ASSOCIAZIONI - montecarloin.net

Presentazione della stagione 2018-2019 della Dante Alighieri

Presentazione della stagione 2018-2019 della Dante...
Venerdì 31 agosto 2018, il Presidente Sarno e Lia Riva al Tunnel omonimo dove si svolgeraà la presentazione (ft.©WSM/Colman)

Gli iscritti all'associazione Dante Alighieri e tutti coloro che sostengono il comitato di Monaco sono inviati alla presentazione della stagione 2018-2019 che si terrà mercoledì 19 settembre alle ore 18.30 presso il 
Tunnel Riva.

Si tratta di una serata internazionale, dove tutti i Comitati della Dante all'estero, presentano al loro pubblico la nuova stagione culturale.

La serata avrà un intermezzo musicale intitolato, "La Parola signora della Musica: preludi d’opera" con Andrea Albertini al pianoforte, Sara Airoldi al violoncello e Elisa Parodi al flauto
SARA AIROLDI.png
Sara Airoldi, violoncello
ANDREA ALBERTINI.jpg
Andrea Albertini, pianoforte
Elisa parodi.jpg
Elisa Parodi, flauto

Giornata Mondiale di Primo Soccorso: 8 settembre

Giornata Mondiale di Primo Soccorso: 8 settembre


Giovedì 30 agosto 2018

Con lo slogan, Vous n’avez pas besoin de permis pour sauver des vies! (Non c’è bisogno di permesso per salvare una vita), la Croce Rossa Monegasca (CRM) celebra la Giornata Mondiale di Primo Soccorso organizzando in collaborazione con il Governo, il Centro Ospedaliero Princesse Grace e l’associazione Prevenzione stradale, la giornata porta aperte sabato 8 settembre presso lo Chapiteau de Fontvieille dalle ore 10 alle 18.

La giornata destinata agli adulti ma anche a bambini e adolescenti ha per obiettivo di sensibilizzarli e familiarizzarli i primi gesti da compiere in caso di primo soccorso e ai comportamenti da tenere sul tema “Primo soccorso e sicurezza stradale”.

Ci saranno diverse attività sul tema sia nello chapiteau che all’esterno animate dai volontari della CRM, da pompieri, Carabinieri del Principe, Polizia, Direzione dell’Educazione Nazionale e dall’ospedale CHPG.

Entrata libera


A tale of two cities : mostra a scopo benefico

A tale of two cities..JPG
Kamil Galerie.JPG
Mercoledì 25 luglio 2018,  (ft.©Kamil Gallery)

La Fondazione Magic of Persia (MOP)ha come obbiettivo quello di promuovere l’arte contemporanea iraniana attraverso il mondo Per il secondo anno torna a Monaco grazie alla collaborazione di Caroline Jelmoni Kamil Davaripour della Kamil Art Gallery.

MOP è nata nel 2004, sotto forma di piattaforma che riunisce gli artisti iraniani per mettere in primo piano i loro lavori ma si adopera anche per assegnare borse di studio. Le opere, che saranno battute all’asta da Christie’s, durante una cena di gala prestigiosa allo Yacht Club di Monaco il 28 luglio, sono visibili presso Kamil Art Gallery.

Un dono sarà consegnato anche alla Fondazione Principessa Grace e alla Direzione dell’educazione Nazionale di Monaco in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia.

Monaco s’impegna verso un futuro senza AIDS

Monaco s’impegna verso un futuro senza AIDS
Martedì 10 luglio 2018,  da sinistra Bertrand Audoin, Didier Gamerdinger, Michel Sidibé, S.A.S. la Principessa Stephanie, Georges Marsan, (ft.©WSM/Colman)
 
È stato firmato presso il Comune di Monaco il documento “Monaco verso un futuro senza AIDS” che rientra nell’ambito della Dichiarazione di Parigi. A porre le firme, S.A.S. la Principessa Stephanie, presidente di Fight Aids Monaco, il Sindaco di Monaco, Georges MarsanDidier Gamerdinger, Ministro della Salute  ed Affari Sociali, Michel Sidibé, Direttore Esecutivo de l’UNAIDS, e Bertrand Audoin Vice-Presidente de IAPAC(International Association of Providers of AIDS Care), incaricato del programma “Le città si impegnano per l’Europa” (Les villes s'engagent pour l'Europe) nella dichiarazione di Parigi.

Sono in tutto 250 le città che hanno siglato questo documento ma Monaco è la prima città-Stato a farlo.
Tre gli obiettivi principali da raggiungere: -90% di persone che vivono con il virus HIV sono diagnosticati; - 90% delle persone diagnosticate sono sotto trattamento; 90% delle persone in cura ha una carica virale non rilevabile.

Abbiamo incontrato S.A.S. la Principessa Stephanie a cui abbiamo chiesto:Per lei è un momento importante questo della sigla del documento ci vuole spiegare?  “ Si certamente soprattutto perché Monaco ha già raggiunto i tre obiettivi. Sono anni che abbiamo preso coscienza di questo problema e che bisogna andare verso le persone, convincerle a fare lo screening, abbiamo realizzato tante iniziative che hanno portato i loro frutti. Siamo stati innovatori con un‘associazione, così come on la creazione della Maison de Vie, abbiamo dato un esempio ed altri hanno seguito. –prosegue la Principessa – Nell’associazione ho una piccola equipe di persone che lavora molto, rispetto a grandi associazioni dove ci sono 400 impiegati ma non fanno certo il lavoro dei miei collaboratori quindi è formidabile!”.
Altezza lei è sempre stata impegnata in prima linea nella lotta all’AIDS e conosce bene la materia, lei è stata il motore di tutti i risultati raggiunti a Monaco. Risponde la Principessa Stephanie: “Sono molto fiera perché come piccolo Stato facciamo in proporzione molto di più dei grandi Paesi e anche se esistono sempre delle discriminazioni. Anni fa mi resi conto di quello che stava accadendo con il virus dell’AIDS decisi di fondare l’associazione Fight Aids, mi è stato chiesto di diffondere dei messaggi che sarei stata un’ottima ambasciatrice perché mi accorgo delle cose e faccio tutto con cuore e passione. Non lo faccio per rappresentare una causa come fanno molte persone note, ma perché credo in quello che faccio e mi tocca nel profondo del cuore, cuore di mamma e di donna. Si dice che le donne cambieranno il mondo, ed ecco, ci credo”. 


Nel suo discorso il Sindaco Marsan, ha ricordato quanto sia “essenziale la campagna di screening grazie all’operazione Test in the City, voluta dal 2012 da S.A.S. la Princesse Stéphanie. In effetti, - ha spiegato Marsan- portando lo screening fuori dagli ospedali due volte all’anno, in diversi quartieri della città i volontari di Fight Aids Monaco incontrano le persone nella loro quotidianità, per informarle e invitarle fare il test”.
Del resto se i controlli sono fondamentali, la comunicazione lo è altrettanto nella lotta per sradicare l’HIV, ha anche aggiunto Marsan. 

Firmando la dichiarazione “Monaco senza AIDS”, il Comune di Monaco e il governo del Principe si impegnano ufficialmente al fianco di Fight Aids Monaco apportandogli sostegno. Altre iniziative comuni saranno presentate prossimamente.

Il Ministro della salute ed affari sociali, Didier Gamerdinger ha dichiarato: “Fight Aids Monaco, il governo e il Comune di Monaco, lavoreranno insieme. Prossimo appuntamento Test In The City, nell’ultimo quadrimestre 2018, con una campagna di comunicazione”.

In serata grande serata di Gala dell'associazione Fight Aids Monaco presso la salle des étoiles dello Sporting. La Principessa Stephanie è arrivata accompagnata dai figli per una serata spumeggiante al ritmo "The Originals Gypsies"
Principessa Stephanie-Fight AIDS-WSM_.jpg
Collaboratori e volontari dell'associazione FAM insieme alla Principessa
Pauline-Stephanie-Louis ducruet-Marie Chevallier-....
Da sinsitra Pauline Ducruet, S.A.S. la Principessa Stephanie, Louis Ducruet e Marie Chevallier (ft.@FAM)

Aperta Handiplage-Audioplage per l’estate2018

Aperta Handiplage-Audioplage per l’estate2018
Mercoledì 4 luglio 2018,  (ft.©C.Gallo/Direc. Ccom)

È stato aperto il 1º luglio, il sito Handiplage e Audioplage che accoglie, sulla spiaggia del Larvotto, le persone a mobilità ridotta per permettere loro di fare il bagno al mare. All’inaugurazione erano presenti il vice-sindaco, Marjorie Crovetto-Harroch, Véronique Charlot, direttore della Direzione dell’Azione e dell’Aiuto Sociale, Françoise Ragazzoni, Presidente dell’Internazionale Soroptimist club.

Handiplage-Audioplage è il frutto di una collaborazione tra il governo monegasco e l’Internazionale Soroptimist Club di Monaco. Il sito accessibile ed aperto al pubblico fino al 4 settembre senza bisogno di prenotazione o registrazione. Ricordiamo che anche previsto a Monaco un circuito di Mobi’Bus che porta al Larvotto.

Per info: DIVISION DE L'INCLUSION SOCIALE ET DU HANDICAP - 19, avenue des Castelans -
Tel.: (+377) 98 98 41 00 Orari: dalle ore 10 alle 17 tutti i giorni fino al 4 settembre

LES PONTONS FESTEGGIANO L'ESTATE

LES PONTONS FESTEGGIANO L'ESTATE
Lunedì 2 luglio 2018, SAS il Principe Albert II alla serata de Le Pontons... (ft.©WSM/Colman)

L'associazione Les Pontons de Monaco, con un party marinaro, ha festeggiato l'inizio della stagione estiva. Intorno al Presidente dell'associazione, Franck Lobono, tutti i proprietari degli armatori che possiedono imbarcazioni che non devono superare i 18 metri e non essere inferiore agli 8.

Quest'anno alla serata è intervenuto anche S.A,S. il Principe Albert II, il Presidente del Consiglio Nazionale Stéphane Valeri e il Sindaco, Georges Marsan.

Nel suo discorso, il Presidente Lobono, ha annunciato che Arnaud Giusti, capo servizio delle attività sportive del Comune, rappresenterà l'associazione come delegato osservatore alle riunioni della gestione del porto. 
"In questo modo si potrà far sentire la voce anche dei diportisti delle imbarcazioni più piccole - ha detto Lobono- era qualcosa che avevo promesso durante la campagna elettorale del Consiglio Nazionale ed abbiamo mantenuto la parola data".

Serata in musica all'insegna di convivialità e marineria.
Les Pontons de Monaco party.jpg

Tante novità a CREM, Club dei Residenti Stranieri

Tante novità a CREM, Club dei Residenti Stranieri
Venerdì 22 giugno 2018, Louisette Levy Soussan Azzoaglio e Chris Dhondt, (ft.©WSM/Colman)

Tanti cambiamenti in casa CREM, il Club dei Residenti Stranieri. La presidente e fondatrice del club, Louisette Levy Soussan Azzoaglio ha presentato il nuovo direttore si tratta del belga Chris Dhondt mentre addetta alla relazioni è sempre Magali Baroud e Sabine Baldo si occupa del coordinamento degli eventi.
A rafforzare il team un giovane e brillante stagista, studente universitario Brandon Leotardi.

Il neo direttore Dhondt, ha presentato i prossimi eventi del club che conta oggi 400 membri di 30 Primo importante rendez-vous è l’anniversario di CREM, il prossimo 26 giugno il club festeggia 8 anni e per l’occasione una festa sarà organizzata all’hotel Metropole intorno alla piscina, serata esclusiva rivolta ai membri del club.

Il programma per la nuova stagione, dopo le vacanze è già pronto e come sempre club propone eventi esclusivi e atipici. Tra gli appuntamenti più interessanti presentati da Chris Dhondt c’è una visita al Consiglio Nazionale, quella del dell’eliporto; alla scoperta del sottosuolo Metropole, dove i visitatori potranno scoprire come l’hotel potrebbe essere indipendente per una settimana dal punto di vista energetico! È programmato anche un viaggio alla scoperta del Domaine du Bellet e un’uscita in mare in collaborazione con lo YCM che attraverso Pelagos porterà i soci del club alla scoperta dei cetacei in alto mare. Thomas Fouilleron terrà una conferenza sull’esposizione a Pechino dedicata ai Grimaldi intitolata “Principi e Principesse”; in un’altra conferenza, Alain San Giorgio spiegherà le varie decorazioni monegasche mentre i ministri, Marie Pierre Gramaglia, parlerà di ambiente e Gille Tonelli del negoziato tra Monaco e la UE. CREM, la casa dei residenti, accoglie gli iscritti durante tutto l’anno per due chiacchiere tra amici, una partita di carte o biliardo, per il cocktail il mercoledì aperto anche al pubblico ma anche con tanti altri eventi musicali, di moda e di arte.

Cambio di presidenza allo Zonta Club

Cambio di presidenza allo Zonta Club
Venerdì 22 giugno 2018, (ft.©D.R.)

Lo Zonta Club di Monaco ha festeggiato mercoledi13 giugno la nuova Presidente Gisèle Treves. Il passaggio di consegne è avvenuto nel corso di una piacevolissima serata che si é svolta al Monte-Carlo Country Club.

Alla presenza di numerosi ospiti e rappresentanti di altri club. Gisèle Treves, da lungo tempo molto attiva nel club di Monaco, succede a Loredana Scifoni che ha raggiunto nei 2 anni della sua presidenza ottimi risultati.

Durante la serata, la presidente uscente, Loredana Scifoni, ha presentato Bianca Garvin, presidente del Monaco Z club, il gruppo giovanile del club, di età compresa tra i 14 e i 17 anni.

Alla Presidente Treves e al nuovo board composto da Lucette Legot, vicepresidente e Paola Pizzorni, tesoriera, l'augurio sincero di buon lavoro.

The Riviera Waterbike Challenge: la gara, di Maurizio di Maggio

gara Riviera Bike Challenge.jpg
LL.AA.SS. i Principi di Monaco in gara sulle water bike (ft.©Eric Mathon/PalaisPrincier)
Principessa Charlene.jpg
S.A.S. la Principessa Charlene
Lunedì 18 maggio 2018, 

La seconda edizione del  Riviera Waterbike Challenge si è svolta su un circuito delimitato da boe all’esterno del porto di Monaco. Il pubblico poteva assistere alla gara dalle gradinate del solarium della Grande Digue.


Erano 44 gli atleti di varie specialità che per una buona causa hanno imparato ad andare sulle water bikes, piccoli catamarani con una bici al centro: grazie alla forza dei pedali si muove una piccola elica che sposta l'imbarcazione.

Gli atleti erano divisi in 22 squadre e si davano il cambio ad ogni giro del circuito, che alla fine li ha portati a percorrere un totale di 20km sull'acqua. Atmosfera da evento sportivo per famiglie, con strutture gonfiabili per i bimbi, stand di bevande energetiche e hot dogs, musica e intermezzi con le Cheerleaders di MC Performers.

Erano presenti tra i concorrenti Mika Hakkinen, David Coulthard, Valery Bottas, Pierre Casiraghi, Felipe Massa, il giovane pilota di F1 Charles Leclerc e i fratelli Wittstock, fratelli della Principessa Charlene.

Tra le tante squadre presenti all’evento anche quella di Brooks Brothers composta da: Spyros Tsouvelekakis, Leonidas Kambanis, Christos Fiotakis ed i celebri atleti Steve Crem e Ulisses Jnr.

La gara era organizzata con lo scopo di raccogliere fondi per la Fondazione della Principessa Charlene.

Ed è stato il Team Serenity con il quale era in gara la Principessa a vincere, seguito da Equi Capital e COCC.
Prin.AlbertII-Charlene.jpg
Il Sovrano premia la squadra della Principessa, Serenity, arrivata sul 1º gradino del podio. 
Equipe Serenity.jpg
Il Sovrano posa accanto alla Principessa e alla sua squadra vincitrice, con lei: David Tanner, Christophe Dominici, Terence Parkin, Mark Webber
Brooks Brothers - copie.jpg

Riviera WaterBike Challenge

Riviera WaterBike Challenge
Sabato 16 giugno 2018, Nella foto la presentazione della gara Pierre Casiraghi, Paula Radcliffe, Gareth Wittstock, Federico Vella,  Rudi Keil, Mika Hakkinen, Olivier Jenot, (ft.©Eric Mathon/Palais Princier)

II edizione del Riviera Water Bike Challenge organizzato dalla Fondation Princesse Charlene, domenica 17 giugno con partenza alle ore 10. Gara in bicicletta posta su uno speciale galleggiante; parteciperanno diversi campioni.

22 squadre e 44 atleti prenderanno alla gara tra questi anche alcune star dello sport e molti dilettanti.
Le squadre dovranno compiere 30 giri su un percorso di 20 km. davanti alla baia di Monaco, di fronte alla diga del porto a bordo di queste strane biciclette galleggianti denominate  Schiller S1-C.

Il pubblico potrà assistere alla gara dalla grande diga e partecipare alla diverse animazioni del villaggio.

I fondi raccolti saranno utilizzati per sostenere le azioni della Fondation Princesse Charlene de Monaco.

Gran Galà de Brasil Monaco Project

Gran Galà de Brasil Monaco Project
Giovedì 31 maggio,  (ft.©BMP)

La presidente dell’associazione Brasil Monaco ProjectLuciana de Montigny, organizza il 2 giugno alle ore 19,  una serata di gala, sotto l’alto Patrocinio di S.A.S. il Principe Albert II, per celebrare l’unione fraterna tra il Brasile e Monaco. 
 
Sarà anche l’occasione per la presidente di annunciare la nascita di una nuova fondazione caritativa, la Butterfly Worldwide Foundation. Una Fondazione dedicata all’Unione dei Popoli e al Rispetto delle Culture, con un programma di azioni concrete nell’educazione, nella salute e nella protezione dell’Ambiente.

La serata si galaà si terrà presso l'Opera Garnier, in programma un concerto di musica pop, seguito da una cena gastronomica con Chef brasiliani e monegaschi, al Cafè de Paris che si trasformeraà in Cafè du Brasil. Sarà organizzata anche una vendita di beneficenza di opere d’arte selezionate, animazioni e un “after DJ party”.

Un modo per festeggiare l'unione tra due Paesi dimostrando solidarietaà per la nuova Fondazione.

Penotazioni: brasilmonacogala@gmail.com
Concerto Opera Garnier ore19
Cena: Café de Paris (Café do Brasil) ore 21

Nasce l'associazione Monaco Friends of Israel

Nasce l'associazione Monaco Friends of Israel
Venerdì 4 maggio 2018, (ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)

Grande serata di Gala allo Yacht club di Monaco per la nascita della nuova associazione Monaco Friends of Israel, in occasione della celebrazione dei 70 anni dello Stato d’Israele. 

L'associazione contribuirà a favorire i legami di amicizia tra Monaco e Israele, a livello culturale, economico e d’innovazione. 

Nella foto da sinistra: il fondatore di Monaco Friends of Israel, Philippe Benzimra, S.A.S. il Principe Albert II, l’Ambasciatrice di Israele a Monaco Aliza Bin Noun, e il presidente dell’associazione Franck Biancheri,

Fine settimana d'arte per la COMUNITÀ ELLENICA DI MONACO

Fine settimana d'arte per la COMUNITÀ ELLENICA DI ...
Domenica 29 aprile 2018, Il comitato dell'associazione intorno a Dakis Joannou alla presidente Sophia Vaharis-Tsouvelekakis e a Sir Stelios Haji-Ioannou, (ft.©WSM/Colman)

Cambio di guarda alla presidenza della Comunità Ellenica di Monaco. La presidente neo-eletta, Sophia Vaharis-Tsouvelekakis, ha organizzato un fine settimana legato all'arte in concomitanza con Art Monte-Carlo. Venerdì 27 aprile grande serata allo Yacht Club dove una cena di gala ha riunito gli iscritti all'associazione per una serata omaggio a due personaggi ellenici legati al mondo dell'arte.
Dopo un filmato che ha ripercorso le loro carriere e le loro attività sono stati premiati come "Les Grands grecsDakis Joannou, ingegnere di formazione, imprenditore e considerato uno dei più grandi collezionisti d'arte contemporanea europea e americana e Sir Stelios Haji-Ioannou, meglio conosciuto come Mister Easy Jet, imprenditore e grande filantropo.

Sabato, nello spazio Diaghilev di Art Monte-Carlo al Grimaldi Forum, la presidente della Comunità Ellenica di Monaco, Vaharis-Tsouvelekakis hanno organizzato una conferenza tenuta da  Dakis Joannou e Sir Stelios Haji-Ioannou sul tema: "Start up: Business et Art" moderata dal giornalista e scrittore Yorgos Archimandritis.

http://​www.communautehellenique.mc

Start up- Business et Art - copie.jpg
Conferenza con Dakis Joannou e Sir Stelios Haji-Ioannou sul tema: "Start up: Business et Art" (ft.©WSM/colman)

La Principessa di Hannover in visita al Campo Roya

Principessa di Hannover-Beatrice Casiraghi-AMADE-G...
Principessa di Hannover- Amade- Campo profughi Ven...
Mercoledì 18 aprile 2018, (ft.©Gaetan Luci/Palais Princier)

S.A.R. la Principessa di Hannover, Presidente dell’Associazione Mondiale degli amici dell’Infanzia (AMADE) accompagnata da Beatrice Casiraghi e dai membri del consiglio di amministrazione dell’AMADE, si è recata al Campo di accoglienza per migranti Roya, a Ventimiglia, dove ha incontrato alcuni migranti bambini e ragazzi minori, non accompagnati (MNA) e le famiglie che sono sostenute dall’associazione.

La Principessa ha visitato lo spazio madri-figli all’interno del campo di Ventimiglia aperto ad inizio anno grazie all’AMADE, in collaborazione con la Croce Rossa Monegasca.

Salvate il Cuore delle Donne

Salvate il Cuore delle Donne
Mercoledì 4 aprile 2018, (ft.©D.R.)

La presidente dell’associazione Femmes Leaders MonacoChantal Ravera, organizza per il secondo anno la serata Salvate il cuore delle Donne. Le malattie cardiovascolari nelle donne, sono la prima causa di mortalità
nel mondo.

Gli uomini e le donne non sono uguali di fronte a queste malattie. L’obiettivo de l’Associazione Femme Leaders Mondiale Monaco, è di sensibilizzare l’opinione pubblica affinché si prendano le giuste precauzioni nel settore sanitario per questa diseguaglianza nelle terapie. Le donne oggi sono più esposte a causa del loro modo di vivere. Ogni anno nel mondo muoiono 9 milioni di donne a causa delle malattie cardiovascolari; negli ultimi 15 anni gli infarti nelle donne con meno di 50 anni sono triplicati a causa delle cattive abitudini di vita: tabacco associato a pillola, alcool, stress, sovrappeso, colesterolo, diabete, ipertensione

Questo incremento ha portato alla creazione negli USA nel 2005 del movimento GO RED FOR WOMEN.
Lo scorso anno il movimento ha chiesto all’associazione monegasca Femmes Leaders di diffondere l’attività del movimento, ed è stato organizzato il primo evento legato al "cuore delle Donne".

Per il 2018 saranno distribuiti 50 mila libretti che spiegano la prevenzione delle malattie cardiovascolari e serata di gala allo YCM giovedì 5 aprile, sotto l’Alto Patrocinio di SAS il Principe Albert II e alla presenza di SAS la Principessa Stephanie. Durante la serata si svolgerà una vendita all’asta i cui benefici saranno devoluti alla CHPG e al CCM per curare le donne colpite da malattie cardiache e che non possono curarsi.

Senza imparare la lingua si è sempre stranieri, di Cristina Veronese

Senza imparare la lingua si è sempre stranieri, di...
Domenica 18 marzo 2018, (ft.©D.R.)

Ho ascoltato l’intervento di quattro volontari che operano nei centri di accoglienza e mi sono vergognata della mia fortuna; poi ho pensato di avere un'arma: la scrittura per diffondere le notizie e per far riflettere.... Ho deciso quindi di scrivere delle donne di cui si è discusso durante la conferenza organizzata dallo Zonta Club di Monaco, presieduto da Loredana Scifoni, svoltasi presso l’esclusivo circolo l'Automobile Club di Monaco.

Tre operatrici: Yaeline Cartier, Silvia Fontana, Renate della Croce Rossa Monegasca ed un operatore Maurizio Marmo hanno raccontato, tra specchi argentati e tovaglie di lino, di donne immigrate e rifugiate che arrivano indigenti in Europa attraverso la Grecia e l’Italia. E questo contrasto lusso-indigenza vorrei sottolinearlo: per arrivare alla fine di questo post con una riflessione. I volontari che operano nei centri di accoglienza: quello dell’isola di Lesbo e al Campo Roya a Ventimiglia hanno raccontato storie e fornito dati sull’immigrazione femminile. Le donne rappresentano circa il 10% delle persone che raggiungono la frontiera franco-italiana e circa il 20% la Grecia. Quasi sempre con marito e figli. Attraverso loro le associazioni umanitarie cercano di diffondere la conoscenza dei codici e della cultura dei Paesi ai quali chiedono asilo. La comunicazione è resa possibile da altre donne, spesso ex rifugiate, che traducono e che cercano di insegnare loro l’inglese o il francese, perché senza imparare la lingua si è sempre stranieri.

Ancora una volta il potere della parola attraverso la quale giungere alla comprensione, per far capire alle donne i ruoli che sono loro negati: quello sociale, economico e politico. E poi l’assistenza medica e quella giuridica che nei centri vengono offerte dai volontari assieme a nozioni d’igiene, di contraccezione e di rispetto del proprio corpo. Le donne e i bambini sono i più fragili e spesso vittime di abusi prima, durante e dopo il viaggio che, assurdo, intraprendono per fuggire dalla violenza. Ma le storie raccontate con la luce negli occhi dei conferenzieri sono soprattutto storie di riscatto. Donne che si sono integrate, donne che trasmettono i valori di rispetto e tolleranza ai loro figli, donne che sono diventate loro stesse volontarie nei centri di accoglienza, donne che continuano a lottare, nonostante tutto l’egoismo e l’intolleranza che spesso le circonda.

La nostra società è quella della confusione, delle contraddizioni: ci si scandalizza e si scrivono pagine di teorie femministe per una frase mal posta e nemmeno una riga per le 10 000 ragazze nigeriane arrivate in Italia nel 2016 per un motivo ben preciso: la prostituzione.

Domanda: chi sono i clienti, chi sono dunque i responsabili della loro tratta?

Durante la conferenza non sono stati omessi i problemi delle città d’accoglienza, spesso allo stremo nei periodi di maggior affluenza degli immigrati in corrispondenza del numero degli sbarchi e degli accordi tra Libia, Turchia e i paesi europei. È stato specificato che i centri di accoglienza dovrebbero essere luoghi di passaggio; che ogni storia è differente. Finita la conferenza, mentre arrivavano i camerieri con i loro vassoi coperti di tartine e Champagne; ho ancora pensato alle nostre contraddizioni, al fatto che sarei potuta nascere in Congo, o in Siria o… Ok: sono qui, sono fortunata e non devo sentirmi in colpa, come facevo un tempo, posso essere utile anch’io, no? Come? Scrivendo e raccontando di donne che non hanno voce, proprio come hanno fatto i volontari durante la serata. Occorre comprendere per poter aiutare.

Concludo con una citazione della sociologa Charlotte Perkins Gilman perché mi sembra la frase perfetta per quest’ultima riflessione: “Essere circondati da cose belle ha molta influenza sulle creature umane; fare cose belle ne ha di più”.