presidente del Parlamento monegasco, le specificità del Principato che impongono rispetto della priorità nazionale e del criterio di nazionalità, che permette ai monegaschi in materia di alloggi a prezzi privilegiati, d’impiego e di beneficiare di un accesso esclusivo a certe libere professioni regolamentate (architetti, ingegneri, avvocati, medici, ecc.)
Tutto questo non è negoziabile – ha affermato Valeri – e sono le condizioni di riuscita del modello monegasco”.

I rappresentanti di AELE hanno preso atto della nuova situazione politica dopo le elezioni dell’11 febbraio, con una maggioranza prudente e vigile nell’ambito di un eventuale accordo con l’Union Europea. L’incontro ha permesso una migliore conoscenza delle realtà monegasche agli interlocutori europei.

La delegazione del consiglio Nazionale che ha accompagnato Stéphane Valeri era composta da: Brigitte Boccone-Pagès, Thomas Brezzo, José Badia, Guillaume Rose, Jacques Rit.

Il gruppo di lavoro AELE, è composto da diplomatici dei 28 Stati membri della UE e da rappresentanti del Sevizio Europeo di Azione Esterna della UE (SEAE), incaricata di seguire i negoziati di un eventuale accordo di associazione tra Monaco e l’Unione Europea.

Monaco Telecom acquisisce MTN Cipro

Monaco Telecom acquisisce MTN Cipro
Giovedì 6 settembre 2018, 

Il Direttore Generale di Monaco Telecom, Martin Peronnet, ha annunciato che la società ha acquisito MTN Cipro, divenendo l’azionario unico. MTN Cipro è in forte crescita con oltre 400 mila clienti e una cifra d’affari di 123M€ nel 2017.

Un’acquisizione che rientra nella strategia di sviluppo internazionale di Monaco Telecom voluta dai suoi azionisti. Ha dichiarato Martin Peronnet: “Abbiamo l’ambizione di proseguire la crescita di MTN Cipro per offrire ai ciprioti servizi di telecomunicazione di alta qualità, performance e innovazione”.

Apertura dell’Anno scolastico 2018-2019 e della nuova scuola materna Stella

Isabelle Bonnal-WSM.jpg
Isabelle Bonnal, direttrice dell'Educazione Nazionale, (ft.©WSM/Colman)
Marie-Cecile Moreno- Stéphanie Lorenzi-WSM_jpg.jp...
Marie-Cécile Moreno, vice-direttrice dell'Educaziona Nazionale e Stéphanie Lorenzi, direttrice della scuola materna "Stella"
Mercoledì 5 settembre 2018

Isabelle Bonnal, direttrice dell’Educazione Nazionale e dello Sport di Monaco, ha accolto la stampa per la parlare delle novità dell’anno scolastico 2018-2019 e con l’occasione presentare la nuova scuola materna della Condamine, Stella.

La scuola è situata nei primi tre piani del nuovo complesso residenziale “Le Stella”, in rue Louis Aureglia. Ancora una volta il Principato da’ il meglio per quanto riguarda l’educazione e la scuola. Stella, diretta da Stéphanie Lorenzi, è un vero paradiso per i bimbi dai 3 ai 5 anni, dove apprenderanno molte cose prima di entrare nella scuola primaria, in modo ludico e molto performante. Oltre alle magnifiche aule, che accolgono circa 23 bambini, la scuola è dotata di un’aula con computer, sala musica e biblioteca, sala botanica. Una nota particolare va alla mensa-ristorante, dove i mini-studenti imparano ad apparecchiare. All’interno un piccolo mercato, dove i bimbi imparano a conoscere gli ingredienti, a conoscere i prezzi e leggendo il menù su uno schermo, apprendono la composizione dei piatti!

Isabelle Bonnal ha annunciato che le scuole di Monaco accoglieranno in tutto 5.749 studenti dalle scuole materne ai licei. Gli insegnanti saranno in tutto 509 mentre il personale di altro tipo è formato da 337 persone. Per quanto riguarda la riforma della maturità saranno interessati i ragazzi della II (primo anno di liceo a Monaco), per loro sono previste 54 ore per l’orientamento verso il loro futuro, universitario o tecnico. Il supporto digitale entrerà sempre di più all’interno delle scuole, dove si inizierà a studiare il codice informatico, così come la formazione degli insegnanti diventerà sempre più continua.

Da segnalare la realizzazione di un nuovo terreno denominato “Prince Héréditaire Jacques” al Devens, riservato alle associazioni di football e rugby.

Le divise scolastiche piacciono sempre di più e gli studenti della scuola della Condamine saranno tutti in divisa. Si spera adesso che l’idea, iniziata da S.A.S. la Principessa Charlene, sia diffusa a tutte le scuole.
Un sistema piuttosto anglosassone ma che, come ha detto la direttrice Bonnal: “Da’ agli studenti il senso di appartenenza alla scuola”.

Isabelle Bonnal ha poi annunciato che la nuova scuola, completamente ricostruita media e liceo, François d’Assise-Nicolas Barré aprirà le sue porte a febbraio 2019.
Classe Stella-Monaco.jpg
Una classe della scuola materna Stella
Stella-Court recré.jpg
Cortile di ricreazione
Stella-WSM_.jpg
L'entrata della scuola Stella
Stella-Cantine-WSM_.jpg
La coloratissima ed educativa mensa

Visita ufficiale in Cina del Principe di Monaco

Visita ufficiale in Cina del Principe di Monaco
Lunedì 3 settembre 2018, foto di archivio: il Sovrano e il Presidente cinese nel 2014, (ft.©Palais Princier)

S.A.S. il Principe Albert II da mercoledì 5 e fino all’8 settembre sarà in visita ufficiale in Cina. Al centro del viaggio la Protezione dell’Ambiente, l’Economia e la Cultura. 
Questo il suo programma comunicato dall’ufficio stampa di Palazzo.

Mercoledì 5 settembre, il Sovrano visiterà la provincia di Jilin, a nord-est della Cina, nell’ambito delle azioni della Fondation Prince Albert II (FPA2) e in collaborazione con la ramo cinese di World Wildlife Fund (WWF), entrambe le fondazioni lavorano per la protezione delle “tigri dell’Amore”. Da sapere che L’Amore in questione è il primo fiume della Siberia, per lunghezza e segna la frontiera tra Cina e Russia.

Giovedì 6 settembre, il Sovrno sarà a Pechino per inaugurare l’esposizione presso la Città Proibita: “Principi e Principesse di Monaco - Una dinastia europea”. Una mostra organizzata dal Grimaldi Forum con il fondamentale contributo degli Archivi del Palazzo del Principe.

Venerdì 7 settembre, il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping, riceverà S.A.S. il Principe Albert II e la sua delegazione. I Due Capi di Stato avranno un incontro privato a cui farà seguito un pranzo ufficiale. Nel pomeriggio il sovrano monegasco visiterà la sede di Huawei, leader mondiale nella rete fissa e nella telefonia mobile. Durante questa visita sarà firmato un accordo tra Monaco Telecom e Huawei per lo sviluppo futuro nel Principato del 5G.

Nell’occasione del viaggio del Principe la Monaco Economic Board ha organizzato una missione economica che riunisce una delegazione di imprenditori per incontrare colleghi cinesi.
Durante la stessa giornata il Principe sempre a Pechino, visiterà S.A.S. le Prince visitera anche la mostra “Bricklive – Animal Paradise” che riproduce grazie a mattoncini Lego, animali in via di estinzione. Un’esposizione che si sposterà in 23 Paesi diversi, sostenuta dalla FPA2 che riceverà una parte degli introiti d’ingresso e che farà tappa anche a dicembre a Monaco al Grimaldi Forum.

La visita si concluderà sabato 8 settembre, con la visita alla grotta di Choukoutien ad un’ora da Pechino, dove sono stati effettuati degli scavi in collaborazione con l’Istituto di Paleontologia Umana. Si tratta di un sito preistorico composto in effetti, da diverse grotte dove sono stati ritrovati resti dell’Homo Erectus e dell’Homo Sapiens e che attestano la presenza dell’uomo in quella terra oltre 400.000 di anni fa.

Training digitali di Google a Monaco

Training digitali di Google a Monaco
Sabato 1º settembre 2018, (ft.©Direction de la Communication)

Alcuni rappresentatni di Google Francia, saranno a Monaco per tre giorni, 17-18-19 settembre, per proporre ad un certo tipo di pubblico alcune sessioni di training digitali. L'idea nasce da una collaborazione di Google in molti Paesi, in questo caso in collaborazione con il Governo di Monaco e Monaco Economic Board (MEB).
Le sessioni si terranno presso l'auditorium del Liceo Tenico-Alberghiero.

Le formazioni, saranno rivolte a tutti coloro che vorrebbero acquisire nuve competenze digitali e sviluppare il loro progetto nel mondo del lavoro e per gli studenti, ottenere la certificazione Google Ateliers Numériques.

Il 17 e il 18 settembre sono rivolti ai professionisti e agli impiegati amministrativi il 19 sarà apert oagli studenti e a tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro. Sei mezze giornate della durata di tre ore, completamente gratuite, sui seguenti argomenti:

Lunedì 17 settembre: 9h- 12h: Come aumentare il traffico in negozio? 14h - 17h: Come preparare e costruire il proprio progetto digitale?
Martedì 18 settembre: 9h - 12h: Sviluppare la propria impresa grazie al referenziamento naturale 14h - 17h: Come utilizzare le azioni digitali grazie all’analisi dei dati?
Mercoledì 19 settembre: 9h - 12h o 14h-17h conferenza e introduzione alla certificazione in linea Google training digitale - Tendenze di reclutamento nel digitale - strumenti digitali a servizio della ricerca di un impiego. 

Posti limitati per iscriversi cliccare qui

Il Principe di Monaco Cittadino Onorario di Palermo

Leoluca Orlando-Albert II.jpg
Un momento della cerimonia nella sala consigliare
Albert II-Leoluca Orlando.jpg
Domenica 26 agosto 2018, Il Sovrano con il sidnaco di Palermo Leoluca Orlando,  (Ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)

Dopo aver assistito al via della Palermo-Montecarlo di vela, S.A.S le Prince Albert II è stato ricevuto nello stesso pomeriggio a villa Niscemi, sede del Comune di Palermo.

Il Principe ha ricevuto la Cittadinanza onoraria del capoluogo siciliano, direttamente dal sindaco Leoluca Orlando. Il primo cittadino ha spiegato, nel suo discorso, che la cittadinanza onoraria gli è stata attribuita “per i rilevanti impegni sociali profusi nella tutela dell’ambiente, nello sport e in progetti di sviluppo”.

10 anni di cooperazione in Mongolia

10 anni di cooperazione in Mongolia
Sabato 18 agosto 2018,  (ft.© DCI) Isabelle Rosabrunetto, Direttore Generale del Dipartimento delle Relazioni Esterne e della Cooperazione e Sophie Robin-Aliprandi, Responsabile programma hanno incontrato gli allevatori nomadi nella provincia d’Arkhangaï. 

Una delegazione monegasca guidata da Isabelle Rosabrunetto, Direttore Generale del Dipartimento delle Relazioni Esterne e della Cooperazione, si è recata in missione, in Mongolia, su invito del Ministro degli Affari Esteri, Damdin Tsogtbaatar, per definire un bilancio delle azioni di cooperazione condotte dal 2008.
Dalla nascita della cooperazione, l’aiuto del governo  monegasco a favore della Mongolia ammonta a 3,8 milioni di euro. Tra il 2015 e 2017, 45 000 persone sono hanno beneficiato degli aiuti. I progetti sostenuti hanno riguardato il settore sanitario, dell'educazione, l'inserzione socio-economica, la sicurezza alimentare, la cooperazione culturale con un legame con il museo di Andtropologia Presitorica di Monaco.
La delegazione monegasca ha incontrato il locale rappresentante UNICEF per discutere delle ultime azioni sostenute come la realizzazione di yourtes scolastiche intineranti in collaborazione con il Ministero dell
educazione della Mongolia. Altri due progetti in 2018: l'appoggio agli allevatori nomadi e gli aiuti allo sviluppo nell'educazione scolastica.
Dal 2019 il governo di Monaco non interverrà più per concentrare i propri aiuti pubblici ai Paesi meno sviluppati. 

Bandiere a mezz'asta a Monaco per i morti del ponte crollato a Genova

Bandiere a mezz'asta a Monaco per i morti del pont...
Venerdì 17 agosto 2018, (ft.©D.R.)

Il governo di Monaco ha comunicato che in segno di solidarietà con l’Italia è stata decisa una giornata di lutto nazionale per domani, sabato 18 agosto, in memoria delle vittime del crollo del ponte Morandi a Genova.

Le bandiere del Principato saranno poste a mezz’asta in segno di lutto su tutti gli immobili pubblici.
 



Cordoglio del Sovrano per il crollo del ponte a Genova

Cordoglio del Sovrano per il crollo del ponte a Ge...
Mercoledì 15 agosto 2019,

A poche ore dopo il crollo del ponte autostradale Morandi a Genova, S.A.S. il Principe Albert II ha inviato un messaggio di cordoglio e il suo sostegno al Presidente della Repubblica Italiana.

 
"Monsieur Sergio MATTARELLA Presidente della Repubblica Italiana 

Signor Presidente,
La Principessa e io stesso abbiamo appreso con profonda emozione del tragico crollo del viadotto della città di Genova. La popolazione di Monaco si unisce a noi nella solidarietà e nelle nostre preghiere per le vittime di questa catastrofe. Il nostro pensiero va anche ai feriti ai quali rivolgiamo l'augurio di pronta guarigione. 

La prego di accettare, signor Presidente, la mia grande considerazione.

ALBERT, PRINCE DE MONACO"

Lancio della comunità: # MONACO

Lancio della comunità: # MONACO
Sabato 11 agosto 2018,  (ft.©WSM)

Nell’ambito della strategia digitale, il governo di Monaco, vorrebbe federare una vera e propria comunità che possa promuovere la “Destinazione Monaco” (Destination Monaco).

Invita pertanto tutti gli utilizzatori dei social network presenti nel Principato di Monaco, a servirsi degli hashtag necessari, a seconda delle reti utilizzate, per promuovere Monaco durante le loro pubblicazioni.

Per chi non fosse ferrato in materia, un hashtag è una parola chiave o frase preceduta dal # simbolo utilizzato in un messaggio digitale. Permette di agire come "etichetta" (marcatore, tag) su quella parola o frase, mettendola in evidenza. L'uso di hashtag può aumentare la portata e la viralità della pubblicazione.

L’# si utilizza soprattutto su Twitter e Instagram e il governo incita tutti coloro che apprezzano il Principato a federare la comunità Monaco intorno a:

#monacomoments su Instagram: da utilizzare nei momenti di vita nel Principato.

#visitmonaco: iniziativa della Direction du Tourisme et des Congrés (DTC). #visitmonaco si utilizza nell’ambito del turismo, degli hotel e segue una linea editoriale coerente con il sito internet della Direzione del Turismo e Congressi www.visitmonaco.com.

#mcgreenglam
, mette invece in evidenza le azioni ecologiche dette “green”. La DTC a ha lanciato recentemente una prima campagna video sotto forma di episodio, intitolata “Green is the new Glam”, incentrata sul tema della famiglia. Il video è visibile sul canale Youtube Visitmonaco, o sul sito internet.

Nuovo senso di circolazione sulla Piazza del Casinò

Nuovo  senso di circolazione sulla Piazza del Casi...
Giovedì 9 Agosto 2018

Nuovo senso di circolazione da oggi giovedì 9 agosto sulla piazza del Casinò, si tratta di un test e il senso resterà invariato fino in autunno.

Prevista una zona pedonale della piazza con spostamento della circolazione dei veicoli davanti all’Hotel de Paris (come si vede nello schema). I clienti dell’albergo continueranno ad avere lo stesso tipo di accesso e deposito bagagli.

L’obiettivo di questo cambiamento è di rendere la zona Café de Paris/Casinò pedonale con uno spazio completamente accessibile e sicuro mantenendo la circolazione dei veicoli fluida.

Scompare lo chef Joël Robuchon

Scompare lo chef Joël Robuchon
Lo chef Robuchon era nato il 7 aprile 1945
J.Robuchon-C.Ruscalleda_Hotel-Metropole-MC_StudioP...
Lo chef Robuchon aveva invitato al Metropole la cher catalana Carme Ruscalleda con cui aveva posato in una serie di foto ad aprile scorso (ft.@.Metropole)
Martedì 7 agosto 2018,  (ft.©D.R.)

È morto all’età di 73 anni il grande Chef Joël Robuchon, lo Chef con più stelle al mondo, 24 delle guida Michelin. Rebuchon a Monaco era di casa dato che guidava i ristoranti dell’Hotel Metropole. Lo chef, si è spento a Ginevra dopo che un anno fa era stato operato di un cancro al pancreas.

La notizia ha lasciato tutti stupiti. Pare che lo Chef, nel suo modo di essere discreto, aveva rivelato solo alla famiglia e a pochi amici intimi della sua grave malattia. Era famosissimo per aver fatto di un piatto semplice, come la pureé di patate una vera prelibatezza, tanto che molti andavano apposta al suo ristorante al Metropole
per gustarla. Aveva dato un svolta importante alla cucna francese, esigente con isuoi collaboratori insisteva sempre sul fatto che i piatti dovevano essere realizzati con amore.

L'ultima volta che venne a Monaco fu lo scorso mese di aprile, dove aveva incontrato la chef catalana Carme Ruscalleda che Robuchon aveva voluto come chef invitata per questa stagione estiva al ristorante della piscina l'Odissey.

Un lutto nazionale per la Francia e per il Principato di Monaco.

Sistemi di sicurezza sui circuiti finanziari

Sistemi di sicurezza sui circuiti finanziari
Lunedì 6 agosto 2018,  (ft.©D.R.)

Il servizio di informazione e controllo sui circuiti Finanzieri (SICCFIN) ha lavorato per molti mesi, con il sostegno del governo, su un progetto per rafforzare la sicurezza del suddetto sistema.

Uno dei punti salienti di questo progetto è l'installazione, sui server SICCFIN, del software di guida, analisi operativa e strategica "goAML", creato e sviluppato dall'Ufficio del Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), specificamente progettato per le cellule d’informazione finanziaria.

Più recentemente, dal 31 luglio al 2 agosto, tre agenti della FIU monegasca, Karine Imbert, Éric Bergesi e Yann Raconnat le Goff (foto sopra), si sono recati in Liechtenstein su invito del direttore della CRF Nazzionale EFFI, Daniel Thelesklaf, per studiare il funzionamento di questo strumento informatico. Il Liechtenstein, l’ha infatti messo in opera diversi mesi fa.

Questo incontro ha permesso di beneficiare del parere di Michael Schoeb, vicedirettore di EFFI e Thomas Batliner, informatico / analista, sulla sua implementazione e uso pratico e per lo scambio sulle difficoltà che si possono incontrare durante primi mesi di attività. Oltre agli scambi tecnici, questa visita ha aiutato rafforzare i legami tra il personale EFFI e SICCFIN.

"Carta" per l'illuminazione degli immobili nel Principato

"Carta" per l'illuminazione degli immobili nel Pri...
Venerdì 3 agosto 2018,  (ft.©Concept/per il Principato)

La buona illuminazione di una città è molto importante, non solo per mettere in evidenza le bellezze ma anche per un conrollo delle spese elettriche. "Per questo motivo - ha spiegato il Ministro dell'Urbanismo, dell'ambiente ed infrastrutture, Marie Pierre Gramaglia - abbiamo deciso di richiedere uno studio ad una soicietà specializzata nel settore per conprendere il giusto utilizzo delle luci per gli immobili pubblici ma anche privati".

Quattro punti principali compongono la "Carta": -la volontà di limitare il consumo energetico; -la protezione della fauna e della flora; -la protezione del cielo notturno;  -la creazione di un'immagine notturna armoniosa della città.

Aggiunge il Minsitro: "Lo studio ha tenuto conto del bisogno di visibilitaà di certi edifici; la necessitaà di mettere in valore alcune architetture di immobili classici o contemporanei; l'impatto delle illuminazioni sulla qualitaà della vita degli abitanti e non ultimo l'incidenza dei consumi elettrici. 


La "Charte de Mise en Lumière" è disponibile e consultabile presso la direzione della Prospettiva, Urbanismo e Mobilità (23 av. Albert II). Lo strumento presenta i requisiti generali relativi a l'illuminazione, ai colori, ai fasci di luce, al consumo massimo di energia, agli oraridi  messa in servizio e ai requisiti aggiuntivi relativi alle categorie di edifici.

Oltre alle due principali categorie di edifici sopra menzionati, qualsiasi richiesta di illuminazione è soggetta ad uno studio per definire l'interesse del progetto per l'immagine notturna del Principato.

Progetto di legge sul lavoro di notte

Progetto di legge sul lavoro di notte
Martedì 1º agosto 2018,  Il ministro della salute e affari socilai Didier Gamerdinger, nel centro della foto, insieme ai parteners sociali e amministrativi, (ft.©D.R.)

Si è concluso il 24 luglio, il processo di elaborazione iniziato a settembre 2017 del progetto di legge relativo al lavoro notturno, di cui si è fatto promotore il Ministero della Salute ed Affari Sociali.

Il Ministro Gamerdinger ha chiesto la collaborazione di tutti i partners sociali che hanno potuto sottoporre pareri ed idee. Numerose le riunioni che si sono susseguite in questi mesi e che hanno dato per risultato un progetto di legge composto da 25 articoli che ha messo d'accordo ministero e parti sociali.

Progressi significativi sono stati fatti in questo progetto di legge per andare incontro ai dipendenti ma evitando complessità alle aziende che altrimenti avrebbe avuto problemi a predere in considerazione il testo.

Cerimonia di arrivo del 1º cassone del Portier

Benedizione anse du Portier-WSM.JPG
Arrivo del gommone per la benedizione del cassone davanti al Fairmont Monte-Carlo
Cassone ansa monogramma Principe Albert II-WSM_.JP...
Monogramma del Principe e bandiera di Monaco
Giovedì 26 luglio 2018,  (ft.©WSM/Colman)

Trasportato dal rimorchiatore proprio vicino al punto in cui saraà immerso, il primo cassone che andrà a formare la cintura che sosterrà il nuovo eco-quaritere dell'Ansa du Portier, è stato benedetto dall'arcivescovo di Monaco, Bernard Barsi alla presenza del Sovrano di Monaco e di diverse autorità. In cima al cassone spicca il monogramma del Principe e la bandiera di Monaco; il cassone sarà il primo di 18 ad essere immerso per tre quarti.

A bordo di un gommone S.A.S. il Principe Alberto II accompagnato dall'Arcivescovo, il Ministro di Stato Serge Telle, l'amministratore delegato della societaà SAM Anse du Portier, Guy Thomas Levy Soussan, da Martin Bouygues, presidente dell'omonima casa di costruzioni francese; Bernard d'Alesandri, segretario generale dello YCM e Andrea Casiraghi in rappresentanza della societaà di costruzioni ENGECO.

Dopo la cerimonia, il Ministro di Stato Serge Telle ha incontrato la stampa insieme con il presidente-direttore generale di Bouygues Construction Philippe Bonnave. È stato ribadito che per costruire l'estensione di 6 ettari che comprenderà, 3 mila mq. di commerci,  60 mila mq. di abitazioni su quello che diventerà il nuovo litorale ridisegnato da Renzo Piano, saranno immersi 18 cassoni, che serviranno da cintura e base per le costruzioni.

I cassoni poggeranno sulla basa in fondo al mare che è stata compattata e saranno immersi al ritmo di due al mese per concludere le operazioni nell'estate del 2019. Costo di questa prima parte di lavori 1 miliardo di euro.

Alla domanda di un giornalista francese che chiedeva se sarà lo Stato monegasco a pagare i lavori, il Ministro Telle ha spiegato che saranno gli azionisti della SAM du Portier a farsi carico dei costi di costruzione.

Pare ci siano modifiche sui nomi dei costruttori che saranno autorizzati a edificare.

Serge Telle- Philippe Bonnav-WSM.jpg
Da sinistra l'ingegnere presidente-direttore generale di Bouygues Construction, Philippe Bonnave e il Minsitro di Stato Serge Telle durante la conferenza stampa al Fairmont Monte-Carlo.
cassone ansa Portier-WSM - copie.jpg
il cassone trascinato dal rimorchiatore

Estensione in mare: arrivo del primo cassone

Estensione in mare: arrivo del primo cassone
Lunedì 23 luglio 2018,  (ft.©WSM/Colman
 
È arrivato davanti a Monaco via mare, il primo cassone che sarà immerso per iniziare a creare la cintura del nuovo quartiere sul mare, la cosidetta Estensione in mare del Portier.

La cerimonia ufficiale di quella che potrebbe essere definita come "posa della prima pietra" se si fosse sulla terra ferma si terraà in settimana alla presenza del Minsitro di Stato Serge Telle.

La Commissione Junker spinge per un rapido accordo con i 3 piccoli Stati

La Commissione Junker spinge per un rapido accordo...
Sabato 14 luglio 2018, da sinistra Nicola Renzi, Serge Telle e Antoni martì Petit, (ft.©WSM/Colman)
 
Nuova riunione a Monaco dei capi di governo dei tre piccoli Stati che stanno tentando di negoziare un accordo di associazione con l’Unione Europea. Il Ministro di Stato Serge Telle ha accolto il Ministro degli affari esteri e politici di San Marino Nicola Renzi e quello di Andorra Antoni Martì Petit.
Un incontro che organizziamo regolarmente – ha detto Telle- proprio per mettere a punto strategie del negoziato. Ormai ci conosciamo bene, c’è molta fiducia fra di noi, abbiamo definito i punti che in nessun modo possono essere toccati, ognuno nel proprio Paese. Auspichiamo il rispetto per le nostre specificità da parte dell’Unione Europea”.

L’incontro questa volta si è tenuto perché la Commissione guidata dal tanto discusso Jean-Claude Junker, vorrebbe registrare e rapidamente l’accordo con Monaco, Andorra e San Marino, dato che nel 2019 finisce il mandato!
Non abbiamo fretta - dice Antoni Marti, in pieno accordo con Telle e Renzi – se ci sarà un accordo dovrà essere perfetto. Non vediamo il motivo della fretta di concludere”. Intanto Andorra ha registrato un punto a suo favore e la Commissione Europea gli ha già concesso di poter mantenere le proprie accise sui tabacchi, una delle loro specificità.

In parallelo a questi incontri politici, dei capi di governo proseguono attivamente quelli dei rispettivi ministri degli esteri con i rappresentanti della Commissione Europea ed i loro tecnici. Abbiamo chiesto a Gilles Tonelli Ministro degli affari esteri di Monaco, cosa rispondo i rappresentati della Commissione Europea alla loro richiesta delle specificità dei piccoli Stati. “In realtà il negoziato è complesso, perché non c’è un solo interlocutore. Quando abbiamo fatto capire qual è la realtà di Monaco per esempio, facendo superare i consueti pregiudizi, l’interlocutore deve rivolgersi al capo della propria commissione e lì bisogna ricominciare il lavoro, far capire perché non possiamo accettare la libera circolazione delle persone. Dato che Monaco ha 38 mila abitanti e 50 mila pendolari ogni giorno, non potrebbe mai accogliere sul suo territorio 500 mila persone. Saremo sempre noi a scegliere chi potrà risiedere o meno sul nostro territorio, per noi non è discriminazione ma una realtà concreta per la Commissione Europea può apparire discriminante”.

Spiega Telle: “Si sta cercando un equilibrio tra quello che siamo istituzionalmente e la visione che la visione europea delle 4 libertà: libera circolazione di persone, merci, finanze e servizi”.

Se i tre Paesi hanno individuato punti comuni su cui dibattere con la U.E. è anche vero che sono molto diversi per altri aspetti. Per esempio, Andorra continua ad avere delle frontiere; i tre sistemi bancari sono diversi... 

Ha concluso Nicola Renzi: “Abbiamo iniziato il negoziato la U.E. nel 2015. Il testo dell’accordo nella sua parte generale sta maturando poi per le nostre rispettive particolarità la commissione europea segue un quadro di regole specifiche per le quali noi dobbiamo cercare di ottenere delle clausole di salvaguardia proprio per motivi ragionevoli dei nostri territori, che non possono essere messi in discussione in alcun modo”.

GLI YACHT PIÙ PRESTIGIOSI E LUSSUOSI AL MYS

Porto di Monaco-mys_2017_copyright_mc_clic_02.jpg
Gaelle Tallarida-mys-©imagIN_agency_14 (1).jpg
Giovedì 5 luglio 2018,  Gaëlle Tallarida durante la conferenza stampa, (ft.©MYS-imagIN agency)

Presentata all’eliporto di Monaco la 28ª edizione del Monaco Yacht Show, dal 23 al 26 settembre prossimi. Non è un luogo atipico quello scelto per la presentazione, basti pensare a quante persone, durante lo show degli yacht di lusso saranno trasportate a Monaco, non solo dall’aeroporto di Nizza ma anche da altre località.

A raccontare le novità dall’hangar di Monacair, il General Manager del Monaco Yacht Show Gaëlle Tallarida che ha ricordato la visita di 30 mila persone per l’edizione 2017 ed ha evidenziato alcuni dei momenti più importanti del salone come la 3ª edizione del Monaco Yacht Summit, la Sapphire Experience (un programma di visita VIP ai più prestigiosi yacht del salone) saranno presentati una quarantina di nuovi yacht e svariati eventi di relazioni pubbliche per ospiti provenienti dall'estero sempre con l’obiettivo di promuovere l'industria dei superyacht ad un pubblico di alto potere d’acquisto senza contare i vari eventi che l’equipe del MYS e la Direzione del Turismo e Congressi organizzano nel mondo per promuovere sia il salone che la “Destinazione Monaco”.

Novità anche dal punto di vista dell’installazione all’interno del salone come un lunghissimo nuovo molo che consentirà ai pedoni di passare dal quai des Etats Unis al quai Antoine I, senza fare tutto il giro del porto.

In mostra al porto di Hercule ci saranno circa 120 tra i più grandi e prestigiosi yacht. Sulle banchine, le diverse aree espositive (580 aziende presenti) dedicate ai settori dello yachting e del lusso, e le aree tematiche legate allo stile di vita dei superyacht come Tenders & Toys, il Car Deck e il nuovissimo Art Pavilion, dedicato alla mostra di opere d'arte, nei prossimi anni destinato a divenire una vera e propria fiera. 

Monaco Yacht Show, 26 - 29 September 2018 Porto di Monaco www.monacoyachtshow.com

Colloqui sui Diritti dell'Infanzia a Monaco

Colloqui sui Diritti dell'Infanzia a Monaco
Giovedì 28 giugno 2018, (ft.©Michael Alesi/Direc. Com.)

Il Ministero degli Afffari Esteri e della Cooperazione di Monaco, in occasione della celebrezione del 25º anniversario dell’adesione del Principato alla Convenzione delle Nazioni Unite, ha organizzato i Colloqui relativi ai Diritti Dell'Infanzia.

Nella sua allocuzione di apertura S.A.R. la Principessa di Hannover, Presidente dell’AMADE Mondiale, ha detto: "Insieme, dobbiamo coniugare i nostri sforzi per sradicare il fenomeno della violenza in particolaare per l'adozione e l'applicazione delle leggi che proteggono l'infnzia. Dobbiamo però anche combattere la violenza per i cambiamenti delle attitudini e delle mentalità che le continuano, perché ogni tolleranza in questo settore è inaccettabile. Anche l'impegno che S.A.S. il Principe Albert II, Mio fratello, ha preso dda molti anni per la promozione e la protezione dei Diritti dell'Infanzia come una delle sue priorità politiche".

Subito dopo Marta Santos Pais, Rappresentante Speciale del Segretario Generale dell'ONU, incaricato della questione delle violenze verso i bambini, insieme ad un gruppo di esperti si è riunita per discutere sul tema: "La violenza verso l'infanzia all'interno delle famiglie e delle scuole". et de l'école". 

Monaco Sunday Experience

Monaco Sunday Experience
Mercoledì 27 giugno 2018, 

Monaco Sunday Experience sarà l'esperienza estiva che potranno fare i clienti dei negozi di Monaco a cui i commercianti proporranno dal 8 luglio al 9 settembre, l'estate un'offerta varia e completa che combinerà shopping, benessere, gastronomia e cultura. 
I commercianti sono stati avvisati dal Welcome Office, tramite una lettera delle modalità di partecipazione e 
della possibilità di richiedere il rimborso di una parte dei carichi sociali.
Sarà necessario per ogni commercio di prendere con conttato con l'Ispezione del Lavoro per ottenere l'autorizzazione per una derogazione al riposo domenicale.
La lista dei commercianti che partecipano sarà visibile sul sito:  www.monacosundayexperience.com

Guillaume Rose incaricato dell’eccellenza di Monaco...

Guillaume Rose incaricato dell’eccellenza di Monac...
Martedì 26 giugno 2018, (ft.©WSM/Colman)

Il parlamentare Guillaume Rose, grazie alla sua grande esperienza e competenze internazionali, è stato nominato a capo di una speciale missione del governo per ri-organizzare e coordinare al meglio la politica di accoglienza ed eccellenza per il Principato.

Rose dovrà preparare un piano che permetterà al governo di definire una strategia comune e valutare le opportunità di creare una struttura dedicata alla messa in pratica del piano, definendo le attività da compiere, il personale, i mezzi finanziari necessari e l’impatto su ogni entità interessata.

Sarà Rose quindi a gestire la strategia comune per tutti coloro che veicolano l’immagine di Monaco al di là delle sue frontiere. L’obiettivo è di sviluppare un asse comune con i Paesi che interessano il Principato per massimizzare il ritorno in termine di immagine di Monaco all’internazionale.

Sono italiani i primi futuri inquilini di One Monte-Carlo

Jean Luc Biamonti.JPG
Jean-Luc Biamonti (ft.©WSM/Colman)
One Monte-Carlo.jpg
il nuovo complesso One Monte-Carlo, (ft.©WSM/Colman)
Giovedì 21 giugno 2018

Il bilancio della società; la riapertura completa dell’hotel de Paris a dicembre, l’inaugurazione del One Monte-Carlo il 22 febbraio e il futuro del Casinò, sono gli argomenti affrontati dall’amministratore delegato della SBM  Jean-Luc Biamonti in conferenza stampa.

La cifra d’affari è salita del 3% a 474,6 milioni di euro; stabili i giochi da tavolo; in crescita del 7% il settore alberghiero e il deficit è a – 27,1 milioni con un miglioramento di 5,7 milioni rispetto al 2017. Va meglio!
A parlare è Jean-Luc Biamonti, amministratore Delegato della SBM, che aggiunge: “Lo scorso anno solo perché avevo detto che ero ottimista e vedevo la luce fuori dal tunnel, sono stato massacrato di critiche. Sono ottimista e con il lavoro costante e continuo sono sicuro che alla fine tutto tornerà a posto”.
Certo questi ultimi anni per la Société des Bains de Mer sono stati difficili, non solo per la crisi internazionale ma anche per il forte impatto dei lavori per la ristrutturazione dell’Hotel de Paris e la realizzazione del nuovo complesso One Monte-Carlo. A proposito dei lavori Biamonti ha annunciato: “Inaugureremo l’Hotel de Paris a fine anno e il complesso One Monte-Carlo il 22 febbraio 2019. Abbiamo avuto un po’ di ritardo con le speciali vetrine dei negozi, che sono state realizzate dall’unica società in grado di farlo, in Italia, solo che il montaggio è stato più complicato del previsto. Les boutiques e la sala sotterranea per le feste che riprenderà il nome di Sala Belle Epoque, apriranno il 1° aprile mentre la sala sarà commercializzata dal 1° maggio 2019”.

Intanto a causa delle pressioni della domanda di affitto, ad aprile 2018 Biamonti ha ceduto e sono stati affittati già il 30% dei circa 37 appartamenti. I futuri inquilini pagano il prezzo di una villa (si parla di 700 mila euro all’anno), del resto si abita in una penthouse (600 mq per piano con piscina) vista Casinò davvero unica!

I primi inquilini saranno italiani, una coppia ed un single; gli altri norvegesi, inglesi e francesi” aggiunge Biamonti. Infine i lavori per rimettere a posto il giardino dove in questo momento ci sono le boutique termineranno a giugno 2019. Per quanto riguarda le boutique Biamonti racconta che alcune maison hanno deciso di non aprire nei nuovi locali ma altre le hanno già sostituite, 55 marchi in tutto e tra questi le novità sono Gianvito Rossi, Fendi, Hublot e Chaumet.

La palazzina ovale è destinata agli uffici della SBM mentre sotto ci sarà un ristorante, bar, sala da thè per coloro che si dedicano allo shopping.

Finito un cantiere a breve sarà il turno del Cafè de Paris che subirà un restyling: al piano superiore la terrazza diventerà una vera terrazza dove organizzare serate, mentre nel lato che si trova di fronte al Casinò, saranno trasformati in piccole boutique alcuni locali tecnici; allo studio anche un progetto per i locali dove una volta c’era il Moods, Biamonti svela: “tornerà probabilmente la musica dal vivo”.

La questione Casinò resta al centro dell’attenzione. Così Biamonti ha raccontato quanto tempo lui e il direttore del Casinò, Pascal Camia, passano per trovare le giuste soluzioni per riportare i giochi agli antichi splendori. “Bisogna capire che i tempi sono cambiati. Oggi esiste una categoria di vecchi giocatori; in Europa i giovani non giocano o giocano poco e preferiscono i giochi elettronici. Le restrizioni bancarie del cash, le regole finanziarie più severe, bloccano alcuni giocatori che per esempio oggi devono pagare i loro debiti solo attraverso i conti personali e non con quelli delle loro società”. Biamonti non si scoraggia e con Camia hanno pensato a diversi eventi: le cene di gala surrealiste, al Casinò solo per grandi giocatori; tornei di roulette; ed infine l’idea di portare i giochi anche fuori dal Casinò, nei luoghi di divertimento: un tavolo roulette accanto ad una piscina del Nikki Beach, per esempio.

Intanto dopo anni, la scuola di formazione per nuovi croupier vedrà la luce e saranno selezionati 12 giovani che vogliono intraprendere questa attività. Biamonti ha concluso, la conferenza stampa, parlando di eventi. La Festa della Danza che la scorsa estate ha registrato un grande successo tornerà nel 2020 mentre per fine 2019 si pensa ad un evento spettacolare, unico a Monaco.
Infine, a più corto periodo ci sarà una serata al Casino del Cafè de Paris “Gasby” dove i clienti arriveranno a bordo di auto antiche prestate dalla Collezione del Principe, per trascorrere una serata che si annuncia inedita. Infine per gli appassionati della Vigie, l’apertura del celebre ristorante estivo sulla punta del Monte-Carlo Beach sarà dal 1° luglio dalle ore 12 a mezzanotte.

Restyling della hall del Comune

Restyling della hall del Comune
Mercoledì 20 giugno 2018, (ft.©WSM/Colman)

Il sindaco Georges Marsan e la sua giunta al completo hanno riaperto al pubblico la hall della sede comunale completamente ristrutturata. Una vera meraviglia!
L'entrata è stata benedetta dall'Aercivesvoco di Monaco, Monsignor Bernard Barsi in presenza del Presidente del consiglio Nazionale, Stephane Valeri.

Sono occorsi circa 8 mesi per riportare allo splendore l'entrata con i toni del bianco, grigio ed oro, un classico contemporaneo molto raffinato.

Al termine della cerimonia è stato consegnato, ad ogni rappresentante delle ditte che hanno partecipato alla ristrutturazione, una delle piastrelle che erano cornice della antica hall.
Hall de la Mairie.jpg

Consiglio Nazionale: incontro con la stampa

Consiglio Nazionale: incontro con la stampa
Martedì 19 giugno 2018, (ft.©WSM/Colman)

A pochi giorni dal suo intervento al Monaco Press Club, il Presidente del Consiglio Nazionale, Stéphane Valeri, ha riunito la stampa per fare un punto sulla prossima assemblea pubblica parlamentare del 20 e 21 giugno. Valeri ha spiegato che stanno lavorando con il governo e che sul progetto di Testimonio 3.

È stato per ora proposto un progetto con 130 appartamenti demaniali “Se la torre sarà costruita in un terreno più ampio, potremmo ottenere 200 appartamenti – ha detto il Presidente- Siamo stati molto felici di apprendere che il governo, intanto, ha accettato di creare un Business Center Demaniale a prezzi contenuti i lavori inizieranno a breve in mille mq. di locali attigui a Monaco Tech.

Il consiglio Nazionale ha chiesto al Ministro di Stato attraverso una lettera realizzare due sedute pubbliche su domande di attualità, oltre alle due che vengono fatte regolarmente per la legge di bilancio.
Marine Grisoul, la più giovane parlamentare del consiglio ha parlato del voto per procura. Un testo che porterà un vero cambiamento per tutti i monegaschi che sono fuori per lavoro, studio o vacanza nel momento delle elezioni.
Il voto sarà elettronico inviato direttamente al Comune. Il Presidente della Commissione legislazione, Thomas Brezzo, ha puntualizzato che tra le norme che riguarderanno il progetto di legge per adeguarsi alle norme europee anti riciclaggio e bancarie.

La disposizione avrebbe dovuto essere firmata lo scorso anno. Se in alcuni Paesi come Germania ed Austria non ci sono limiti nel ritirare soldi liquidi dalla banca Monaco resterà ferma al limite di 30 mila euro, non scenderà alla soglia dei 10 mila, come avrebbe voluto il governo.

A proposito progetto della nuova costruzione che sarà eseguita da un privato, al 3 e 5 Avenue John Fitzgerald Kennedy, Valeri ha aggiunto un dettaglio: “Per questa nuova futura costruzione abbiamo ottenuto, invece che degli appartamenti, 18 milioni di euro, con cui il governo comprerà per il demanio decine di bilocali”, precisa Valeri. Questo sistema sarà applicato sui quei terreni he in parte appartenevano allo Stato o al Comune e che vengono lasciati liberi per altre costruzioni.

Betty Williams Premio Nobel per la Pace 1976

Betty Williams Premio Nobel per la Pace 1976
Lunedì 18 giugno 2018, (ft.©WSM/Colman)

Nell'ambito del Festival Internazionale della Televisione di Monte-Carlo, si svolgono molte proiezioni aperte al pubblico delle serie più o meno famose ma si assiste anche alla presentazione di documentari straordinari.

La protagonista di domenica sera è stata Betty Williams, una delle poche donne ad aver ricevuto un Premio Nobel, quello per la Pace nel 1976. "Peace Jam, Betty Williams Contagious Courage", ci riporta indietro dapprima agli anni '70 quando l'Irlanda del nord fu messa sconvolta dalla guerriglia tra protestanti e cattolici. 
Attentati, bombe, omicidi hanno distrutto intere famiglie ed ucciso anche bambini innocenti.

Fu proprio l'uccisione di tre bambini, durante un inseguimento della polizia a un membro dell'IRA, che fece scattare qualcosa nel cuore e nella mente di Betty Williams, una tranquilla signora che abitava a Belfast.
Inizio a bussare a tutte le porte delle case e a chiedere alle donne di firmare una petizione affincheé quella strage di innocenti finisse. Raccolse 6 mila firme ed organizzò una marcia silenziosa con 10 mila donne, cattoliche e protestanti. fu cosiì che Betty Williams e Mairead Corrigan fondarono il Women’s Peace Movement. Le due donne ricevettero insieme il Premio Nobel.

Da quel momento Betty aveva trovato la sua strada. Ovunque ci fosse da difendere i diritti di bambini e donne lei era in prima linea. Russia, Asia, Africa ed inizia a creare case per accogliere bambini orfani che hanno subito violenze ed abusi durante le guerre e la prima fu aperta in Basilicata.

Una serata ricca di emozioni e di una storia che purtroppo non sempre i libri scolastici riportano.

Stéphane Valeri invitato al Monaco Press Club

Stéphane Valeri invitato al Monaco Press Club
Giovedì 14 giugno 2018, (ft.©WSM/Colman)

A quattro mesi dalla sua elezioni di Presidente del Conseil National (parlamento), Stéphane Valeri ha accettato l'invito del Monaco Press Club per fare un sunto dell'attività parlamentare di questi mesi ma anche per parlare degli impegni dei prossimi mesi a cominciare i prossimi 20 e 21 giugno della seduta pubblica dell'assemblea parlamentare. "In tal sede - ha spiegato Valeri- saranno presentati due progetti di legge del governo e tre proposte di legge da parte del parlamento". Valeri ha risposto alle domande di Joelle Deviras e Noel Mettey sui negoziati in corso da il governo di Monaco ed ha detto: "Il negoziato è condotto dal Ministro degli Esteri Gilles Tonelli, che ha ricevuto un mandato preciso dal nostro Sovrano: c'è una linea rossa da non superare se si vuole raggiungere un accordo sulle specificità monegasche. Abbiamo grande fiducia nel lavoro di Tonelli che ci tiene regolarmente informati". Valeri ha anche spiegato che è assolutamente normale che ci sia grande confidenzialità sul negoziato ed ha aggiunto che se un accordo sarà raggiunto il governo preparerà un progetto di legge che il Conseil National potrà firmare oppure no. Valeri ha anche confidato di incontrare sovente S.A.S. il Principe Albert II, incontri informali, durante i quali hanno uno scambio su tutti temi di grande attualità. Alla domanda se i suoi rapporti con il Ministro di Stato Serge Telle fossero sempre tesi Valeri ha risposto: "La campagna elettorale è finita adesso stiamo tutti lavorando. Da parte mia c'è solo la volontà di grande collaborazione per migliorare sempre il nostro Paese". È stato anche toccato il tema degli alloggi demaniali: "La situazione migliorerà gradualmente, oltre ai progetti in corso di realizzazione, puntiamo molto sulla mobilità soddisfacendo i bisogni - ha spiegato il Presidente - In particolare se due persone di un certa età continuano a vivere in un grande appartamento gli chiederemo di spostarsi in uno più piccolo e adatto ma magari più vicino ai figli per poter vedere più facilmente i nipoti. Senza aumentare gli affitti per un appartamento nuovo. Sono piccoli gesti ma ci permetteranno di avere un parco alloggi che saranno distribuiti in modo più equo e soprattutto per i monegaschi che hanno davvero bisogno". Valeri ha tenuto a ribadire che Les Enfants des Pays (persone nate a Monaco da generazioni ma di altra nazionalità) non sono dimenticati e il 20 giugno ci sarà la proposta di legge affinché i nuovi immobili abbiano una quota di appartamenti per il settore protetto. "Sulla questione di Villa Platane (proprietà di un singolo) non è possibile che in un quartiere in piena ristrutturazione un piccolo proprietario non accetti di vendere la vecchia abitazione. Occorre fare proposte appetibili e se dirà di no per ostinazione - ha detto Valeri- ho proposto al governo di fare un progetto di legge per l'esproprio". Infine sempre a proposito degli appartamenti demaniali Stéphane Valeri ha informato: "Ci sono 3600 appartamenti in tutto e alcuni sono occupati da francesi funzionari che lavorano al Palais e all'amministrazione oltre ad alcuni appartamenti che sono affittati e persone residenti per alcuni motivi legati al passato".

Il prossimo 20 e 21 giugno si discuteranno di due progetti di legge presentati dal governo il primo riguarda l’impegno ad applicare la direttiva dell’Europa che rafforza il meccanismo antiriciclaggio, il finanziamento del terrorismo e il meccanismo di corruzione. Poi un progetto su una nuova costruzione che sarà eseguita da un privato, al 3 e 5 Avenue John Fitzgerald Kennedy e del fondo di avenue d'Ostende dove sia il Comune che lo Stato hanno delle proprietà

Saranno esaminate anche tre proposte di legge: - semplificazione di voto per procura; - domiciliazione di un'attività professionale in un edificio residenziale di proprietà dello Stato; - rendere definitiva la legge del settore protetto delle abitazioni dello Stato.

Infine Valerie si è detto felice della creazione della scuola di giochi per il casinò da parte della SBM.

A conclusione dell'incontro Valeri ha detto di essere molto felice e fiero di essere Presidente del Consiglio Nazionale, con missione di proteggere e migliorare la vita di monegaschi e residenti. "La mia squadra ed io lavoriamo molto intensamente perché senza lavoro non si ottengono risultati" ha precisato.

Intanto per Stephane Valeri le soddisfazioni si moltiplicano: il figlio si affaccia alla vita politica, iniziando dalla base e prossimamente il Presidente riceverà l'onorificenza di Ufficiale della Legion d'Onore francese.

Riapre a Torino il Consolato onorario di Monaco

Riapre a Torino il Consolato onorario di Monaco
Mercoledì 13 giugno 2018, Il Console Onorario Licia Mattioli e l'Ambasciatore Robert Fillon, (ft.©D.R.)

Ha riaperto a Torino il Consolato Onorario di Monaco a seguito della nomina di un nuovo Console, l'imprenditrice Licia Mattioli che fa parte anche di Confindustria. Ad inaugurare la nuova sede è stato l'Ambasciatore di Monaco in Italia, Robert Fillon.

Durante il suo discorso davanti alle autorità locali e regionali, l'Ambasciatore ha ricordato cheil Consolato di Torino oltre alla regione Piemonte coprirà anche la Val d'Aosta ed avrà il compito di mantenere e migliorare le relazioni economiche con Monaco.
Al termine della riunione eè seguita una riunione degli Ambasciatori del Turismo d'Affari per la regione Piemonte.

1º Incontro dei Siti Storici dei Grimaldi di Monaco

1º Incontro dei Siti Storici dei Grimaldi di Monac...

Martedì 12 giugno 2018, 

1º Incontro dei Siti Storici dei Grimaldi di Monaco. L'appuntamento per questa nuova manifestazione che rende omaggio alla dinastia Grimaldi si svolgerà sulla piazza di Palazzo per due giorni, nel fine settimana del 23 e 24 giugno. Di tutti i Principi per questa prima edizione saranno messi all'onore il Principe Ereditario Jacques e la Principessa Gabriella e saranno ricevuti il marchesato di Baux, la contea di Carlades e la città di Mentone.
Quest'ultima, per oltre cinque secoli, ha fatto parte del Principato.
Nel pomeriggio sono previsti i giochi destinati a bambini e ragazzi, propri come si faceva nelle sagre dei paesi: corse con i sacchi, il gioco della pignatta o pentolaccia, giostre medioevali, gioco dell'oca e tante altre sorprese.

Danze, folklore e culture faranno scoprire il castello di Carlat ci saranno anche espozioni di prodotti tipici del luogo, come le statuine dei presepi, tagliatori di pietre e ceramiche. Senza dimenticare la degustazione di prodotti tipici.

La sera di sabato 23 giugno, a partire dalle ore 23, il pubblico è invitato ad assistere ad uno spettacolo di suon e luci proiettati sulla facciata di Palazzo Grimaldi.

Festa della Repubblica Italiana, gli auguri dell'Ambasciatore d'Italia a Monaco

Festa della Repubblica Italiana, gli auguri dell'A...
Sabato 2 giugno 2018,  L'Ambasciatore d"Italia a Monaco, Cristiano Gallo (ft.©WSM/Colman)

Ecco lo speciale messaggio di S.E. l'Ambasciatoree d'Italia Cristiano Gallo rivolto a tutti i nostri lettori.

"Nella ricorrenza del 72º anniversario della nascita della Repubblica italiana, rivolgo un caloroso saluto augurale ai tanti connazionali ed agli amici stranieri che leggono e si collegano ogni giorno con il sito di Montecarloin. L'italia si afferma ogni giorno di più come super potenza di cultura e bellezza, forte dell'enorme patrimonio artistico che abbiamo ereditato dal passato e che siamo impegnati quotidianamente a proteggere.

Il peso specifico dei Paesi non si misura soltanto in termini di influenza politica, peso economico, demografico o potenza militare. Oggi conta la capacità di irradiazione di un modello culturale e la diffusione del proprio stile di vita. Il gusto e lo stile italiano, che amiamo rappresentare con il riuscito slogan Vivere all'italiana è il patrimonio immateriale che cerchiamo di valorizzare con gli strumenti della diplomazia culturale, oltre che commerciale, sempre sul filo della creatività, vera e propria cifra del successo della prestigiosa offerta "made in Italy".

Il Principato di Monaco, dove cresce la comunità italiana residente, che oramai ha superato le 8400 unità, rappresenta per l'Italia un mercato di enorme valore, un luogo ideale per la promozione di prodotti altamente qualitativi e progetti innovativi in settori di grande richiamo come il cibo, l'enologia, l'arredamento d'interni, la moda ed in genere il Design.

La Festa nazionale che festeggeremo oggi a Monaco servirà anche da vetrina per presentare ai numerosi ospiti attesi le eccellenze italiane, in un formato promozionale dove impresa e cultura verranno sapientemente abbinati.

L'Ambasciata d'Italia e l'intero Sistema Italia operante a Monaco non mancheranno di ispirare la loro azione sinergica a tale criterio, con l'obiettivo di far sventolare sul Principato, sempre più alta, la bandiera del nostro amato Paese".

L'Ambasciatore Cristiano Gallo
Ambasciata d'Italia nel Principato di Monaco.

Modifica della viabilità in boulevard des Moulins

Modifica della viabilità in boulevard des Moulins
Martedì 29 maggio 2018

Con l'obiettivo velocizzare il traffico del boulevard des Moulins e far si chei soccorsi possano avere accesso rapidamente in caso di bisogno, a partire dal 5 giugno e per alcuni mesi la viabilità subirà una variazione per un test e vedere se le condizioni del traffico miglioreranno.

I bus provenienti da place des Moulins non passeranno più da avenue St. Michel ma proseguiranno dritti in una corsia preferenzialee fino alla rotonda del grande incrocio av. St. Lauent, bd. Princesse Charlottea, bd. des Moulins, av. de la Madone. Tutti gli altri veicoli e motocicli continueranno a passare da av. St. Laurent.

Alla rotonda Madone/ Place des Moulins, sulla destra saranno creati al suolo, posti parcheggio PMR, 4 posti VL, e la stazionee delle biciclette che si tova di fronte al Regina 
• La fermata del bus Saint-Charles che era in  avenue Saint-Laurent sarà trasferita davanti al Regina sul boulevard des Moulins
• Sulla parte sinsitra dell’avenue Saint-Laurent saranno creati 10 posti VL, sulla parte destra una serie di parking per moto
• Un parcheggio merci sarà realizzato davanti al 27 boulevard des Moulins.

A livello del Boulevard Princesse Charlotte
• Le couloir de bus est supprimé pour pouvoir créer un linéaire 2 roues, une aire de
livraison, 5 posti per sosta limitata et una fermata per la regolazione dei bus della CARF (ZEST).
• L'attraversamento pedonale è spostato di qualche metro per ragioni di sicurezza
 
Per informazioni o suggestioni, durante il periodo del test: si può scrivere
amenagement@gouv.mc  Tel:+377 98 98 22 77

Michel Boeri neo-Presidente del Consiglio della Corona

Michel Boeri neo-Presidente del Consiglio della Co...
Giovedì 24 maggio, (ft.©D.R.)

Michel Boeri, classe 1939, è stato nominato da S.A.S. il Principe Albert II nuovo Presidente del Consiglio della Corona. Il dottor Michel-Yves Mourou, Presidente uscente, è stato nominato il 19 aprile scorso Consigliere privato del Principe.

Con un'Ordinanza Sovrana, pubblicata sul Giornale Ufficiale Monegasco, del 4 maggio 2018, il Principe ha deciso di rinnovare completamente il Consiglio, organo consultivo, che viene rinominato ogni tre anni.

Michel Boeri, avvocato, di antica famiglia monegasca, è anche l'ormai storico presidente dell'Automobile Club di Monaco, che vorrebbe restarein carica fino al 2021, data entro cui vorrebe rifare completamente tutti gl istand della Formula1.

 Il rinnovato Consiglio della Corona è formato da:André Garino, Patricia Husson, Alain Sangiorgio, Claude Cellario, Guy Magnan e Henri Rey. Segretario: Richard Milanesio.

il Consiglio si riunisce due volte all'anno su invito del Principe o ogni qualvolta he il Sovrano lo giudica necessario.

È nato Francesco, Carlo, Albert Casiraghi

È nato Francesco, Carlo, Albert Casiraghi
Mercoledì 23 maggio, (ft.©Palais Princier)

È nato Francesco, Carlo, Albert Casiraghi secondo genito di Beatrice e Pierre Casiraghi. L'annuncio, come ormai vuole la prassi viene direttamente dale nonne "gioiose" la Principessa di Hannover e la Contessa Paola Marzotto.

Il bambino venuto alla luce all'ospedale Princesse Grace di Monaco, è nato il 21 maggio, 16 mesi dopo Stefano, Ercole nato il 28 febbraio 2017.

Jean-Luc Nguyen neo Direttore dei Lavori Pubblici

Jean-Luc Nguyen neo Direttore dei Lavori Pubblici

Mercoledì 23 maggio, (ft.©Direction de la Communication)

Jean-Luc Nguyen, è stato nominato Direttore dei Lavori Pubblici e mantiene anche la Direzione dell'Urbanizzazione in mare. Succede a Oliver Lavagna, che ha raggiunto la Direzione della "Société d'Exploitation des Ports de Monaco (SEPM).

Nguyen, ingegnere, con una grande carriere nel settore privato e in quello pubblico (Ministero delle infrastrutture in Francia), dopo una prima missione dal 2007 al 2009 a Monaco è entrato definitivamente al Dipartimento delle Infrastrutture, dell'Ambiente e dell'Urbanismo nel 2015 come Direttore della Missione
Urbanizzazione in Mare e Direttore della Missione per la Transizione Eneregtica.

128a Sessione Ministeriale del Consiglio d’Europa

128a Sessione Ministeriale del Consiglio d’Europa
Sabato 19 maggio, (ft.©D.R.)

Il Principato di Monaco ha partecipato alla 128a Sessione Ministeriale del Consiglio d’Europa a Elseneur in Danimarca, rappresentato da Rémi Mortier, Ambasciatore, Rappresentante permanente del Principato di Monaco presso il Consiglio d’Europa, in vece del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. 

Riuniti i ministri degli esteri o i loro rappresentanti di 47 Stati membri dell’Organizzazione per promuovere il rispetto dei diritti e libertà fondamentali, garantire l’efficacia a lungo termine del sistema della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo e rinforzare la sicurezza democratica, in un’Europa confrontata a diverse sfide.

Il Segretario Generale, ha ricordato l’obiettivo fondamentale dell’Organizzazione che è di rinforzare l’unità e permettere l’applicazione effettiva dei diritti dell’uomo a scala europea. L’ambasciatore Mortier ha riaffermato il sostegno tanto politico che finanziario dl governo del Principe al Consiglio d’Europa. Ha anche ricordato il ruolo faro dell’Organizzazione come piattaforma di dialogo e di cooperazione che mira ad assicurare la protezione effettiva dei diritti dell’uomo e in particolare di 800 milioni di cittadini europei attraverso la Corte Europea dei Diritti dell’uomo. I Ministri hanno adottato un Protocollo di emendamenti che attualizzano la Convenzione relativa alla protezione dei dati personali, di fronte alle sfide poste dall’utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Prix Monte-Carlo Femme de l'Année 2018

Géraldine Rey-Isabelle Henchoz-Yelena Isinbaeva.j...
Le tre vincitrici. Da sinistra Geraldine Rey, Isabelle Henchoz e Yelena Isinbaeva (f.©WSM/Michael Alesi)
Prince Albert II- Ornella Barra-Cinzia Sgambati Co...
S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco ha ricevuto una targa per il suo costante sostegno al Premio.
Nella foto il Sovrano, la dottoressa Ornella Barra e la presidente del Premio Cinzia Sgambati Colman (ft.©Axel Bastello/PalaisPrincier)
Martedì 15 maggio, (ft.©WSM/Michael Alesi)

Il Premio Monte-Carlo “Femme de l’Année” 2018 ha le sue vincitrici per il tema di quest’anno: “Donne e Sport”. Si tratta di Géraldine Rey (Francia), Prix Monte-Carlo Donna dell’Anno 2018; Yelena Isinbaeva (Russia) Prix Monte-Carlo Donna dell’Anno 2018 per Monaco; Premio Speciale a Isabelle Henchoz (Svizzera).

Il Principe Alberto II di Monaco ha ricevuto in udienza le vincitrici a Palazzo, accompagnate dalla presidente del premio Cinzia Sgambati-Colman e da Ornella Barra, Co-Chief Executive Officer di Walgreens Boots Alliance, sponsor del Premio.

Géraldine Rey è stata premiata con il titolo “Monte-Carlo Donna dell’Anno” per il suo contributo nel sostenere le donne nel campo degli sport motoristici. Ha portato il suo aiuto in aree svantaggiate del mondo.

Isabelle Henchoz ha ricevuto il “Premio Speciale Donna dell’Anno” per aver dedicato la sua vita ad aiutare gli altri e a facilitare la pratica dello sport alle persone disabili.

Yelena Isinbaeva ha ricevuto il premio “Monte-Carlo Donna dell’Anno – Monaco” per aver messo a disposizione la sua notorietà aiutando bambini bisognosi e talenti emergenti. Ha creato una sua fondazione ed è Champion for Peace della fondazione Peace and Sport.

Tanti momenti di emozione durante la serata. Uno in particolare riguarda l’intervista a Julie Gautier, che ha registrato record di apnea in Francia, ed ha realizzato e interpretato un video dedicato al dolore. "Un dolore profondo che ho provato nella mia vita – ha spiegato Julie durante l’intervista fatta da Valentina Colman, segretario generale del Premio – ed ho voluto condividere questa mia esperienza profonda con le altre donne". AMA, è il titolo del video, visibile su Youtube, è una danza in apnea di grande delicatezza ed emozione.

L’iniziativa, create e organizzata dalla giornalista Cinzia Sgambati-Colman è nata nel 2012 e si è svolta per la settima edizione nel Principato di Monaco, nella Salle d’Or dell’Hotel Fairmont. L’evento è sponsorizzato da Walgreens Boots Alliance, prima realtà globale al mondo per la salute e il benessere con radici nella farmacia.

Al termine dell’evento, la Presidente del Premio Monte-Carlo Femme de l’Année ha annunciato il tema dell’edizione del prossimo anno: “Donne, Arte e Scienza”.
Yelena Isinbaeva-Julie Gautier-Cinzia S.Colman-SAS...
Incontro con il Sovrano di Monaco, da sinistra: Yelena Isinbaeva, Julie Gautier, Cinzia Sgambati-Colman, Isabelle Henchoz, il Sovrano, Ornella Barra, Géraldine Rey (f.©A.Bastello/PalaisPrincier)
PrixMonteCarlo Femme de l'Année premiate-comitato...
Quest'anno la Presidente del Premio ha chiesto alle autorità di consegnare i trofei e gentilmente tutti hanno accettato. L'unico ministro donna del governo del Principe, Marie-Pierre Gramaglia ha consegnato il Premio a Géraldine Rey; il Ministro di Stato Serge Telle il premio a Yelena Isinbaeva; il Presidente del Consiglio Nazionale, Stephane Valeri ha consegnato il premio a Isabelle Henchoz (ft.©WSM/MichaelAlesi)
Julie Gautier - copie.jpg
Julie Gautier, parla del suo cortometraggio AMA dedicato alle donne

Dottorato Honoris Causa per il Principe di Monaco

Dottorato Honoris Causa per il Principe di Monaco
Domenica 13 maggio, (ft.© F.Nebinger/PalaisPrincier)

Dopo aver visitato in Canada le citta di Ottawa e Halifax S.A.S. il Principe Alberto II ha ricevuto a Filadelfia, città in cui era nata sua madre, la Principessa Grace, il Dottorato Honoris Causa in "Lettere Umane" dalla Thomas Jefferson University per le sue azioni a difesa dell'ambiente attraverso la sua Fondazione e per il suo sostegno al teatro, alla danza e al cinema grazie al lavoro de la Princess Grace Foundation - USA.

Il Principe ha pronunciato un discorso davanti a circa 2 mila persone tra cui 650 nuovi laureati e ha detto tra l'altro: "I nostri comportamenti sono fondamentale per difendere al meglio il nostro pianeta". 

Accordo di collaborazione nel settore dei porti tra il Principato di Monaco e Dubai

Accordo di collaborazione nel settore dei porti tr...
Lunedì 7 maggio, Nella foto da sinistra Rado Antolovic, Mohammed Al Mannaei, Aleco keusseoglou, Fabiana Maccarini, Gian Battista Baore, Daniel Realini, (Ft.©D.R.)

La Société Monégasque Internationale Portuaire, filiale della Société d'Explotations des Ports de Monaco (SMIP), ha firmato un protocollo d'intesa con la P&O Marina di Dubai, società con capitale di Stato. L'obiettivo sarà di operare per creare strategie comuni di investimenti, sviluppo e gestione di porti turistici per super yacht. I progetti realizzati godranno di servizi di altissima qualità nel settore dell'innovazione tecnologica ambientale e sicurezza. 

L'accordo è stato siglato da Aleco keusseoglou Presidente della SMIP e da Mohammed Al Mannaei, Presidente-Direttore Generale di P&O Marina. Erano presenti il direttore Generale SMIP, Gian Battista Borea d'Olmo; Daniel Realini, Direttore Tecnico; L'amministratore Delegato di P&O Marina, Rado Antolovic e Fabiana Maccarini, Direttore Ricerca e Sviluppo di P&O Marina.

Monafrais: cibi prelibati per veri intenditori

Monafrais-Tunnel RIVA - copie.jpg
Cicolella - copie.jpg
Pesto di Prà - copie.jpg
Lunedì 30 aprile 2018, al tunnel Riva esposti tanti prodotti di qualità come l'olio e l'aceto balsamico Cicollela, il pesto di Prà, i prodotti da  forno Giuliani, la Bottega del Gelato, (ft.©WSM/Colman)

Monafrais, società di Monaco che si dedica a scegliere i migliori produttori alimentari e di vini ha organizzato un pomeriggio di degustazioni per gli addetti ai lavori: chef di yacht, hotels, organizzatori di banchetti, ecc….  I prodotti di altissima qualità italiani, francesi e spagnoli.

Formaggi, salumi, pasta, olio, aceti, condimenti, caffè, Vini, Champagne, liquori e allestimenti per organizzare matrimoni o feste in genere.

Spiega Marco Alberti, dirigente della società: “Avevamo il sogno di presentare questi eccellenti prodotti in una location esclusiva, nel Principato di Monaco e abbiamo scelto così il celeberrimo Tunnel Riva e di creare così un sogno gastronomico. È andato tutto benissimo e ci siamo riusciti. I produttori sono stati rigorosamente selezionati negli anni, non erano semplici espositori paganti, come in una qualsiasi fiera. Solo il meglio!!”.

L’Alto Commissario di Monaco a colloquio con gli avvocati di Sanremo

L’Alto Commissario di Monaco a colloquio con gli a...
Mercoledì 25 aprile 2018, gli avvocati Anne Eastvood e Maurizio Foglino, (ft.©WSM/Colman)

Invitata dal Presidente dell’Associazione Nazionale Forense (ANF) di San Remo, avvocato Maurizio Fogliono, l’Alto Commissario alla tutela dei Diritti, delle Libertà e alla Mediazioni, avvocatessa Anne Eastwood, ha presentato ad un ampio pubblico di avvocati e professionisti che si occupano di diritti, l’Istituzione dell’Alto commissariato di Monaco, Istituzione ancora non presente in Italia a livello nazionale.

Il colloquio, organizzato sotto il Patrocinio del Comune di Sanremo, rientra in un ciclo di incontri finalizzati alla commemorazione dei 70 anni dalla creazione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo del 1948. L’avvocatessa Eastvood ha fornito una panoramica delle realtà e del lavoro dell'Ufficio sin dalla sua creazione nel 2014 e ha illustrato, attraverso l'esempio del Difensore civico monegasco, i progressi compiuti da questa nuovo organo dello Stato di diritto nel Principato, inteso ad includere azioni amministrative in una dinamica volontaria di conciliazione e dialogo con le autorità amministrative.

Molte le domande, gli avvocati di San Remo hanno mostrato grande interesse a questa istituzione monegasca, simbolo dei continui progressi compiuti dal Principato di Monaco nel settore dei diritti umani e il suo impegno a promuovere una governance moderna che rispetti i diritti dei cittadini Gli scambi hanno anche evidenziato l'interesse dei servizi offerti da questa istituzione per la popolazione locale, dati gli stretti legami economici tra il Principato e la provincia di Imperia, da cui partono ogni giorno migliaia di lavoratori frontalieri.

Fiocco azzurro in casa Casiraghi

Fiocco azzurro in casa Casiraghi
Martedì 24 aprile 2018, Andrea e Tatiana Casiraghi con i figli Sacha e India, (ft.©Palais Princier)

È arrivata direttamente con un comunicato da Palazzo la notizia della nascita di Maximilian Rainier Casiraghi. Figlio di Andrea e Tatiana Casiraghi. Nel comunicato si dice: "S.A.R. la Principessa di Hannover e la signora Vera Santo Domingo annunciano con gioia la nascita del loro nipote Maximilian, Rainier, nato il 19 aprile 2018".

Si tratta del terzo bambino per Andrea Casiraghi, figlio maggiore della Principessa e Tatiana Santo domingo, dopo Sacha che ha 5 anni e India di 3.


Nuovi dispositivi d’informazione tra l’autostrada A8 e Monaco

Nuovi dispositivi d’informazione tra l’autostrada ...
Venerdì 13 aprile 2018, (ft.©Direc. Com)

Ogni giorno 20 000 veicoli prendono l’autostrada A500 - congiunzione tra Monaco e l’autostrada A8 – si tratta soprattutto di pendolari francesi. Per permettere agli automobilisti di essere bene informati, la Direzione di Pianificazione urbana ,VINCI autostrade e la Métropole Nice Cote d’Azur hanno sviluppato un dispositivo per informare i conducenti in tempo reale che mostra il tempo di percorrenza sull’autostrada A500, la RM 6007 e all’interno di Monaco.

I tempi di percorrenza compariranno su pannelli luminosi d’informazione. L’utilizzatore potrà stimare la sua ora d’arrivo nei due sensi di marcia.

Dispositivi per informare i conducenti in tempo reale 
o Radio VINCI Autostrada (107.7)
o 38 panelli d’informazione sull’A8
o Le 3605, servizio client i24h/24 et 7J/7
o L’applicazione gratuita “VINCI Autoroutes” per smartphone o sito Internet www.vinci-autoroutes.com (trafic et prévisions de circulation)
o I conti Twitter @VINCIAutoroutes : @A46Trafic ; @A8Trafic ; @A10Trafic ; @duplexa86 ; @A63Trafic ; @TunnelToulon

Sopra elevazione Jardins d’Apolline e nuova torre Testimonio 3.

Photomontage Jardins d'Apolline - copie.jpg
Telle-Cstellini-Croesi-WSM.jpg
(Ft.©WSM/Colman) da sinistra Albert Croesi, Serge Telle, Jean Castellini
Giovedì 12 aprile 2018Fotomontaggio Jardin d'Apolline

Il Ministro di Stato, Serge Telle, accompagnato dal Ministro delle finanze ed economia, responsabile delle assegnazioni demaniali, Jean Castellini e da Albert Croesi, responsabile della sistemazione degli inquilini del Jardins d’Apolline, ha incontrato la stampa per confermare alcune informazioni ed annunciare una novità.

“S.A.S. il Principe Albert II ha chiesto espressamente – ha detto Telle - di fare una priorità la ricerca di alloggi demaniali per soddisfare il bisogno. Stiamo pertanto cercando nuove soluzioni. Tra queste, dopo gli studi tecnici obbligatori possiamo confermare che sopraeleveremo due gli immobili del condominio Jardins d’Apollline per trasformare così un sinistro in una opportunità”.

Con le sopraelevazione saranno realizzati 45 appartamenti supplementari restando nei tempi della ristrutturazione già prevista. “Le procedure giudiziarie proseguiranno il loro corso”, ha aggiunto il Ministro di Stato. Il prossimo 8 maggio il governo incontrerà il Consiglio Nazionale per una commissione plenaria di studio durante la quale saranno vagliate diverse idee per costruire altri appartamenti demaniali. Una novità annunciata riguarda il cantiere di Testimonio 2 in fase di costruzione, dove oltre ad una torre con appartamenti demaniali, una parte più bassa con appartamenti per i residenti sarà costruita una nuova torre, già denominata Testimonio 3 che dovrebbe essere realizzata nello stesso periodo del resto del complesso e che comprenderà tra i 150 e i 200 appartamenti. “Per il periodo 2018-2021 – spiega il Ministro Jean Castellini - arriveremo ad una produzione di 451 appartamenti nuovi, 181 riconsegnati e ristrutturati per essere assegnati, per un totale di 632 abitazioni. – Aggiunge Castellini – molto importante è la mobilita degli inquilini. Non obblighiamo nessuno a cambiare casa ma a volte alcune persone si ritrovano in casa troppo grandi per loro con i figli cresciuti e preferiscono appartamenti più piccoli. A volte ci sono anche scambi di alloggi tra inquilini perché corrispondono meglio alle esigenze delle due famiglie. L’impatto economico per noi è minimo”.

Albert Croesi si è detto fiero di essere riuscito a rialloggiare tutti gli abitanti del Jardins d’Apolline per il periodo dei lavori. Per questo il governo paga l’affitto nel settore privato per 210 famiglia su 230 mentre gli altri hanno scelto di vivere in seconde case.

Il Ministro di Stato ha concluso dicendo che è iniziata una riflessione per capire in che modo rispondere all’aumento demografico della popolazione monegasche nel prossimi 20/30 anni: “Il modello attuale non sarà più possibile per le finanze monegasche ed anche per l’esiguo territorio del Paese. Siamo tutti coscienti di questa realtà”.

GIRO DI VITE PER I BOLIDI A MONACO

GIRO DI VITE PER I BOLIDI A MONACO
Mercoledì 4 aprile 2018, (ft.©D.R.)

Dopo un lungo periodo motivato di lamentele degli abitanti del Principato durante alcune manifestazioni quali Top Marques o anche il GP di Monaco il governo ha finalmente annunciato un giro di vite in materia di sicurezza stradale e di qualità della vita.

Durante questi eventi sono attirate numerose persone che, proprietarie di auto potenti o appassionati che le affittano, vengono a scorrazzare per le strade del Principato. Tutto questo ha portato queste persone ad abusi, al non rispetto degli orari causando rumori e provocando anche incidenti che fortunatamente non hanno portato danni alle persone fino ad oggi.

L’annuncio del governo avviene tramite un comunicato ufficiale, in cui si annuncia che con un’Ordinanza Sovrana è stata cambiata una norma del Codice Stradale sul territorio che rinforzerà la lotta determinata contro l’inciviltà stradale. Dato che gli stessi organizzatori non hanno controllo sul loro pubblico che ha comportamenti inappropriati come lo scorso anno durante il Salone Top Marques.

La Polizia di Monaco potrà d’ora in poi procedere al sequestro immediato per 24 ore di un veicolo in infrazione ed estendere il sequestro fino a 48 durante appunto il Top Marques, Grand Prix... Per preservare la sicurezza e il benessere di tutti i residenti, che sono anche i principi fondamentali della qualità di vita di Monaco

La transizione digitale al centro dello sviluppo del Principato

La transizione digitale al centro dello sviluppo d...
Mercoledì 28 marzo 2018,  (ft.© Direct.Com/Manuel Vitali)

Il Ministro di Stato Serge Telle ha ricevuto la stampa insieme a Frédéric Genta, delegato interministeriale per la transizione digitale del Principato per presentare i prossimi impegni. il Ministro ha insistito sull'importanza dell'evoluzione digitale e tecnologica in quanto per Monaco è necessario uno sviluppo strategico di trasformazione economica attraverso appunto il digitale. A guidare Monaco nella rivoluzione digitale, sarà appunto Frédéric Genta scelto dallo steso Sovrano ed i temi principali saranno:  smart-city, sicurezza, diritto, digitale, innovazione, blockchain, sanità, educazione e comunicazione digitali. 

Torna l'ora legale

Torna l'ora legale
Sabato 24 marzo 2018, 

La notte tra sabato 24 e domenica 25 marzo cambierà l’ora Passeremo dall’ora solare all’ora legale. Alle due di notte diventeranno le tre e alla sera avremo più luce.

L’ora legale in Italia fu introdotta per la prima volta nel 1916, per risparmiare sull’energia fu però poi fu abolita e ripristinata in modo alterno e definitivamente adottata nel 1965.

Durante gli anni ’80 l’ora fu portata da 4 a 6 mesi e nel 1996 con un accordo europeo è stata prolungata di un altro mese, si torna all’ora solare all’ultima domenica di ottobre.

L’ora legale oltre nei paesi membri dell’Unione Europea è applicata anche in Svizzera e Norvegia.
La Russia invece dal 2014 ha abolito l’ora legale. Negli Stati Uniti l’ora legale è in vigore dal 12 marzo.

RINNOVO DELLO STADIO LOUIS II

Stadio Louis II Monaco.png
Le 18 tribune VIP dello stadio di calcio Louis II 
Stade Louis II Monaco.png
(©Photomontage réalisé par M. F. GENIN, Architecte-ARCH Monaco)
Giovedì 22 marzo 2018, (ft.©Mairie MC)

L’assemblea municipale ha anche votato la domanda di autorizzazione per modificare le disposizioni interne ed esterne dello Stadio Louis II. Il progetto consiste nel creare da una parte le logge VIP in cima alle tribune “Premières” nella facciata sud-est e dall’altra delle passerelle e ascensori di accesso alle suddette logge VIP che sarebbero affittate all’anno da società e/o privati per aumentare così la qualità e l’accoglienza offerta dallo Stadio Louis II.

Sopra alle tribune Premières, lato mare, tra la E e la F saranno soppressi 921 posti per creare 18 tribune VIP di 16,8 mq., ogni loggia sarà dotata di balcone con poltrone.

Le modifiche esterne porteranno alla creazione di due ascensori, due passerelle di accesso agli ascensori e una passerella pedonale sulla facciata posteriore.

ANSE DU PORTIER, IL PROGETTO PIÙ NEL DETTAGLIO

ANSE DU PORTIER, IL PROGETTO PIÙ NEL DETTAGLIO
Giovedí 22 marzo 2018, (Ft.©Principauté de Monaco/SAM L’Anse du Portier)

Nella sessione pubblica del Consiglio Comunale del 21 marzo è stata sottoposta al consiglio la domanda di autorizzazione edilizia per costruire le strutture e la sovrastruttura del nuovo quartiere estensione in mare dell’Ansa du Portier. Sono in corso dal 2017 i lavori dell’infrastruttura marittima, per preparare la cintura e la base dove sarà costruito l’eco-quartiere lussuosissimo e super certificato che offrirà anche molti spazi pubblici.

Nel corso della seduta comunale sono stati diffusi nuovi dettagli sugli immobili che vi illustriamo di seguito.
Il quartiere sarà suddiviso in 4 zone ben definite. 1) La zona del porto che comprenderà un piccolo porto, dei locali commerciali, una zona logistica, un grande immobile firmato Renzo Piano formato da due blocchi (56 appartamenti nel primo e 19 nell’altro) che vanno dai monolocali legati agli appartamenti residenziali che potranno avere dalle 3 alle 12 camere, suddivisi anche in duplex o triplex fino ad appartamenti su 4 piani e 2 appartamenti per i portinai. 
 Due sale fitness ed una piscina privata situata davanti all’entrata del porto.
2) La zona TownHouses che comprende 4 magnifiche ville con vasti appartamenti su diversi piani. Previsto uno spazio commerciale al piano terra. Anche qui vi saranno infrastrutture, piscina ed un giardino sulla zona collinare; la zona sarà accessibile dal sottopasso della rotatoria del Portier o dalla strada principale.
3) Le Ville della Collina, saranno tre costruite a lato della collina, con una piscina in giardino ed una piscina interna composte da 3 o 4 camere
4) Le Ville lungo il mare, saranno tre costruite a lato della collina, con una piscina in giardino ed una piscina interna composte da 3 o 4 camere. L'altezza variabile di questi edifici consentirà di creare una transizione tra il grande e doppio edificio del porto e il quartiere delle ville. L’estensione del Grimaldi Forum che avrà a disposizione un locale 4346 mq, su due livelli sotto la collina. Il flusso del traffico al quartiere sarà limitato dal suo accesso attraverso la rotatoria del Portier. Il Grimaldi forum sarà dotato di un nuovo parcheggio con 172 posti supplementari di cui 35 per mezzi elettrici.
Gli spazi pubblici saranno: La Place Haute, Cuore del quartiere, è accessibile dalla rotatoria del Portier e dal boulevard Louis II con pini e due specchi d’acqua. Le banchine del porto esterno, Porto e Piazetta: i pontili saranno delimitati dalle facciate dei locali commerciali, nonché dai locali assegnati alla Capitaneria di Porto. Un ascensore collegherà questo livello delle banchine al boulevard Louis II e, attraverso una passerella sopra al viale, che uscirà davanti al Fairmont Hotel. I moli che si estenderanno sotto il Fairmont Hotel potrebbero essere l'inizio di una futura passeggiata a mare per collegare quest'area con il Porto Hercules. Ci sarà la passeggiata a mare lungo tutta l’estensione che porterà al Larvotto. Per entrare nel parco interno del quartiere, si dovrà passare attraverso il giardino giapponese, si penetrerà così in un parco mediterraneo ed un belvedere per ammirare il paesaggio; il 55% del quartiere è occupato da superficie verde.

A fine seduta il permesso comunale è stato approvato all'unanimità con alcuni consigli. L'assessore alla cultura Françoise Gamendiger ha auspicato un percorso di sculture di grandi artisti nel futuro parco; l'assessore all'infanzia Chloé Boscagli Leclerq, la creazione di un parco per i bambini; infine l'assessore Claude Bollati ha dichiarato di ammirare il progetto che riporta lungo il mare quell'antica armonia degli immobili come quando, al posto dei grandi  palazzoni di avenue Princesse Grace vi erano le ville di inglesi e russi e degli immobili normali.

Il Consiglio Comunale ha anche votato le modifiche regolamentari relative alla 10ª evoluzione decisa dal governo per procedere alla ristrutturazione globale del complesso balneare del Larvotto. Il consiglio ha approvato con un commento unanime: occorre al più presto ristrutturare la spiaggia di Monaco, ormai non più consona al contesto in cui si trova.
EXTENSION EN MER 1 Crédits Principauté de Monaco...
EXTENSION EN MER 3 Crédits Principauté de Monaco...

3 donne nominate al Gabinetto del Consiglio Nazionale

3 donne nominate al Gabinetto del Consiglio Nazion...

Sabato 17 marzo 2018, da sinistra Maryse Battaglia-Virginie Cotta-Isabelle Contenseau-Realini(ft.@Cons. Nat.)
 
II Presidente del Consiglio Nazionale Stephane Valeri ha riorganizzato l’organigramma dell’Assemblea e fatto nuove nomine. Si tratta in effetti di tre donne molto compenti ognuna nel proprio settore.

Pertanto il Gabinetto della presidenza del consiglio è così costituito: Capo del Gabinetto Virginie Cotta (dottore in legge, dal 2012 è stata Direttore Generale del Diaprtimento degli affari Sociali e della Salute); Maryse Battaglia con Delega agli Affari Sociali (in precedenza è stata consigliere tecnico al Dipartimento degli Affari Sociali e della Salute incaricata della commissione per l’inserimento dei giovani laureati); Isabelle Contenseau-Realini, Capo della Segreteria del Presidente, (dal 2003 al 2010 è stata assistente di Valeri al Conseil National e poi durante il periodo in cui Valeri è stato Ministro della Salute e Affari Sociali ma lo ha seguito anche durante il periodo di campagna elettorale).

Il Principe Albert II festeggia 60 anni

Albert II - copie.jpg
Incoronazione principe Alberto di Monaco.jpg
Mercoledì 14 marzo 2018, (ft.@Gaetan Luci/Palais Princier)
 
Dopo i 40 anni di SAS la Principessa Charlene lo scorso 25 gennaio, oggi è la volta del nostro Sovrano a festeggiare il compleanno. 14 marzo, 60 anni, che sicuramente saranno festeggiati in famiglia con la Principessa Charlene ed i loro figli, il Principe Ereditario Jacques e la Principessa Gabriella.

In serata per festeggiare il compleanno, spettacolo tecnologico-innovativo, multisensoriale, presso la Cattedrale, intitolato “Elementi: la protezione della Creazione” con la partecipazione dell’Orchestra filarmonica di Monte-Carlo e il Coro dell’Opera.

Pare comunque che ci saranno altre sorprese durante l’anno. Il Principe, salito al trono nel 2005, ha deciso di battersi in prima linea per proteggere il nostro Pianeta e in poco tempo con il suo impegno e quello della sua Fondazione (FPA2), è stato soprannominato Principe Ambientalista. Il Sovrano in questi anni di regno ha anche deciso di portare progressivamente il Principato, verso l’obiettivo “2050 Neutralità Carbonio”.

Un Sovrano infaticabile, che è disponibile a presenziare i tanti eventi organizzati nel Principato, con scopi umanitari, artistici, sportivi ecc. Una personalità davvero eccezionale, dotato di grande empatia, sempre disponibile verso la sua popolazione. Auguri Principe Alberto II.
Albert II6-0 ans.jpg
Lo scultore del ghiaccio "Mario" ha voluto portare sulla piazza di Palazzo, un dono al Sovrano. Un Buon Compleanno "ghiacciato", accompagnato dalle note di una cantante..... ed i turisti italiani presenti sono accorsi sulla piazza per fare gli auguri al Principe, che prontamente ha ringraziato tutti. (ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)
60 anni di Alberto di Monaco-Cattedrale.jpg
lo spettacolo in Cattedrale voluto dall'Arcivescovo di Monaco Monsignor Barsi, un omaggio a S.A.S. il Principe Alberto II che ha compiuto 60 anni. Allo spettacolo era presente tutta la famiglia Grimaldi.

Riunione di lavoro tra Monaco Telecom e Huawei

Riunione di lavoro tra Monaco Telecom e Huawei
Martedì 13 marzo 2018, (ft.@Manuel Vitali/Direc. Com.)
 
Una delegazione di Huawei, guidata dall’amministratore delegato Europa, Vincent Pang è a Monaco per lavorare con Monaco Telecom con cui esiste già un accordo di collaborazione dal 2013, per parlare dello sviluppo della Smart City.

Grazie a questa collaborazione con Huawei, fornitore di soluzioni tecnologiche per operatori e consumatori, Monaco Telecom ha sviluppato la rete 4G che ha permesso di aprire a Monaco ad aprile 2017 la prima rete commerciale mobile al mondo che offre fino a 1 Gigabit/s.

Gli sviluppi eseguiti per migliorare la copertura nel Principato hanno permesso di piazzare, in gennaio 2018, Monaco Telecom in testa della classifica dei 290 operatori mondiali 4GMARK (strumento di misura ultra preciso che propone un benchmark completo sulla qualità di servizio di connessione su smartphones).

Giornata Internazionale della Donna... a Grasse

Giornata Internazionale della Donna... a Grasse
Venerdì 9 marzo 2018, da sinistra Cinzia Sgambati-Colman, Adèle Malerba, Alexia Krisanaz, il sindaco Jérôme Viaud, Imen Cherif, Monique Brault, Françoise Bernardi, (ft.©WSM/Colman)
 
L’8 marzo si è celebrata la Giornata Internazionale della Donna. Il sindaco del Comune di Grasse, Jérôme Viaud, sollecitato dalla giovane consigliera comunale Imen Cherif, che nel 2016 ha ricevuto dal Prix Monte-Carlo Femme de l’Année il riconoscimento speciale per l’innovazione tecnologica, ha invitato alcune rappresentanti di diversi settori.

Al Palais des Congrès, con la sala al gran completo, il sindaco ha accolto il pubblico per una tavola rotonda animata da donne del territorio: Monique Brault, psicologa-scrittrice, che ha presentato il suo libro dove ha raccolto le risposte a domande, sempre le stesse, poste a varie donne; Françoise Bernardi presidente delle Soroptimist di Grasse, club service che opera quotidianamente per migliorare la situazione delle donne; Alexia Krisanaz, direttrice del Centro Sociale Harjes, che tenta di correre in aiuto a tutte le persone che sono in gravi difficoltà; Adèle Malerba, direttrice dell’associazione D’Une Rive à l’Autre, che opera sul terreno attraverso attività ludiche e di iniziative per l’integrazione.

Ospite d’eccezione, Cinzia Sgambati Colman, in veste di Presidente del Prix Monte-Carlo Femme de l’Année, che ha raccontato come è nata questa iniziativa che mira a ricompensare donne che quotidianamente sono impegnate a fare cose eccezionali per dare loro una risonanza internazionale.

Giornata Internazionale della Donna... a Monaco

Giornata Internazionale della Donna... a Monaco
Venerdì 9 marzo 2018, (ft©C.N.)

A Monaco la Giornta Internzionale della Donna è stata celebrata al governo, presso il Ministero di Stato, dove al mattino il Ministro di Stato ha riunito, insiee al Ministro degli Affari Sociali, Gamerdinger, le donne che lavorano nell'amministrazion da più di 20 anni. Al Conseil National, il Presidente Stéphane Valeri e la Presidente della commissione per i diritti delle donne e della famiglia, Nathalie Amoratti-Blanc, hanno riunito un centinaio di donne di diversi settori per parlare del loro programma proprio per migliorare la condizione femminile. Nathalie Amoatti-Blanc ha dichiarato: "Nella Città di domani, non dovranno più esserci due pesi e due misure. Contiamo sullo sviluppo digitale e tecnologico e sul nuovo sviluppo economico per eliminare le ineguaglianze... Faremo votare una legge contro le molestie nel mondo del lavoro... la gioventù dovrà ricevere tutta la nostra attenzione in questo mondo che cambia.... Nella Città di domani le violenze domestiche dovranno non esister più - ha poi aggiunto - Abbiamo la fortuna di  avere un Presidente del Conseil National per cui la causa femminile non è nuova. Fu lui infatti nel 1992 ad occuparsee pre primo e a istituire questa Commissione nel 2003. È un uomo impegnato da sempre nella causa delle donne ed è stato il primo a proporre e far votare la prima vice-presidente donna del Conseil National, Brigitte Boccone-Pagès".

Il Presidente del parlamento, Stéphane Valeri nel suo discorso ha detto tra l'altro: "Aspettiamo dal governo entro il mese di aprile il progetto di legge che riconosce le unioni di fatto, affinché la legge si metta al passo con i tempi che cambiano".

Il Principe riceve la Medaglia europea della Tolleranza e Riconciliazione

Il Principe riceve la Medaglia europea della Tolle...
Giovedì 8 marzo 2018, (ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)
 
L’ufficio stampa di Palazzo comunica che S.A.S. il Principe Alberto II ha ricevuto la Medaglia Europea della Tolleranza e la Riconciliazione (European Council on Tolerance and Reconciliation-ECTR) dalle mani dell’ex Primo Ministro britannico Tony Blair direttore dell'ECTR e dal Dr Moshe Kantor, Preesidente dell’ECTR. 
L'evento si è svolto durante una tavola rotonda che si é tenuta nella Salle Bellevue del Cafè de Paris.
In particolare è stato riconosciuto l'impegno del Sovrano che ha guidato il "dovere della memoria" il 27 agosto 2015, al cimitero di Monaco, con l'inaugurazione di uno stelo commemorativo in memoria degli ebrei del Principato deportati durante la Seconda guerra mondiale.

Il Principe ha pronunciato il discorso di apertura della tavola rotonda sul tema: contro l'estremismo e l'intolleranza di una società diverisificata. 
Una cinqunatina i partipanti di 22 Paesi e tra questi anche l'ex ministro affari esteri italiano Franco Frattini. Insieme hanno discusso di radicalizzazione politica e dell'integrazione deigli emigrati

S.O.S. Amministrazione Pubblica

S.O.S. Amministrazione Pubblica
Martedì 6 marzo 2018, (ft.©Mairie MC)
 
Il Comune di Monaco lancia un aiuto concreto ai residenti stranieri ma anche agli anziani che non riescono a districarsi dalle pratiche burocratiche, soprattutto quando non si parla bene una lingua. SOS Amministrazione mette a disposizione degli utenti una persona che potrà riempire formulari e moduli, aiutare nella comprensione dei documenti, contratti, fatture.

Il servizio sociale sarà a disposizione del pubblico il martedì tra le ore 9 e le 12 presso il Service d’Actions Sociales del Comune senza bisogno di appuntamento. Il servizio sarà completamente gratuito.

Informazioni: Tel. 93 15 28 83 o unitesociale@mairie.mc

Scompare René Novella

Scompare René Novella
Domenica 4 marzo 2018, (ft.©D.R.)

È scomparso all'età di 96 anni nella notte tra venerdì e sabato René Novella, figura di spicco del Principato di Monaco. Era un uomo importante non solo per le cariche istituzionali, Ambasciatore di Monaco in Italia, Segretario di Stato fino al 2005 e consigliere privato del Principe ma perché uomo di grande cultura, umanista e dotato di grande umanità.

Novella amava l'Italia e l'italiano, fu professore della lingua di Dante nelle scuole monegasche, divenne Direttore dell'Educazione Nazionale e dello Sport (Provveditorato agli studi) e scrisse diversi libri che hanno raccontato il principato e la sua essenza. Tra questi uno diffuso anche in Italia "La Principauté de Monaco".

Lo abbiamo incontrato personalmente giovedì sera, dove nonostante la chiara sofferenza, era stato portato in sedia a rotelle al teatro Princesse Grace per assistere alla proiezione del documentario "Monaco et la Guerre", lui che fu uno dei testimoni di quel periodo storico. È presente sulla foto di famiglia, in basso a sinistra sulla sedia a rotelle nella penombra.

"Monaco e la Guerra": documentario storico

"Monaco e la Guerra": documentario storico
Domenica 4 marzo 2018, In basso a sinistra nella foto René Novella sulla sedia a rotelle, (ft.©Manuel Vitali/Direct. Communication)
 
Al teatro Princesse Grace è stato presentato il documentario storico: "Monaco e la Guerra", alla presenza di S.A.S. il Principe Albert II. Il documentario, che ritraccia la situazione del Principato durante la II Guerra Mondiale, tra il 1939 e il 1945, è stato realizzato dal giornalista-scrittore Frédéric Laurent, nato a Monaco e fondatore di Liberation, a cui sono occorsi oltre 4 anni per mettere insieme tutti i vari filmati e foto dell’epoca, messi a disposizioni dagli archivi di Palazzo e raccogliere i racconti dei testimoni.

Nella storia si scopre che fino a quando i soldati italiani di Mussolini avevano messo piede a Monaco, nulla di cattivo era accaduto se non il fatto di insistere che Monaco e Nizza sarebbero state annesse all’Italia. Diverso il periodo al cambio della guardia, ossia con l’entrata dei nazisti nel Principato. La calma è sempre continuata, con la clientela ricca al Casinò e all’hotel de Paris, perché il Principato era neutro ma i tedeschi iniziarono la caccia agli ebrei, che furono però ben protetti dai monegaschi, soprattutto iniziarono i traffici illeciti da parte dei tedeschi con la creazione di società fittizie per poter far sparire denari ed opere d’arte rubati e trafugati. In tutta la situazione giocò un ruolo accondiscendente e molto opaco il Ministro di Stato dell’epoca, il francese Emile Roblot.

Bellissimo invece il ricordo del Principe Ereditario Ranieri e della sorella la Principessa Antoinette, giovanissimi, che furono molto vicini alla popolazione e l’arruolamento del Principe Ranieri nell’esercito francese.

Al temine della proiezione di questo importante documento storico, i testimoni che hanno parlato nel documentario sono stati invitati a salire sul palcoscenico del Teatro insieme al Sovrano di Monaco, un momento emozionate per una foto di famiglia. Il film è una co-produzione della Direzione della Comunicazione del Governo del Principe, della Società per la Gestione dei Diritti d’Autore (SOGEDA) e dell'Amministrazione dei Beni del Sovrano.
Frédéric Laurent.JPG
Il giornalista-regista Frédéric Laurent (ft. WSM/Colman)
Principato di MOnaco anni'40.jpg
Monaco negli anni '40

Nominati i presidenti delle Commissioni del parlamento

Nominati i presidenti delle Commissioni del parlam...
Mercoledì 28 febbraio 2018,  (ft.©Manuel Vitali/Direction Com.)
 
Dopo l'insediamento del nuovo parlamento monegasco lo scorso 22 febbraio, il Presidente Stéphane Valeri e la maggioranza hanno nominato, con accordo unanime i Presidenti delle divere Commissioni sono stati anche designati i rappresentanti dell'assemblea nei diversi gruppi di lavoro misti con il governo.
 
  • Balthazar SEYDOUX, Commissione delle Finanze ed Economia Nazionale, 

  • Christophe ROBINO, Commissione Interesi Sociali ed Affari diversi 

  • Thomas BREZZO, Commissione Legislativa 

  • José BADIA, Commissione Relazioni Estere 

  • Marc MOUROU, Commissione dell’Educazione e della Gioventù 

  • Franck LOBONO, Commissione alloggi 

  • Nathalie AMORATTI-BLANC, Commissione Diritti della Donna e del
la Famiglia
  • 
Daniel BOERI, Commissione della Cultura e del Patrimonio 

  • Fabrice NOTARI, Commissione Ambiente e Qualità della vita 

  • Guillaume ROSE, Commissione per i negoziati con l'Unione Europea

  • Franck JULIEN, Commissione per lo Sviluppo Digitale 

  • Jean-Louis GRINDA, Commissione per i Fondi di Riserva Costituzionale e la modernizzazione dei conti pubblici
Nell'occasione il presidente Stéphane Valeri nella massima apertura democratica ha aperto anche alle opoosizioni affidando la presidenza a Jean-Louis Grinda (UM) 
ed anche un posto nella commissione dei piazzamenti dei fondi. La candidata all'opposizione Beatrice Rolfo Fresko (HM) parteciperà, alla commissione di assegnazione degli alloggi demaniali per gli aventi diritto monegaschi, alla commissione mista governo parlamento-SBM, oltre alla commissione delle concessioni e alla commissione di riforme dei codici. 
E in oltre, Béatrice FRESKO-ROLFO avrà un posto di membro titolare all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa e (APCE) e sarà membro della delegazione del Consiglio Nazionale all'Unione interparlamentare (UIP). 
 


Stéphane Valeri eletto Presidente del Consiglio Nazionale

Stephane Valeri presidente consiglio Nazionale.jpg
Stephane Valeri-Serge Telle 2018.jpg
Venerdì 23 febbraio 2018, Calorosa stretta di mano tra il neo-Presidente del CN e il Ministro di Stato, (ft.©Manuel Vitali/Direc.Comm.)

Con 21 voti su 24 Stéphane Valeri è stato eletto Presidente del Consiglio Nazionale per i prossimi 5 anni. Valeri è stato salutato da un lunghissimo applauso del pubblico presente nella sala del parlamento monegasco.
Punti focali del suo discorso di apertura il suo impegno personale affinché l'Assemblea possa lavorare in grande  e stretta armonia con il governo, "Perché - ha detto Valeri - il Conseil National non è l'opposizione al governo". ed i punti principali del programmo compresa l creazione di alcune nuove commissioni, i cui presidenti saranno nominati nei prossimi giorni. È seguita l'elezione del Vice-Presidente e per la prima volta nella storia monegasca si tratta di una donna Brigitte Boccone-Pagès

La nuova assemblea del Consiglio Nazionale, eletta lo scorso 11 febbraio, ha preso così le sue funzioni ufficiali con una serata all’insegna dell’armonia. Alla presenza del Ministro di Stato Serge Telle e di tutto il governo, la seduta è stata aperta dal parlamentare più anziano del Consiglio Nazionale, Daniel Boeri della lista vincitrice Primo!.Ha fatto seguito un breve e simpatico intervento di Jean-Louis Grinda, unico eletto del suo gruppo Union Monegasque, quindi all'opposizione insieme a Bèatrice Fresko e Jacques Ritt (Horizon Monaco), che ha sicuramente disteso il clima se ci fosse rimasto qualsiasi dubbio per poter lavorare in armonia.

Si tratta del Consiglio Nazionale più giovane della storia del Principato con 13 persone che mai erano state elette e dove alcuni hanno solo 32 anni. Un rinnovamento importante che porterà nuova linfa al dinamico parlamento di Monaco

 
Brigitte BOCCONE-PAGES.png
La vice-Presidente Brigitte Boccone-Pagès
Stephane Valeri CN2018.jpg
Conseil National 23 feb 2018.jpg

Aperto il cantiere Jardins d'Apolline

Aperto il cantiere Jardins d'Apolline
Giovedì 22 febbraio 2018,  (ft.©C.Gllo/Direc.Comm.)

È stato aperto il cantiere per i lavori che saranno compiuti nel complesso demaniale Jardins D'Apolline. Ponteggi montati, tra qualche giorno arriverà anche una grande gru.
 
"La durata dei lavori dovrebbe essere di 36 mesi - spiega Albert Croesi incaricato dal Ministro di Stato di gestire la situazione - al termine tutti i residenti rientreranno nei loro appartamenti a fine 2020 ma il periodo di attesa potrebbe essere anche inferiore". 

Louis Ducruet si fidanza con Marie Chevallier

Louis Ducruet si fidanza con Marie Chevallier
Mercoledì 20 febbraio 2018,  (ft.©Palais Princier)

Era nell'aria e adesso è giunto il comunicato ufficiale da Palazzo che dice: "S.A.S. la Principessa Stéphanie da la gioia di condividere la notizia del fidanzamento di suo figlio Louis Ducruet con la signorina Marie Chevallier".

I due giovani si sono conosciuti ai tempi dell'università Skema Business School a Sophia Antipolis e non si sono mai lasciati. Louis festeggerà 26 anni il prossimo 26 novembre; si è laureato in gestione dello sport alla 
Western Carolina University ed è reclutatore internazionale presso l'ASM Football. Marie Chevallier, è nata il 28 dicembre del 1992, lavora presso l'Hotel Hermitage come coordinatrice di convention e banchetti, da circa 6 anni la ragazza è una presenza costante e discreta accanto a Louis.

Marie-Pierre Gramaglia al Conseil Economique et Social

Marie-Pierre Gramaglia al Conseil Economique et So...
Mercoledì 20 febbraio 2018,  (ft.© Charly Gallo / Direction de la Communication)

Marie-Pierre Gramaglia, Ministro delle Infrastrutture, dell’Ambiente e dell’Urbanismo ha risposto all’invito di André Garino, Presidente del Conseil Economique et Social, per presentare davanti all’assemblea il Patto Nazionale per la Transizione Energetica.
 
Dopo aver ricordato le principali attività come la creazione di un catasto solare e di un sito dedicato www.cadastresolaire.mc et www.transition-energetique.gouv.mc – ha poi parlato degli obiettivi del Patto ha spiegato come aderire alla Carta.

Il Ministro Gramaglia, che era accompagnata da Jean-Luc Nguyen, direttore della Missione per la Transizione Energetica e da Séverine Canis-Froidefond, Direttore della Prospettiva, dell’Urbanismo e della Mobilità, ha spiegato del progetto di organizzare un trasporto comune in sito proprio (TCSP) a cui è seguita una serie di domande/riposte che hanno concluso l’incontro.

Apertura di una sottoscrizione per il compleanno del Sovrano

Apertura di una sottoscrizione per il compleanno d...
Martedì 19 febbraio 2018,  (ft.©Manuel Vitali/Direc. Comm.)

Il Comune informa che una sottoscrizione è aperta fino al 31 marzo 2018, in occasione del 60° Compleanno di Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco.

Il Sovrano auspica che la somma raccolta sia riversata a una o a diverse entità che saranno da lui designate.
La sottoscrizione è aperta a tutta la popolazione del Principato di Monaco. Per praticità le modalità di versamento saranno organizzate come segue: Per i monegaschi: il Comune invierà un formulario che permetterà di versare la loro partecipazione presso il Comune.

Per i residenti: possono inviare un assegno all’ordine di "Trésorerie Générale des Finances – 60ème Anniversaire de SAS Le Prince Albert II”, indirizzato alla Trésorerie Générale des Finances, al Palais Princier ; 
 oppure con un bonifico direttamente al conto Trésorerie Générale des Finances "60ème anniversaire de SAS Le Prince Albert II" n° 30004 09170 00040602413 – 76, aperto presso la “Banque Nationale de Paris”. 


La CMB firma con MIE per l'Expo Universale di Dubai

La CMB firma con MIE per l'Expo Universale di Duba...
Venerdì 16 febbraio 2018,  da sinistra Etienne Franzi, Albert Croesi, in piedi dietro Mireille Pettiti e Gilles Tonelli, (ft.©WSM/Colman)

In presenza del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, Gilles Tonelli, di Mireille Pettiti, Presidente di Monaco Inter Export (MI) e del Consigliere del Gabinetto del Principe Richard Milanesio è stato firmato un accordo di partenariato tra la CMB (Compagnie Monegasque de Banque) rappresentata dal Presidente Etienne Franzi e l'Amministratore Delegato di MIE, Albert Croesi in vista dell'Expo 2020 Dubai, United Arab Emirates.

"Il tema dell'Epo Universale - ha spiegato Albert Croesi - sarà Connecting Minds, Creating the Future (Collegare le menti, Creare il futuro) con diversi sotto temi che ogni Nazione potrà scegliere e il Principato ha deciso per le Opportunità per mostrare Monaco a 360º". Il contratto di collaborazione con la CMB avrà una durata di 5 anni con possibilità di rinnovo.

L'Expo Universale di Dubai si svolgerà dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021 con un flusso stimato di 25 milioni di visitatori.

70 anni della Croce Rossa Monegasca

70 anni della Croce Rossa Monegasca

Mercoledì 14 febbraio 2018,  (ft.©Direzione della Communicazione)

Inaugurata da S.A.S. la Principessa Stephanie l'esposizione che ritraccia i 70 anni di attività della Croce Rossa Monegasca (CRM). presso la sala espositiva del Quai Antoine I la retrospettiva, mostra attraverso numerosissime fotografie, abiti, vido ed oggetti d'arte la storia di questa importante istituzione.

In contemporanea un francobollo con l’effige dei 4 presidenti che si sono succeduti sarà emesso da l’Office des Émissions de Timbres-Poste e sarà disponibile dal 3 marzo.

La mostra resterà aperta fino al 3 marzo e l'ingresso sarà libero e gratuito
70 CRM - S.A.S. la Princesse Stéphanie ©Direction...
(Ft.©Manuel Vitali/Direz. Communicazione)
70 CRM - 1 - ©Direction de la Communication - Manu...

Primo! vince le elezioni per il rinnovo del Conseil National con 21 seggi

Primo! vince le elezioni per il rinnovo del Consei...
Lunedì 12 febbraio 2018, Stéphane Valeri con il figlio, (ft.©WSM/Colman)

L'ex ministro Stéphane Valeri, con il suo gruppo Primo! (Priorité Monaco) ha vinto le elezioni per il rinnovo del Conseil National (parlamento) del Principato di Monaco.

Dopo 6 ore di spoglio delle schede il risultato delle urne è stato netto: 21 seggi vanno a Primo!; 2 a Horizon Monaco e 1 a Union Monegasque.

Valeri è stato il più votato con 2937 preferenze e si è subito rivolto ai monegaschi dicendo: "I Monegaschi hanno dimostrato ancora una volta il loro attaccamento al loro Paese e alle istituzioni... Voglio ringraziare calorosamente i monegaschi che ci accordano una larghissima vittoria. La loro fiducia ci dà quella leggitimità necessaria per ridare al Conseil National il suo posto nelle istituzioni..... Colgo l'occasione per ringraziare tutta la lista di Primo! Priorité Monaco che hanno fatto una bella campagna a servizio del monegaschi...... La campagna elettorale adesso è terminata mi appello a tutti i compatrioti affinché da domani la grande famiglia monegasca sia riunita dietro al nostro Principe"


Ecco chi siederà al parlamento monegasco

Ecco chi siederà al parlamento monegasco
Lunedì 12 febbraio 2018, (ft.©C.N.)

Ecco qui di seguito i nomi dei 24 deputati che siederanno al Conseil National eletto ieri dai monegaschi.
Larga maggioranza con 21 eletti per la lista Primo!: Stéphane Valeri,Karen Aliprendi de Carvalho, Nathalie Amoratti Blanc, José Badia, Pierre Bardy, Corinne Bertani, Brigitte Boccone Pagès, Daniel Boéri, Thomas Brezzo, Michèle Dittlot, Jean-Charles Emmerich, Marie-Noëlle Gibelli, Marine Grisoul, Franck Julien, Franck Lobono, Marc Mourou, Fabrice Notari, Christophe Robino, Guillaume Rose, Balthazar Seydoux Fornier de Clausonne et Pierre van Klaveren.

All'opposizione: Béatrice Fresko-Rolfo, Jacques Rit (Horizon Monaco) e Jean-Louis Grinda (Union monégasque)

Elezioni Consiglio Nazionale: in testa Primo Monaco!

Elezioni Consiglio Nazionale: in testa Primo Monac...
Lunedì 12 febbraio 2018, i seggi nella sala Leo Ferré, (ft.©WSM/Colman)

Secondo le prime stime la lista Primo Monaco! guidata da Stephane Valeri sarebbe in testa in modo netto. Lo spoglio delle schede è in corso. Alle elezioni per il rinnovo del Consiglio Nazionale ha votato il 70,40% degli aventi diritto ossia 5.097 elettori sui 7.245. 

Durante le operazioni di voto tutti capo lista ed i candidati erano presenti in un clima di grande armonia.
Beatrice Fresko-Rolfo, capolista di Horizon Monaco ha dichiarato: "Si tratta di un grande momento democratico e mi fa molto piacere vedere un'importante affluenza di compatrioti che vengono a votare".

Jean-Louis Grinda del gruppo Union Monegasque ha detto: "Siamo tutti presenti e questo indica l'umore positivo che c'è. Domani mattina quando i risultato sarà ufficiale saremo tutti al lavoro come ogni giorno. Sono felice della nostra campagna, è stata lunga ma in progressione".

Stéphane Valeri capolista di Primo! ha spiegato: "Siamo felici di vivere questo importante momento di democrazia. Siamo molto sereni". 



Beatrice Fresko-Rolfo-WSM.jpeg
Beatrice Fresko-Rolfo per Horizon Monaco
Jean-Louis Grinda-WSM.jpeg
Jean-Louis Grinda per Union Monegasque

Chi sarà il prossimo Presidente del Conseil National?

Chi sarà il prossimo Presidente del Conseil Nation...
Domenica 11 febbraio 2018, (da sinistra jean-LouisGrinda, Beatrice Fresko e Stéphane Valeri, (ft.©WSM/Colman)

Una domenica importante per il Principato. I monegaschi sono chiamati alle urne per decidere chi guiderà e da chi sarà formato il prossimo Conseil National, ossia il Parlamento. Tre i candidati alla presidenza con le loro liste: Beatrice Fresko (Horizon Monaco), Jean-Louis Grinda, (Union Monégasque), Stephane Valeri (Primo).

Al di là delle polemiche che hanno caratterizzato questa campagna, piuttosto dura tra i tre sfidanti, tutti con l'obiettivo di fare del loro meglio per il Paese, il parlamento monegaco ha poteri molto limitati, essendo una Monarchia costituzionale. Un solo uomo al potere: S.A.S. il Principe Albert II. 

Il Conseil National, propone leggi, dà il proprio parere ed approva leggi e bilancio dello Stato e soprattutto difende gli interessi dei monegaschi: case e posti di lavoro.

ELEZIONI POLITICHE IN ITALIA E VOTO ALL'ESTERO

ELEZIONI POLITICHE IN ITALIA E VOTO ALL'ESTERO
Venerdì 9 febbraio 2018, (ft.©D.R.)

Trasmettiamo un comunicato ufficiale dell'Ambasciata d'Italia a Monaco sulle prossime votazioni.

"Si avvicina la data delle elezioni politiche in Italia, come noto fissate per il 4 marzo p.v. Ricordiamo che il voto è un diritto tutelato dalla Costituzione italiana. Esso è personale, libero e segreto. In base alla Lagge 459/2001, si può votare all’estero per corrispondenza per eleggere candidati che si presentano nella Circoscrizione Estero.

Si ricorda che possono votare i connazionali residenti all’estero e gli iscritti all’AIRE che non abbiano esercitato il diritto d’opzione per il voto in Italia entro l’8 gennaio u.s., nonché gli elettori temporaneamente all’estero per almeno tre mesi per ragioni di lavoro, per studio e cure mediche, che abbiano presentato l’opzione per il voto all’estero direttamente al loro Comune entro il 31 gennaio 2018.

Si rammenta altresì l’onere che spetta ai cittadini residenti all’estero di tenere costantemente aggiornato l’Ufficio consolare e/o la rispettiva Ambasciata d’Italia circa il proprio indirizzo di residenza.

A ciascun elettore residente nel Principato di Monaco l’Ambasciata invierà, entro il 14 febbraio, un plico contente: un foglio informativo, il certificato elettorale, una o due liste dei candidati, una o due schede elettorali (di colore azzurro per il Senato e Grigio per la Camera ), una busta bianca all’interno della quale inserire le schede elettorali una volta compilate ed infine una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ambasciata d’Italia nel Principato di Monaco.

Ogni cittadino-elettore è tenuto a custodire tutto il materiale elettorale ricevuto (art.18 Legge 459/2001). L’elettore, utilizzando la busta già affrancata e seguendo attentamente le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovrà spedire all’Ambasciata, SENZA RITARDO, le schede elettorali, che saranno accettate entro e non oltre il 1° marzo alle ore 16.00 . Buon voto a tutti!
".

OLENA PRYKHODKO presidente 2018 della JCEM

OLENA PRYKHODKO presidente 2018 della JCEM
Mercoledì 7 febbraio 2018, , (ft.@JCEM)

La Jeune Chambre Economique di Monaco (JCEM) ha la sua nuova presidente. Si tratta di Olena Prykhodko nata in Ucraina dove ha realizzato alcuni progetti con le Nazioni Unite per procurare alla gioventù del suo Paese dei servizi educativi di qualità. Ha rappresentato la sua nazione a conferenze internazionali.

Olena Prykhodko si è trasferta in Francia all’età di 16 anni, laureata all’Università di Nice-Sophia Antipolis, con un master 2 in diritto d’affari, ha iniziato a lavorare a Monaco in un multi-family office. Nel 2015 ha fondato la sua società, con cui propone programmi su misura per le famiglie che vivono nel Principato con l’obiettivo di preparare i giovani al mondo in continua evoluzione.

Nel 2014 entra nella JCEM e ricopre diversi incarichi all’interno dell’associazione occupandosi della Start-Up-Weekend al programma di formazione nel 2017. Olena Prykhodko è la più giovane presidente della JCEM.

ONU: sport catalizzatore d'inclusione sociale

ONU: sport catalizzatore d'inclusione sociale
Lunedì 5 febbraio 2018,   (ft.@D.R.)

In occasione della 56ª Commissione di sviluppo sociale, S.E. Isabelle Picco, Ambasciatrice, Rappresentante permanente di Monaco presso l’ONU, ha partecipato, ad una riunione organizzata dalla divisione delle politiche sociali e dello sviluppo delle Nazioni Unite che riunisce diplomatici, rappresentanti del settore privato, ONG ed universitari, membri della commissione del settore pubblico e dello sviluppo sociale par le sport del Comitato Internazionale Olimpico (CIO).

L’ambasciatrice Picco ha ricordato l’impegno crescente del CIO presso le Nazioni Unite per il progresso sociale. Ha poi presentato l’Olympic Refuge Foundation che mira a creare delle installazioni sportive di base, sicure ed accessibili ed a proporre delle attività per le persone meno fortunate del mondo.

Isabelle Picco ha anche ricordato la campagna “A ton tour de briller” che promuove i valori olimpici per eccellenza di amicizia e rispetto. Valori che sono nel DNA del Principato, adottati dall’Associazione Peace and Sport che attraverso lo sport diffonde il valore della pace, con un lavoro costante che dura da dieci anni.

Inaugurato il nuovo posto di Polizia nel quartiere di Saint Roman

Inaugurato il nuovo posto di Polizia nel quartiere...
Sabato 3 febbraio 2018,  (ft.@Direction de la Communication/Manuel Vitali)

Alla presenza di S.A.S. il Principe Albert II è stato inaugurato il nuovo posto di polizia nel quartiere di Saint Roman. Il locale si trova all'inizio di boulevard d'Italie, strategicamente posizionato sul tetto terrazza del Monte-Carlo Sun; 91 mq. per controllare l'entrate est del Principato ed inviare, in caso di bisogno, unità di polizia alla frontiera con la Francia.

Il Sovrano di Monaco era accompagnato dal Direttore della Pubblica Sicurezza, Richard Marangoni, dai Ministri, dell'Urbanismo, Marie-Pierre Gramaglia e dell'Interno Patrice Cellario.

L’Agorà dei Mestieri 2018

L’Agorà dei Mestieri 2018
Venerdì 2 febbraio 2018,  (ft.@Manuel Vitali/Dir. Communication)

Per accompagnare gli studenti in un percorso di orientamento, la Direzione dell’Educazione Nazionale, diretta da Isabelle Bonnal ha organizzato l’edizione 2018 de L’Agorà dei Mestieri che si è svolto presso l’Auditorium Rainier III. 

L’evento, solitamente dedicato agli studenti delle scuole medie, quest’anno è stato aperto anche le classi degli ultimi due anni del liceo. 450 studenti delle medie e 472 dei licei del Principato hanno avuto la possibilità di avere informazioni sul mondo di lavoro anche direttamente da alcuni rappresentati del tessuto economico locale. In particolare quest’anno era presenti rappresentanti del settore alberghiero, restaurazione, bancario e finanziario e dei mestieri legati alla sanità. Grande interesse anche per i mestieri che riguardano le costruzioni, l’immobiliare.
I giovani hanno così ricevuto utili consigli per la scelta degli studi per il loro avvenire professionale. Un momento di grande importanza anche per il Centro d’Informazione dell’Educazione Nazionale, che ha potuto comprendere più facilmente l’aiuto che può apportare agli studenti.

Gli studenti del liceo hanno avuto anche un incontro organizzato dalla commissione d’inserzione dei diplomati per presentare tre settori d’attività che ricercano personale preparato: nuove tecnologie e yachting.

IL PRINCIPE NON ABDICA! di Cinzia Sgambati-Colman

IL PRINCIPE NON ABDICA! di Cinzia Sgambati-Colman
Giovedì 1º febbraio 2018,  (ft.@Eric Mathon/Palais Princier)

Come una frase possa fare il titolo di articoli di stampa e distorcere il contesto reale di un’intervista. È accaduto al nostro Sovrano, durante l’intervista concessa a Parigi ad una televisione francese. S.A.S. il Principe Albert II ha risposto a tutte le domande che riguardavano la sua vita privata, la sua attività di Capo di Stato e il suo impegno ambientalista.

Purtroppo di tutta l’intervista, l’essenza è rimasta: il Principe Albert II abdicherà.

Al di là dei clamori bisogna situare la risposta del Sovrano ad una domanda precisa. Abbiamo pertanto chiesto al Capo Ufficio Stampa del Palazzo del Principe, Nicolas Saussier, di spiegare l’affermazione: “Il Sovrano ha semplicemente risposto alla domanda del giornalista che aveva chiesto se avesse intenzione di governare fino all’ultimo giorno della sua vita, come fece suo padre il Principe Ranieri III. Ed il Sovrano ha risposto che se un giorno non avesse più la forza di assolvere tutti i suoi impegni deciderà di abdicare. – Aggiunge Nicolas Saussier – Il Principe è un uomo in ottima salute, ha uno stile di vita sano ed è molto attivo. Bisogna rendersi conto che ha un’agenda ricca di impegni come Capo di Stato, partecipa a circa 400 eventi all’anno e se un giorno non ne avesse più la forza, abdicherebbe. È un uomo moderno, preparato, consapevole. Del resto anche Papa Benedetto XVI decise di lasciare il pontificato perché non aveva più la forza di guidare la chiesa! Non è certo una decisione del prossimo futuro”.

Nell’intervista il Principe ha spiegato che con sua moglie, la Principessa Charlene, hanno deciso di introdurre dolcemente i propri figli alla vita pubblica, senza creare degli choc ma abituandoli a quello che sarà il loro ruolo futuro. LA mediatizzazione internazionale della famiglia Grimaldi è un fatto indiscutibile.

Il Sovrano ha parlato dei tanti cantieri per ampliare il Principato, tra cui l’estensione in mare (eco-quartiere), necessari per lo sviluppo, nonostante le lamentele di alcuni abitanti per il disturbo che i lavori arrecano ma assolutamente necessari. Al centro dell’intervista anche l’impegno del Sovrano nella protezione dell’ambiente, attraverso la FPA2; della partecipazione degli atleti di Monaco ai Giochi Olimpici in Corea, lui stesso partecipò a 5 Olimpiadi invernali con il bob quando era Principe ereditario.

MONACO TECH: NUOVO BANDO DI CONCORSO PER GIOVANI PROGETTI

MONACO TECH: NUOVO BANDO DI CONCORSO PER GIOVANI P...
Mercoledì 31 gennaio 2018,  (ft.©D.R.)

MonacoTech, l’incubatore/acceleratore di startup creato dallo Stato monegasco nel 2017, in collaborazione con Monaco Telecom, che ha per obiettivo principale di sostenere la creazione e il lancio di progetti giovani e innovativi, lancia il suo terzo bando di concorso

Ricordiamo che subito il primo anno, MonacoTech aveva ricevuto 172 progetti di cui ne erano stati scelti 15 per integrare la struttura.

Le candidature 2018 dovranno essere depositate entro il 1º marzo 2018 a mezzanotte: https://monacotech.mc/apply-now/ 

La giuria si riunirà per selezionare i progetti il 12 aprile.
 

Riunione della Commissione franco-monegasca

Riunione della Commissione franco-monegasca
Lunedì 29 gennaio 2018,  (ft.©Direc.Communication)

Riunione della Commissione franco-monegasca sotto la presidenza congiunta di Maurice Gourdault Montagne, Segretario Generale del Ministero dell’Europa e degli Affari Esteri e del Ministro di Stato del Principato, Serge Telle.

Al centro dei colloqui le prospettive europee dall'apertura dei negoziati per un accordo di associazione tra il Principato e l'Unione europea, il 18 marzo 2015 a Bruxelles. In particolare, è stato discusso l'impatto di questi negoziati sui trattati bilaterali esistenti e punti di interesse comune.

Tra gli altri punti all’ordine del giorno, oltre alle tassazioni dei monegaschi che hanno beni in francesi, anche le infrazioni stradali registrate con autovelox ma anche le modalità attraverso cui le aziende monegasche possano candidarsi per partecipare al mercato pubblico francese e sui lavori per trovare un’accoro per l’apertura della bretella autostradale di Beausoleil.

Le due parti si sono anche accordate su una riflessione strategica per il rinforzo della cooperazione transfrontaliera.

AUGURI A S.A.S. LA PRINCIPESSA CHARLENE CHE OGGI 25 GENNAIO COMPIE 40 ANNI

AUGURI A S.A.S. LA PRINCIPESSA CHARLENE CHE OGGI 2...

Auguri del Ministro di Stato alla stampa

Auguri del Ministro di Stato alla stampa
Matedì 16 gennaio 2018, (ft.©Charly Gallo/Direc.Com.)

Il Ministro di Stato ed i componenti del governo hanno riunito i rappresentanti della stampa del Principato per i consueti auguri di Buon Anno. Serge Telle, nel suo discorso, ha fatto un giro di orizzonti degli appuntamenti principali che caratterizzeranno l’attualità del 2018.

“Il 2017 è stato un anno complesso e difficile e nel futuro non credo che ci saranno grandi cambiamenti. La potenza americana subisce un’erosione senza precedenti. Gli Stati in generale perdono potere a favore di aziende gigantesche che sono potenti al pari degli Stati … In tutto questo anche il mondo della comunicazione si trasforma - ha detto il Ministro di Stato - I social sono sempre più potenti Facebook ha circa due miliardi di utenti, Amazon impiegherà oltre un milione di persone nei prossimi tre anni. Anche queste aziende però vivono nell’incertezza dello sviluppo del blockchain che potrebbe accelerare atti di delinquenza verso le istituzioni.
Sarà un anno importante per le elezioni che a Monaco si svolgeranno a febbraio per l’elezione del nuovo Consiglio Nazionale. Un momento importante per la vita della politica e la prosperità di Monaco -ha detto il Ministro - che ha promesso relazioni cordiali con qualsiasi vincitore delle prossime elezioni per il Consiglio Nazionale”. Tra gli appuntamenti importanti del 2018 il Ministro ha ricordato: “la Transizione Digitale che riorganizzerà l'amministrazione e la realizzazione della Smart City. La Sicurezza con scambi d’informazioni, essenziali e continui, con gli altri Paesi e la determinazione del Principato di prevenire qualsiasi minaccia. I Negoziati con l’Unione Europea che proseguiranno nel rispetto della nostra identità e che dovranno tenere conto dello sviluppo delle ambizioni del Principato. La Transizione energetica guidata dallo stesso Sovrano: un impegno prioritario per il Principato e per il futuro delle prossime generazioni”. Il Ministro di Stato Serge Telle ha promesso grande trasparenza verso la stampa ed i cittadini nell’esame dei tanti dossier d’attualità che saranno affrontati durante l’anno. “Il lavoro dei giornalisti oggi è diventato una vera missione, leggiamo sempre con grande attenzione e rispetto i vostri articoli, anche se a volte esistono delle dissonanze, il vostro lavoro ci porta a nostra volta a compiere un lavoro di introspezione che ci obbliga ad interrogarsi sulla verità che si deve al pubblico, una verità esigente che ha bisogno di analisi e neutralità. Concludo augurano un Buon 2018 in un percorso che porterà al compimento delle nostre rispettive missioni a servizio del Principe e Principato”.

Avviso di tempesta

Avviso di tempesta

Mercoledì 3 gennaio 2018, (ft.©WSM/Colman)

Meteo France ha emesso un vviso arancio per la giornata di mercoledì 3 gennaio per venti forti tra le 12 e le 22. In effetti la Costa Azzurra e quindi anche il Principato sarà toccato dalla depressione Eleanor con venti fino a 90Km/h.
Il governo di Monaco recommande alla popolazione di prendere le precauzioni per evitare la caduta o la possibiltà che volino oggetti da balconi o terrazze. Si racommanda di controllare le imbarcazioni all'ormeggio e di evitare uscite in mare o passeggiare lungo le spiagge con attenzione. 

OLENA PRYKHODKO presidente 2018 della JCEM

OLENA PRYKHODKO presidente 2018 della JCEM
Mercoledì 7 febbraio 2018, , (ft.@JCEM)

La Jeune Chambre Economique di Monaco (JCEM) ha la sua nuova presidente. Si tratta di Olena Prykhodko nata in Ucraina dove ha realizzato alcuni progetti con le Nazioni Unite per procurare alla gioventù del suo Paese dei servizi educativi di qualità. Ha rappresentato la sua nazione a conferenze internazionali.

Olena Prykhodko si è trasferta in Francia all’età di 16 anni, laureata all’Università di Nice-Sophia Antipolis, con un master 2 in diritto d’affari, ha iniziato a lavorare a Monaco in un multi-family office. Nel 2015 ha fondato la sua società, con cui propone programmi su misura per le famiglie che vivono nel Principato con l’obiettivo di preparare i giovani al mondo in continua evoluzione.

Nel 2014 entra nella JCEM e ricopre diversi incarichi all’interno dell’associazione occupandosi della Start-Up-Weekend al programma di formazione nel 2017. Olena Prykhodko è la più giovane presidente della JCEM.

Monaco Telecom acquisisce MTN Cipro

Monaco Telecom acquisisce MTN Cipro
Giovedì 6 settembre 2018, 

Il Direttore Generale di Monaco Telecom, Martin Peronnet, ha annunciato che la società ha acquisito MTN Cipro, divenendo l’azionario unico. MTN Cipro è in forte crescita con oltre 400 mila clienti e una cifra d’affari di 123M€ nel 2017.

Un’acquisizione che rientra nella strategia di sviluppo internazionale di Monaco Telecom voluta dai suoi azionisti. Ha dichiarato Martin Peronnet: “Abbiamo l’ambizione di proseguire la crescita di MTN Cipro per offrire ai ciprioti servizi di telecomunicazione di alta qualità, performance e innovazione”.